Il monastero del Salvatore e di Andronik (Spaso-Andronikov monastyr'), sulla riva destra della Jauza, non lontano dal centro, è oggi sede di una delle più ricche collezioni di icone del Paese: il Museo di arte antica Andrej Rublëv (Muzej drevnerusskogo iskusstva imeni Andreja Rublëva). Intitolato al celebre pittore-monaco che negli ultimi anni della sua vita (1360-1430) dipinse l'interno della cattedrale conventuale, il museo in realtà non raccoglie opere da lui realizzate. Davanti all'ingresso della chiesa, nell'edificio rosa a due piani che un tempo ospitava le celle dei monaci, sono conservate le icone più preziose e antiche, alcune del XIII secolo. Fra queste, capolavori della scuola di Pskov, Novgorod e Rostov. Le icone risalenti al XV-XVII secolo sono esposte nei locali della chiesa dell'Arcangelo, anch'essa di fronte alla cattedrale.