Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Notizie di viaggio
  • Intervista a Giuseppe Molaro, chef "Top di domani" per la Guida Touring Alberghi e Ristoranti d'Italia 2021

Lo chef del ristorante Contaminazioni di Somma Vesuviana (Na) si racconta

Intervista a Giuseppe Molaro, chef "Top di domani" per la Guida Touring Alberghi e Ristoranti d'Italia 2021

di 
Lorenza Vitali
15 Dicembre 2020
 
Come ogni anno, anche nell'edizione del 2021 la Guida Alberghi e Ristoranti d'Italia di Touring Club Italiano promuove il premio Top di domani, che individua i 4 giovani chef, promesse dell'alta cucina italiana del futuro. Ciascuno di loro appartiene a una delle quattro aree in cui abbiamo diviso la nostra penisola (Nordovest, Nordest, Centro e Sud) e viene insignito del riconoscimento per il contributo originale che apporta alla ristorazione italiana, distinguendosi per talento, curiosità, spiccata personalità e sensibilità.

Andiamo a scoprire gli astri della nuova generazione, con quattro interviste (anche video) curate da Lorenza Vitali
- Filippo Oggioni - Vecchio Ristoro, Aosta
- Edoardo Fumagalli - Locanda Margon, Trento
- Tommaso Tonioni - Achilli al Parlamento, Roma
- Giuseppe Molaro - Contaminazioni Restaurant, Somma Vesuviana (Na)




Top di domani - area Sud
GIUSEPPE MOLARO, Contaminazioni Restaurant, di Somma Vesuviana (Na)

Motivazione del premio della Guida Touring Alberghi e Ristoranti d'Italia 2021
Dal ristorante Sensi di Tokyo, dove ha collaborato per anni con lo chef Heinz Beck, con coraggio si è lanciato nell’apertura del proprio ristorante, fuori dalle solite logiche campane. Qui ha portato una ventata d’Oriente e una cucina raffinata, che si esprime in proposte mai ripetitive, fatte di sostanza e di estetica, tradizione e innovazione. 

L'intervista di Lorenza Vitali
Ha poco più di 30 anni ma a leggere il curriculum gliene daremmo il doppio contando tutti i posti e le nazioni al mondo dove ha lavorato. È nato nel ristorante (semplice e familiare del padre) per poi andare subito in giro nei ristoranti della sua regione, la Campania. Poi il salto all’estero con una girandola di esperienze significative.

Quale è stata la più importante?
Tutte hanno lasciato il segno, ogni ristorante ha contribuito a formarmi, però forse, per citarne qualcuna, forse la prima e l’ultima: Girona e Tokyo.

Cosa hanno avuto di speciale?
Il ristorante El Raco de Can Fabes di Santi Santamaria tre stelle Michelin a Sant Celoni (vicino a Barcellona) ha fatto capire, a me che venivo dalla Campania, a che livelli può arrivare la ristorazione di qualità. La brigata della sola cucina contava più di 30 elementi, quanti ne avevo trovati io, ma sommando i 5 o 6 ristoranti dov’ero stato fino ad allora. Ognuno con una sua mansione e con regole ferree. 

E dopo la Spagna?
Italia, Portogallo, Dubai, Tokyo. Come executive chef nel ristorante Heinz Beck e Sensi by Heinz Beck a Tokyo. L’impatto con il Giappone, per via della lingua, della cultura, dell’educazione e perché no della sua cucina, è stato straordinario. Me ne sono innamorato a tal punto che quando ho deciso finalmente di rientrare a casa sono sbarcato con una moglie giapponese.

E hai aperto Contaminazioni, un piccolo locale gourmet sopra il nuovo bistrot di famiglia
Sì, sono tornato per confrontarmi con il mio territorio, per fare una cucina che racconti le mie idee, le tante esperienze che ho avuto in giro per il mondo, le tecniche che ho appreso, ma che poi si cali nei sapori e negli ingredienti con i quali sono cresciuto. Sono andato alla ricerca di tanti piccoli produttori qui nell’intorno, abbiamo il nostro orto come punto di riferimento.
 
Come definiresti la tua cucina?
Cerco di mantenere un’apparente semplicità anche se dietro c’è spesso un notevole lavoro di preparazioni, ricerca che tuttavia il consumatore non vede (se non vuole), ma che credo faccia la differenza. Ad esempio il pesce è acquistato freschissimo in grande pezzatura, ma poi frollato a lungo, acquisisce nuove sfumature di sapore.
 
La tua ambizione?
Come tutti i giovani cuochi è quella di emergere, e questo premio che ricevo di certo mi aiuterà. Ma non tanto e solo me, quanto piuttosto questo magnifico territorio ai piedi del Vesuvio che ci regala prodotti unici e straordinari e che non è conosciuto e apprezzato come merita.
 
L'intervista video di Luigi Cremona e Lorenza Vitali a Giuseppe Molaro
 

INFO E NEWS CORRELATE
I contatti per gustare la cucina di Giuseppe Molaro: Contaminazioni Restaurant, via S. Sossio 2, Somma Vesuviana, tel. 08118748325, www.molaroconcept.com 
Di Giuseppe Molaro e del suo ristorante Contaminazioni abbiamo già scritto nell'articolo dedicato al territorio di Somma Vesuviana, sempre nella sezione del sito Territori a Tavola
Regione: 
15