Scopri il mondo Touring

Entriamo nella chiesa di corso Magenta, dove da oltre dieci anni i volontari Touring accolgono i visitatori

San Maurizio, un capolavoro rivelato nel cuore di Milano

di 
Stefano Brambilla
3 Gennaio 2018
Dona
Chi ci entra, magari per caso, rimane sempre a bocca aperta. Perché è impossibile immaginare lo spettacolo dietro quell’anonima facciata di corso Magenta. All'esterno, San Maurizio al Monastero Maggiore sembra una chiesa qualunque. Appena varcata la soglia, ci si rende conto che è uno dei tesori più belli di Milano. 
 
Noi del Touring siamo molto orgogliosi di contribuire a tenere aperta la chiesa di San Maurizio! Merito dei nostri soci Volontari per il Patrimonio Culturale che aderiscono al progetto Aperti per Voi: oltre 70 monumenti in tutta Italia sono accessibili grazie a loro. Se volete contribuire a sostenere il progetto, associatevi al Touring: solo grazie ai nostri soci possiamo valorizzare l'Italia più bella.

LA MAGIA DEL LUINI
Ma ritorniamo alla chiesa. Intanto, San Maurizio è molto particolare nella sua struttura, che colpisce per la sua originalità. Era infatti la chiesa dell’ex Monastero Maggiore, il più vasto e antico cenobio femminile di Milano: fu iniziata nel 1503 non solo per la cittadinanza ma anche per le monache di clausura, che però non potevano entrare in contatto con il pubblico. Ecco allora la singolare divisione della chiesa in due metà: quella verso la strada - la parte pubblica - è separata da un tramezzo dal cosiddetto Coro delle Monache, riservato alle sole religiose (che sentivano Messa e si comunicavano grazie a una grata posta sul tramezzo stesso).


Ma lo spettacolo è dato soprattutto dalla decorazione. Alle pareti e sul soffitto, è un tripudio di dipinti, stucchi, affreschi che ricoprono ogni spazio, sia nella parte pubblica sia nel Coro delle Monache. Il genius loci è Bernardino Luini, che vi operò con la sua scuola dal 1522 al 1529, ritraendo storie di santi, parabole, episodi della vita di Cristo e biblici. Una straordinaria espressione della pittura rinascimentale lombarda, tanto che il ciclo di affreschi è stato definito da Vittorio Sgarbi “la Cappella Sistina di Milano”.

Gli storici dell’arte notano soprattutto gli affreschi sul tramezzo, tra cui il martirio di San Maurizio e San Sigismondo che offre a San Maurizio il modello della chiesa. I meno preparati, invece, sono colpiti da altre scene piuttosto originali, come la figura di spalle che sembra guardare altrove, nella parte pubblica della chiesa, e il grande affresco dell’arca di Noè - con tanto di unicorni! - nel Coro delle Monache. Ma i particolari da scoprire sono quasi infiniti - si starebbe ore a cercarli, tra il cielo stellato sotto il coro e la dolorosa Deposizione sopra una porticina d’ingresso.
 

IL CONTRIBUTO TOURING
Il Touring Club Italiano è particolarmente affezionato a San Maurizio al Monastero Maggiore. È dal 2006, infatti, che i Volontari Touring per il Patrimonio Culturale tengono aperta la chiesa nell’ambito dell’iniziativa Aperti per Voi. San Maurizio è stato uno dei primi luoghi italiani a essere aperto dai Volontari Touring, che in dieci anni di attività hanno accolto oltre un milione di visitatori. Un numero record, che come dicevamo rende orgoglioso tutto il Touring. 
 

 

IL RESTAURO DELLA CHIESA
San Maurizio è sempre stata un capolavoro dell’arte milanese, ma il tempo ha a poco a poco compromesso lo stato delle pitture interne: già negli anni Ottanta le cromie erano alterate, alcune figure del tutto scomparse, infiltrazioni e annerimenti all’ordine del giorno. Ecco allora la necessità di un restauro, iniziato fin dal 1985 grazie a contributi privati e poi programmato dal 1997 fino al 2015 grazie a un unico sponsor “mecenate” dell’operazione, la Banca Popolare di Milano

“BPM ha ‘adottato’ questo straordinario monumento d’arte – ha affermato il dottor Giuseppe Castagna, consigliere delegato, in occasione dell’inagurazione del restauro, a giugno 2015 – perché rappresenta concretamente l’impegno che la Banca si assume con la società civile intervenendo in progetti che creano anche valore economico”. 
 

GLI ORARI DI VISITA
I Volontari del Touring Club Italiano per il Patrimonio Culturale accolgono i visitatori all'interno degli spazi di San Maurizio al Monastero Maggiore dal martedì alla domenica dalle ore 9 alle 19.30.

L’ingresso è gratuito. La prenotazione, gratuita, è obbligatoria solo per i gruppi e le scolaresche (minimo 10, massimo 30 persone) e va effettuata con almeno 15 giorni di preavviso contattando Aster (tel 02.20404175 email: segreteria@spazioaster.it). L'ultimo orario di accesso per i gruppi è alle ore 16.15; dalle ore 17.30 in poi non è possibile prenotare. I singoli visitatori che non compongono un gruppo possono andare a visitare la chiesa liberamente negli orari di apertura. Ulteriori info sul sito di Turismo Milano.

Per saperne di più su Aperti per Voi, ecco la pagina dedicata; per sostenere il progetto, associatevi al Touring!

Si ringrazia BPM per le fotografie. 
Dona