Scopri il mondo Touring

Le località di mare più belle, pulite e accoglienti della Puglia secondo la guida realizzata da Tci e Legambiente

Dov' è il mare più bello della Puglia?

di 
Luca Bonora
12 Giugno 2019
Il mare più bello della Puglia? Facile, basta consultare l’edizione 2019 di "Il mare più bello", la guida alla vacanze di qualità sulle coste dei mari e laghi italiani realizzata da Legambiente e Touring Club Italiano. In questa edizione le cinque vele - assegnate ai luoghi che hanno puntato sulla buona gestione del territorio, su servizi d’eccellenza, sulla manutenzione dei centri storici - sventolano in 16 comprensori marini (per saperne di più, leggi la notizia della presentazione della guida oppure clicca qui per acquistarla online).
 
"Il mare più bello" infatti non assegna più le vele ai singoli Comuni, ma all’intero comprensorio turistico, ovvero a un territorio più ampio che coinvolge più amministrazioni comunali. Una scelta dettata dal fatto che chi va in vacanza difficilmente si ferma davanti ai confini amministrativi ma visita spesso un territorio più ampio.

La guida descrive 44 comprensori su un totale di 97: è quindi una selezione del meglio delle nostre coste, da nord a sud. Senza dimenticare i laghi, anche quest’anno presenti in una sezione speciale della guida.
 
I faraglioni di Torre dell'Orso a Melendugno, nell'Alto Salento Adriatico.
 
 
IL MARE PIU' BELLO DELLA PUGLIA
Oggi vogliamo scoprire insieme a voi le località più belle della Puglia, regione che insegue il primato della Sardegna con tre comprensori a 5 vele. La regione è divisa in sei comprensori, dal Gargano fino al Basso Salento adriatico. Ecco i più belli, quelli che hanno guardagnato le cinque vele, con le relative motivazioni.
 
ALTO SALENTO JONICO - Nardò, Gallipoli, Porto Cesareo e Racale (Le)
I Comuni hanno valorizzato il patrimonio culturale, archeologico e naturalistico, promuovendo mobilità sostenibile e politiche di efficientamento energetico.
Nardò ha promosso la musealizzazione del Distretto della Preistoria, costituito dal patrimonio archeologico e paleontologico del Parco naturale regionale di Porto Selvaggio e Palude del Capitano e dal Museo della Preistoria di Nardò, allo scopo di migliorarne la conservazione e la valorizzazione.
Gallipoli ha realizzato lungo la vecchia litoranea sud, in prossimità di Baia Verde, un percorso pedonale e ciclabile a tutela delle dune e del paesaggio, che si integra con il piano del Parco naturale regionale Isola di Sant’Andrea e litorale di Punta Pizzo.
Porto Cesareo ha valorizzato il patrimonio naturalistico dell’area marina protetta e del Parco regionale con un sistema museale e di promozione rappresentato dalle torri costiere di Torre Lapillo, Torre Chianca e del Museo di Biologia Marina. Racale ha incentivato la mobilità dolce con piste ciclabili e passeggiate pedonali, e la mobilità elettrica. L’amministrazione si è distinta per una gestione sostenibile dei rifiuti, registrando oltre il 70% di raccolta differenziata.
 
ALTO SALENTO ADRIATICO - Oltranto, Melendugno e Vernole (Le)
Il Comune di Vernole si affianca da quest’anno ai Comuni di Otranto e Melendugno. Tutti attuano una politica di tutela ed educazione ambientale volta al recupero dei beni paesaggistici e culturali del territorio. Grande attenzione è rivolta al Parco naturale statale delle Cesine e all’area archeologica di Roca Vecchia. Da anni le amministrazioni locali promuovono la mobilità sostenibile con percorsi alternativi, piste ciclabili e minibus elettrici che collegano l’entroterra alle marine, di pari passo a una riqualificazione del paesaggio costiero.
 
COSTA DEL PARCO AGRARIO DEGLI ULIVI SECOLARI - Polignano a Mare, Monopoli (Ba), Ostuni, Fasano e Carovigno (Br)
Un patrimonio storico, culturale e paesaggistico all’interno della Piana degli Olivi Monumentali che si estende dalla collina al mare, inserito nell'Albo Nazionale dei Paesaggi Rurali Storici. Un paesaggio rurale unico, che comprende splendidi borghi dalla calce bianca tra oliveti monumentali masserie storiche fortificate ed elementi naturalistici e storici di pregio tra cui la via Traiana, masserie storiche fortificate e due parchi naturali, l’area marina protetta di Torre Guaceto e il parco naturale regionale Dune Costiere. Le amministrazioni hanno inoltre potenziato la mobilità dolce lungo la via Francigena e il Cammino Ellenico, itinerari storici di grande valore culturale e paesaggistico.
 
 
Di questi comprensori, come di tutti quelli segnalati, la guida indica le spiagge più belle e le iniziative per l’estate, i consigli di un esperto del territorio per scoprire alcune chicche, una selezione di strutture dove dormire e mangiare. In molti casi, poi, propone anche itinerari di visita nell'entroterra.
 
Scorcio di Ostuni (Br).
 
LE MIGLIORI LOCALITA’ DI MARE DELLA PUGLIA
secondo la guida Il mare più bello 2019 Tci-Legambiente
 
1. Nardò (Alto Salento ionico, 5 vele)
2. Otranto (Alto Salento adriatico, 5 vele)
3. Melendugno (Alto Salento adriatico)
4. Polignano a Mare (Costa del Parco agrario degli Ulivi secolari, 5 vele)
5. Ostuni (Costa del Parco agrario degli Ulivi secolari)
 
6. Fasano (Costa del Parco agrario degli Ulivi secolari)
7. Monopoli (Costa del Parco agrario degli Ulivi secolari)
8. Racale (Alto Salento ionico)
9. Gallipoli (Alto Salento ionico)
10. Vernole (Alto Salento ionico)
 
11. Porto Cesareo (Alto Salento ionico)
12. Carovigno (Costa del Parco agrario degli Ulivi secolari)
13. Isole Tremiti (isole Tremiti, 4 vele) 
 
 
COME ACQUISTARE LA GUIDA
La guida “Il mare più bello”, edita dal Touring Club Italiano, è in vendita a 19.90 euro; sconti per i soci Touring e per chi compra online su questa pagina!
Se poi cerchi informazioni specifiche su questa regione, puoi scaricare la app gratuita dedicata per Apple e Android, versione digitale delle guide verdi Tci. La trovi a questo link.
 
 
 

Associati al Touring per avere offerte esclusive e 1100 euro di buoni sconto per le tue vacanze in tutta Italia 

DIVENTA SOCIO