Scopri il mondo Touring

Dal verdicchio al rosso Conero, riprende il nostro viaggio fra le etichette top secondo la guida ViniBuoni d'Italia Tci

Quali sono i migliori vini delle Marche?

1 Dicembre 2016
E' uscita Vinibuoni d'Italia 2017, la guida Touring a cura di Mario Busso dedicata ai vini prodotti da vitigni autoctoni italiani.
Giunta alla 14ª edizione, la guida conferma il suo duplice obiettivo: valorizzare le radici locali, il territorio e la tipicità; e dare indicazioni utili ai consumatori e al mercato, che apprezza sempre più i livelli qualitativi e il rapporto qualità-prezzo che gli autoctoni esprimono.
 
COME E' FATTA LA GUIDA
Vinibuoni d'Italia è divisa in 23 capitoli regionali, con la divisione fra Trentino e Alto-Adige e l’inserimento di Istria-Croazia. In ogni regione i produttori sono indicati in ordine alfabetico e i vini segnalati sono solo quelli ottenuti al 100% da vitigni autoctoni.
Le commissioni regionali hanno degustato  26mila vini per scegliere i migliori 4.300 (presenti nella guida). Tra questi, 700 sono stati ammessi alle finali; 491 vini hanno ottenuto la Corona, il massimo riconoscimento.

Scarica gratuitamente un estratto della guida “Vinibuoni d’Italia", con l’elenco completo dei vini con la Corona!
 
Per ogni vino selezionato la guida indica:
- la valutazione in stelle (da 1 a 4), più l’eventuale Corona o Golden Star attribuita
- il colore (rosso, bianco, rosato)
- la tipologia (fermo, brioso, frizzante, spumante, secco, dolce, liquoroso, passito)
- l’apprezzamento (da bere in tempi brevi, nel medio periodo o adatto all’invecchiamento)
- i prezzi (in enoteca o comunque nei punti vendita al dettaglio)

Per ogni cantina, oltre ai dati anagrafici (indirizzo, telefono, sito, email) e tecnici (numero di bottiglie prodotte e vitigni autoctoni coltivati) essenziali, è presente una breve descrizione. E’ espressamente indicato se c’è una struttura agrituristica dove pranzare, cenare o pernottare.
 
La guida Vinibuoni d’Italia 2017 ha 704 pagine e costa 22 euro al pubblico (sconto del 20% ai soci Tci).
Per saperne di più potete consultare il sito vinibuoni.it, per acquistarla basta andare su www.touringclubstore.com.
 

IL TRIONFO DEL VERDICCHIO
Regione poco nota nel panorama nazionale, fatta eccezione per il verdicchio, le Marche vanta un indiscussa qualità e un ottimo rapporto qualità prezzo nelle sue produzioni di bianchi come di rossi. Le docg sono 5 – Castelli di Jesi verdicchio riserva, Conero, Offida, Verdicchio di Matelica riserva, Vernaccia di Serrapetrona - le doc 15.
Nella Guida ViniBuoni 2016, la regione ottiene 18 Corone, con una netta prevalenza dei bianchi (13) sui rossi;  12 i verdicchio premiati, a conferma ell’eccellenza diffusa della produzione del bianco simbolo delle regione. E anche la nostra personale classifica, realizzata selezionando i 7 vini con doppia corona, della critica e del pubblico di appassionati, comprende solo bianchi (si intende fra vini di pari livello).
Vi ricordiamo che anche questa classifica, realizzata selezionando i 7 vini con doppia corona, della critica e del pubblico di appassionati, si intende fra vini di pari livello.
 
 
Le migliori bottiglie marchigiane secondo la guida Tci Vinibuoni 2017
 
- Verdicchio di Matelica doc Petrara 2015
cantina Borgo Paglianetto di Matelica (Mc), 8-10 euro
 
- Verdicchio dei Castelli di Jesi doc classico superiore “Federico II A.D. 1194” del 2015
cantina Montecappone di Jesi (An), 9-11 euro
 
- Falerio doc pecorino "Onirocep" 2015
cantina Pantaleone di Ascoli Piceno, 10-12 euro
 
- Verdicchio dei Castelli di Jesi doc classico superiore “Stefano Antonucci” 2014
cantina Santa Barbara di Barbara (An), 16-18 euro
 
- Verdicchio dei Castelli di Jesi doc classico superiore “Balciana” 2014
cantina Sartarelli di Poggio San Marcello (An), 24-26 euro
 
- Verdicchio di Matelica Riserva docg “Mirum” 2014
cantina Monacesca di Matelica (Mc), 18-20 euro
 
- Castelli di Jesi verdicchio Riserva docg classico “Vigna Novali” 2013,
cantina Moncaro di Montecarotto (An), 14-16 euro
 
 
ARTICOLI CORRELATI