Scopri il mondo Touring

Il cuore del capoluogo ligure, tra fontane, teatri e palazzi

Salotti d'Italia: alla scoperta di piazza De Ferrari a Genova

di 
Luca Sartori
31 Luglio 2018
L’intricato groviglio di carrugi che avvolge il porto antico giunge fin qui, dove Genova improvvisamente cambia volto. Il pittoresco ventre della città vecchia, dove i profumi del pesce fritto e delle focacce calde si mescolano con gli odori del mare, solo qui cede il passo ad uno slargo elegante, dove alla semioscurità dei vicoli subentrano l’arte raffinata e la luce della piazza, la principale del capoluogo ligure, Piazza de Ferrari, situata nel quartiere di Portoria, uno dei sestieri in cui era suddivisa l’antica città di Genova.
 
Fulcro economico, commerciale e finanziario del capoluogo, la piazza, intitolata a Raffaele De Ferrari, duca di Galliera, uomo politico e banchiere, è caratterizzata da edifici di differenti stili architettonici che, lungo tutto il suo perimetro, si alternano alle arterie cittadine che nella piazza convergono. E’ questo l’indiscusso salotto della città, straordinaria vetrina di storia e d’arte, palese espressione della sua grandezza passata e presente.

1. PALAZZO DELLA NUOVA BORSA VALORI
E’ tra i palazzi più belli del centro storico genovese. Realizzato dagli ingegneri Dario Carbone e Amedeo Pieragostini tra il 1906 ed il 1912, propone un’architettura dallo stile neo-cinquecentesco, mentre gli interni, opera dell’architetto fiorentino Adolfo Coppedè, s’ispirano allo stile Liberty. Quando si giunge nella piazza il Palazzo della Borsa colpisce per imponenza e bellezza, merito di architettura e decorazioni, palese evidenza della potenza finanziaria del ricco mercato genovese d’inizio Novecento, quando quella di Genova era la prima borsa italiana.


 
2. PALAZZO DELLA REGIONE LIGURIA
Un tempo era il Palazzo della Navigazione generale italiana. Inizialmente accolto tra le polemiche, il progetto dell’ingegner Cesare Gamba, elaborato in collaborazione con l’ingegner Giuseppe Tallero, già autore nel 1914 del Palazzo del Credito Italiano, viene ultimato nel 1924. Monumentale edificio con facciata tripartita su porticato con archi a tutto sesto, è tra i palazzi più eleganti del centro storico.

 
3. PALAZZO DELL’ACCADEMIA LIGUSTICA
Tra gli illustri docenti vi sono stati personaggi di fama internazionale tra cui l’artista Cesare Viel, i pittori Giannetto Fieschi, Mario Chianese e Cesare Viazzi. Costruito sul sito del demolito convento di San Domenico, tra i più importanti complessi religiosi della città con una chiesa che era seconda solo alla cattedrale per le ricchezze artistiche, il palazzo è sede del Museo dell’Accademia Ligustica, straordinario percorso nella pittura ligure dal Medioevo al Novecento, a cui si uniscono le collezioni di sculture, calchi, disegni, stampe e ceramiche.
 
4. TEATRO CARLO FELICE
Tra i più noti teatri italiani, il Carlo Felice è il principale teatro genovese dove si tengono la stagione sinfonica, quella dell’Opera lirica e del balletto, oltre ai recital. Con una sala principale che conta duemila posti, situato accanto al monumento equestre di Giuseppe Garibaldi, fu costruito sull’area dell’antico Carlo Felice. Dalla struttura compatta e geometrica dal particolarmente scenografico colonnato che dà sulla piazza, custodisce, all’interno, preziosi affreschi e arazzi.

  
 
5. PALAZZO DE FERRARI
Parte di un complesso di edifici appartenuti alla famiglia genovese dei Doria, tra i casati nobiliari più importanti della storia d’Italia e attivi nella vita pubblica cittadina, Palazzo de Ferrari fu anche sede del quartier generale di Andrea Massena, generale francese e maresciallo dell’Impero, residenza del duca di Galliera, Raffaele de Ferrari, al quale la piazza è intitolata e, nel 1920, proprietà del Banco di Roma.
Costruito in stile rinascimentale, conserva al suo interno affreschi di Lazzaro Tavarone, Antonio Giolfi, Lorenzo De Ferrari e Giovanni Battista Carlone.
 
6. PALAZZO FORCHERI
Situato sul fianco di Palazzo Ducale, dal quale lo divide la salita del Fondaco, deriva dall’accorpamento di due edifici della famiglia genovese dei Doria. Per novant’anni sede del quotidiano genovese “Il Secolo XIX” è oggi sede di parte degli uffici della Camera di Commercio.
 
7. PALAZZO DUCALE
Tra gli edifici storici più importanti della città, il Palazzo Ducale era sede del dogato dell’antica Repubblica. La sua costruzione ebbe inizio alla fine del XIII secolo quando, in seguito alla vittoria contro Pisa nella battaglia navale di Meloria nel 1284, e contro Venezia nella battaglia di Curzola nel 1298, Genova vide accrescere la propria potenza ed il proprio prestigio militare ed economico nel Mediterraneo.
Edificio che nel corso dei secoli avrebbe poi subito svariate modifiche. Antica sede del governo, il Palazzo Ducale fu anche utilizzato come sede della magistratura fino al 1975. Nel 1992, in occasione delle “Colombiadi”, fu completamente restaurato valorizzando le architetture cinquecentesche del Vannone, il quale fu incaricato del suo restauro nel 1591.
Bella l’imponente facciata neoclassica che si apre su piazza Matteotti, e straordinari gli interni, tra cui il Salone del Maggior Consiglio, la principale sala del palazzo, il Salone del Minor Consiglio, detto anche “salonetto”, l’appartamento del doge, con una serie di camere comunicanti riccamente decorate, alcune in stile rococò e altre in stile neoclassico, e la cappella dogale, in stile barocco genovese. Sede di mostre ed eventi, il Palazzo Ducale di Genova è tra i poli culturali principali d’Italia.
All'interno di Palazzo Ducale potete trovare il Punto Touring di Genova, venite a trovarci!


 
8. LA FONTANA
La più nota fontana di Genova è situata nel cuore di Piazza de Ferrari. E’ costituita da una vasca centrale in bronzo al centro della quale s’innalza un grande zampillo d’acqua al quale si uniscono altri giochi d’acqua tra le vasche concentriche inferiori.


 
9. STATUA DI GARIBALDI
Posto su una base gradinata, il piedistallo rettangolare in granito Baveno sostiene la statua equestre di Garibaldi in bronzo, dove quest’ultimo indossa la camicia garibaldina ed il berretto all’ungherese, le mani sulle briglie e la spada nel fodero.
 
 

Il Touring Club Italiano apre le porte di 76 luoghi d’arte

SCOPRILI TUTTI
MONDO TOURING
- Dormire e mangiare - Scopri i nostri consigli su dove dormire dove mangiare a Genova e dintorni!
- Carte e guide - Firenze come non l'avevi mai vista nella nostra Guida Verde Firenzecomprala online a prezzi scontati!
- Punto Touring di Genova - libreria e agenzia viaggi - Tutte le informazioni
 

Dai un aiuto concreto per valorizzare i tesori d’Italia 

DIVENTA SOCIO