Scopri il mondo Touring

Barbaresco, barolo, dolcetto... Le migliori etichette regionali secondo la guida Tci Vinibuoni d'Italia

Quali sono i migliori vini del Piemonte?

di 
Luca Bonora
1 Novembre 2021
È uscita Vinibuoni d'Italia 2022, la guida Touring dedicata ai vini prodotti da vitigni autoctoni italiani.
Questa 19ª edizione della guida - curata da Mario Busso e Alessandro Scorsone –  continua a valorizzare le radici locali, il territorio e la tipicità; inoltre dà indicazioni utili ai consumatori, che apprezzano sempre più i livelli qualitativi e il rapporto qualità-prezzo dei vini autoctoni.
 
La guida Vinibuoni d’Italia ha fatto della tipicità la sua parola chiave; essendo dedicata esclusivamente ai vini da vitigni autoctoni, questi riflettono il vitigno e il ruolo del terroir, inteso non solo come espressione edoclimatica di un’area, ma anche come tradizione enologica e come impegno dell’uomo nell’ambito della cultura e delle tradizioni locali.

Inoltre questa edizione delle guida Vinibuoni d’Italia dedica particolare attenzione ai vini dolci naturali, dolci a vendemmia tardiva, passiti, muffati e dolci fortificati, interpretando il loro momento di consumo attraverso una sorprendente eterogeneità di abbinamenti. 
 
 
COME È FATTA LA GUIDA
Vinibuoni d'Italia è divisa in 21 capitoli regionali, con in più due sezioni dedicate al Collio sloveno e all’Istria croata, due aree appena oltre confine molto interessanti dal punto di vista vitivinicolo.
In ogni regione i produttori sono indicati in ordine alfabetico.
I vini segnalati sono solo quelli ottenuti al 100% da vitigni autoctoni.
 
Le commissioni regionali hanno degustato oltre 30mila vini per scegliere le migliori 6mila bottiglie, presenti nella guida. Le 1.919 aziende selezionate rappresentano l’espressione più elevata di quanto offre il panorama produttivo italiano.
 
Tra questi, 739 vini hanno ottenuto la Corona, il massimo riconoscimento.
 
Per ogni vino selezionato la guida indica:
- la valutazione in stelle (da 1 a 4), più l’eventuale Corona attribuita
- il colore (rosso, bianco, rosato)
- la tipologia (fermo, brioso, frizzante, spumante, secco, dolce, liquoroso, passito)
- l’apprezzamento (da bere in tempi brevi, nel medio periodo o adatto all’invecchiamento)
- i prezzi (in enoteca o comunque nei punti vendita al dettaglio)
 
Per ogni cantina, oltre ai dati anagrafici (indirizzo, telefono, sito, email) e tecnici essenziali (numero di bottiglie prodotte e vitigni autoctoni coltivati), è presente una breve descrizione. Inoltre è indicato con un apposito simbolo se c’è una struttura agrituristica dove pranzare, cenare o pernottare.
 
La guida Vinibuoni d’Italia 2021 ha 824 pagine e costa 22 euro al pubblico. Per acquistarla con uno sconto del 40% riservato ai soci Tci basta andare su www.touringclubstore.com.
 
 
ROERO E RUCHÉ, DOLCETTO E BARBARESCO: I TOP DEL PIEMONTE
Oltre 40 doc, 22 docg: il Piemonte è una delle regioni italiane che ha fatto del vino di qualità il suo biglietto da visita. Con più di 100 Corone, fa il pieno di premi alle degustazioni del 2021: il “derby d’Italia del vino” con la Toscana questa edizione è vinto nettamente (107 - 81).
La selezione dei vini top piemontese è quindi particolarmente difficile: pensate che solo i barbera coronati sono 6, i barolo 39, a conferma di una produzione strepitosa, e per entrambi infatti abbiamo creato classifiche ad hoc e non li troverete qui. Per tutti gli altri, abbiamo valutato sia la presenza della corona sia un elevato rapporto qualità-prezzo.
Nella selezione top abbiamo anche quattro vini bianchi.
Ma vediamoli uno a uno assieme al produttore, ricordando che il prezzo indicato è quello della vendita in enoteca.
 
SCEGLI IL TUO VINO PIEMONTESE!
Se vuoi degustare un vino piemontese di qualità da filiera garantita e riceverlo comodamente a casa sceglilo nella cantina on line del nostro partner Tannico
 
 
LE MIGLIORI BOTTIGLIE PIEMONTESI
secondo la guida Tci Vinibuoni 2022
 
BIANCHI
- Roero docg Arneis Serramiana 2020
cantina Marsaglia di Castellinaldo (Cn), prezzo indicativo 10 euro
 
- Moscato d’Asti docg Mongioia 2020
cantina Mongioia di Santo Stefano Belbo (Cn), 14 euro
 
- Erbaluce di Caluso docg Vigna Misobolo 2019
cantina Cieck di San Giorgio Canavese (To), 13 euro
 
- Loazzolo doc Vendemmia tardiva Piasa Rischei 2018
cantina Forteto della Luna di Loazzolo (At), 32 euro
 
 
ROSSI
- Grignolino del Monferrato Casalese doc Albian 2020
cantina Angelini Paolo di Ozzano Monferrato (Al), prezzo indicativo 6 euro
 
- Malvasia di Casorzo doc Dolce Stil Novo 2020
cantina Gaudio - Bricco Mondalino di Vignale Monferrato (Al), 11 euro
 
- Nizza doc Montevenere 2018
cantina Caudrina di Castiglione Tinella (Cn), 13 euro
 
- Canavese doc Rosso Tucc-un 2018
cantina Cieck di San Giorgio Canavese (To), 10 euro
 
- Ruchè di Castagnole Monferrato docg Limpronta 2018
Cantina Montalbera di Castagnole Monferrato (At), 24 euro
 
 
- Langhe doc Nebbiolo 2018
cantina Burlotto Gian Carlo di Verduno (Cn), 11 euro

- Roero docg Prachiosso 2018
cantina Lorenzo Negro di Monteu Roero (Cn), 11 euro
 
- Roero docg Riserva Ciabot San Giorgio 2018
cantina Angelo Negro di Monteu Roero (Cn), 23 euro
 
- Roero docg Riserva Mombeltramo 2017
cantina Malvirà di Canale (Cn), 31 euro
 
- Roero docg Riserva 2016
cantina Pace di canale (Cn), 25 euro
 

- Barbaresco docg Starderi 2018
cantina Icardi di Castiglione Tinella (Cn), 32 euro
 
- Barbaresco doc Rocche dei sette fratelli 2018
cantina Lodali di treiso (Cn), 25 euro
 
- Barbaresco docg Nervo 2018
Rizzi Azienda Vitivinicola di Treviso (Cn), 40 euro
 
- Barbaresco docg Currà Ottantadue 82 2015
cantina Rattalino Massimo di Barbaresco (Cn), 44 euro
 
 
 
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Associati al Touring per avere sconti e offerte in oltre 3000 ristoranti, b&b e hotel in tutta Italia 

DIVENTA SOCIO