Scopri il mondo Touring

Riscoprire le tracce della storia – Pescara nascosta

Elio Torlontano
Martedì, 22 Settembre, 2020

Oggi possiamo affermare che la demolizione della Fortezza di Pescara fu un errore. Quanto più interessante sarebbe stata la città con un imponente fortilizio cinquecentesco a cavallo del fiume? Quali diversi sviluppi urbanistici avrebbe avuto? Quelli preconizzati nel 1868 da Francesco Paolo d’Annunzio, sindaco, e dal marchese Francesco Farina, facoltoso e influente uomo d’affari del tempo, non si avverarono: si sviluppò maggiormente e più rapidamente la parte a Nord del fiume - Castellamare Adriatico, poi unita nel 1927 con Pescara – anziché la parte sulla sponda Sud liberata dai bastioni della Fortezza, il cui acquisto dallo Stato e la successiva demolizione provocarono al Comune un gravosissimo indebitamento.

Con la Piazzaforte fu cancellata la considerevole memoria della lunga e complessa storia della città che ancora oggi si fa fatica a recuperare, tanto che il rinvenimento di importanti tracce della Fortezza ed anche di quello che c’era ancora prima sul suo sito, non sembra suscitare un interesse convinto e diffuso, anzi.

Per questo il Club di territorio di Pescara convitamente si è unito ad altre associazioni (Italia Nostra, Archeo Club, Fai, altre realtà culturali e d’intesa con il Museo delle Genti d’Abruzzo) nel Comitato Rampigna – dal nome del luogo dove era alloggiata la cavalleria all’interno della Fortezza e poi, fino ad oggi, primo campo di calcio della città – per chiedere che si prosegua nelle indagini archeologiche e si progetti la valorizzazione di quello che sarà emerso a conclusione dei lavori, avendo il coraggio di dare un volto nuovo a quella vasta area recuperando l’antico.

Con l’intento di far conoscere quanto di grande valore è già stato trovato, il Comitato Rampigna coglie l’occasione della celebrazione delle Giornate Europee del Patrimonio 2020 per organizzare sul posto l’illustrazione dei rinvenimenti e i possibili sviluppi che si attendono dal proseguimento delle indagini.

L’appuntamento è per sabato 26 settembre, dalle 11 alle 13, in via Caduta del Forte, al centro della rotonda prospicente il Rampigna (Piazza Martiri Dalmati e Giuliani) E’ richiesta la prenotazione tramite email a pescara@italianostra.org

Si avverte che il programma potrebbe subire variazioni.

Eventuali aggiornamenti sono riportati nell'evento pubblicato nella pagina Facebook del Club di territorio di Pescara