Scopri il mondo Touring
  • Home
  • News Touring
  • In Brianza, il sontuoso palazzo aperto dai Volontari Touring

Le meraviglie di Palazzo Arese Borromeo, luogo "Aperti per Voi" a Cesano Maderno. E la sorpresa di 33 stanze affrescate nel Seicento

In Brianza, il sontuoso palazzo aperto dai Volontari Touring

di 
Tino Mantarro
5 Maggio 2020
 
Passione Italia. A fronte del forte momento di difficoltà che il Paese sta attraversando e per ricordarci tutti insieme che possiamo essere uniti anche a distanza, anzi soprattutto stando a distanza, il Touring lancia Passione Italia, una campagna per promuovere il territorio italiano e le sue bellezze. Un invito a tutti a “viaggiare da casa”, per scoprire e riscoprire ciò che ha da offrire il nostro Paese, semplicemente dal computer o smartphone. Scoprite tutti i contenuti sulla sezione dedicata del sito e sui nostri canali social. E contribuite alla mappa della bellezza con #passioneitalia #mappadellabellezza.     

A causa dell'emergenza coronavirus, le attività Touring nei luoghi Aperti per Voi sono sospese. Nell'attesa di potervi nuovamente accogliere, vi raccontiamo le loro storie attraverso le parole dei Soci Volontari che ogni giorno se ne prendono cura. A presto!

 
Palazzo Arese Borromeo è come un uovo di Pasqua. Fuori non ti dà idea di quello che c’è all’interno. Ma come in ogni uovo di Pasqua all’interno c’è la sorpresa. E che sorpresa. Ne è convinta Raffaella Maggioni, che con il marito Luciano Orsenigo due domeniche al mese è Socia Volontaria Touring a Cesano Maderno per tenere aperto questo sontuoso palazzo.

«Da fuori non riesci a farti l’idea di quello che c’è all’interno. È austero, per nulla elaborato. Certo ha un grande giardino all’italiana, una zona di prati, ma architettonicamente almeno prima vista non sembra nulla di speciale. Poi, quando entri, la sorpresa: tutte queste sale riccamente affrescate, tutti questi simboli che si trovano in ogni affresco, una vera epifania». Che sorprende anche i visitatori che magari non erano preparati a tanta ricchezza. «Una volta è venuto una ragazzo di Caserta, abituato alla Reggia, non a un palazzetto qualunque e all’uscita è venuto a ringraziarci, perché certo non è possibile paragonarli, però era felice di aver scoperto qualcosa che non conosceva».
 
 
E già, perché sinceramente quanti possono dire di essere a conoscenza dell’esistenza di Palazzo Arese Borromeo a Cesano Maderno? Dista solo quindici chilometri da Milano, e forse proprio per questo sconta un certo anonimato, dovuto alla prossimità con la città. «Soprattutto all’inizio, nel 2015, quando abbiamo iniziato a aprirla con l'iniziativa Touring Aperti per Voi in occasione di Expo veniva tanta gente dei paesi vicini che non ci aveva mai messo piede. Sì, sapevano dell’esistenza del palazzo, ma nessuno l’aveva davvero visto. E invece, ne uscivano tutti soddisfatti e contenti».

Perché il palazzo (1640-70) ha conservato quasi intatte le caratteristiche originarie, compresi i grandiosi spazi interni amplificati da affreschi di soggetti mitologici che aderiscono alla propaganda politico-iconografica di Bartolomeo III Arese, uomo di eccelsa cultura e protagonista della vita politica lombarda. In particolare sono straordinari lo Scalone degli Stemmi, il salone dei Ricevimenti, quello dei Fasti romani, la galleria delle Arti liberali.



Loro, Raffaella e Luciano, pur non essendo di Cesano Maderno ma di un paese della Brianza a una quindicina di minuti in macchina, il palazzo l’avevano visitato anni prima, con una gita organizzata. «Era abbastanza diverso, perché non era ancora tutto organizzato e restaurato come invece è adesso» raccontano. Oggi invece i lavoro di restauro sono conclusi e il palazzo, di proprietà del Comune di Cesano Maderno, è tenuto aperto da una ventina di volontari – qualcuno di Cesano, la maggioranza dell’hinterland – che lo rendono fruibile al pubblico nei fine settimana.
 
«Ma anche durante le tante aperture speciali per eventi che il Comune organizza» aggiungono. Così lo scorso anno sono venuti ad ammirarlo 4.500 persone, non poche se si pensa che Cesano non è certo sulle mappe turistiche della regione. E forse proprio quest’anno che per forza di cose si dovranno limitare gli spostamenti è l’occasione buone per scoprirlo. Raffaella e Luciano e gli altri volontari appena sarà possibile torneranno ad aprirlo, come fanno ormai da cinque anni ormai.



«Per quel che ci riguarda volevano iniziare un percorso di volontariato, ma in qualche ambito che ci fosse prossimo. Non avevamo mai pensato al settore culturale e l’offerta di Aperti per Voi ci ha colpito. Ci piace andare in giro, a vedere cose nuove, e questa per noi ha rappresentato l’occasione per conoscere luoghi nuovi e per restituire questa possibilità ad altri, tenendo aperto qualcosa che altrimenti sarebbe difficilmente accessibile».
 
E comunque, nonostante siano cinque anni che frequentano Palazzo Arese Borromeo, ogni volta scoprono qualcosa. «La parte che mi piace di più è la Galleria delle Arti liberali – racconta Raffaella – una sorta di corridoio ampio e lungo, tutto affrescato. Quando non c’è troppo movimento mi fermo a guardare i particolari, i fregi, i disegni. È tutto da scoprire questo palazzo». E per scoprirlo meglio spesso vengono in soccorso i cesanesi. «Qui vengono allestite molte mostre, così la gente del paese torna spesso».
 
«E ogni volta ti raccontano qualche aneddoto sul palazzo di quelli che si sentono spesso nei paesi» spiega Luciano. «Una volta un signore anziano mi diceva tutto sicuro che suo bisnonno raccontava al nonno che raccontava a lui di quel che succedeva in paese quando c’era il signore che usciva da palazzo per cercare le giovani della zona per prenderle, diciamo così, come servitù – spiega Raffaella –. E insomma questo signore spiegava che in quelle occasioni era tutto un fuggi fuggi di giovani, con alcune che arrivavano a imbrattarsi il volto di cenere per imbruttirsi e non essere scelte per andare a palazzo, dal padrone. Ma certo, è una voce, una storia da paese che non si trova nei libri di storia ufficiale». Una voce che è una sorpresa, come quelle delle uova di Pasqua.


 
ARTICOLI CORRELATI
Ecco gli approfondimenti su alcuni degli 84 luoghi Aperti per Voi:
APERTI PER VOI
Per scoprire tutti i luoghi Aperti per Voi, avere informazioni sulle aperture, donare e sostenere il progetto, capire come diventare Volontari Touring... cliccate su dona.touringclub.it!