Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • BLACK PEOPLE IN A WHITE WORLD – AN ODYSSEY OF IMAGES” DI VALERIO CORZANI A BAGNO DI ROMAGNA

BLACK PEOPLE IN A WHITE WORLD – AN ODYSSEY OF IMAGES” DI VALERIO CORZANI A BAGNO DI ROMAGNA

Dove

Indirizzo evento: 
Palazzo del Capitano, Via Fiorentina 40
Bagno di Romagna

Quando

Da Domenica 19 Maggio 2019 a Domenica 29 Settembre 2019
Dal martedì al sabato 16.00/18.30 e 20.30/23.00; Domenica e festivi 10.00/12.30 e 16.00/18.30. Chiuso il lunedì.

Contatti

Telefono di riferimento: 
334 3060684
Cellulare: 
347 1186158
Indirizzo mail: 
artsfactory.eu@gmail.com

Al via la mostra fotografica ‘Black People in a White World” del fotografo, giornalista, speaker radiofonico e musicista VALERIO CORZANI

Arts Factory e il comune di Bagno di Romagna presentano, all’interno della programmazione artistica ‘Bagno d’Arte 2019’, la mostra personale “Black People in a White World – An Odyssey of Images” di Valerio Corzani. 

"Il mio peccato è nella mia pelle" dice il verso di un blues molto noto e da questa constatazione si sono dipanate molte delle tortuose e lente ricerche d'identità che hanno portato il popolo nero al complesso mosaico della sua storia. 

“Black People in a White World” racconta in una serie di immagini in bianco e nero (un bianco e nero che parafrasa il titolo della mostra), le perlustrazioni di Valerio Corzani in giro per il mondo.

Si approda così in Marocco, Tailandia, Colombia, Mali, Zanzibar, Inghilterra, Italia, Francia, Giordania, Portogallo, Etiopia, India e Capoverde con un unico tema a guidare l’obbiettivo della macchina fotografica: la situazione del “popolo nero” ad ogni latitudine, i sogni e le vicissitudini della “Black Odyssey”, e il tentativo di documentare, sia pure in una variabile infinita di sfumature, quella che l’intellettuale senegalese Léopold Sédar Senghor chiama “la négritude”. È un viaggio disordinato e randomico, che però trova insospettabili e lungimiranti legami: il ripetersi di una posa, lo stesso tipo di attività lavorativa, un comune scenario naturale, la stessa età anagrafica, perfino un luccichio negli occhi sovrapponibile…

A punteggiare il percorso estratti dai testi delle canzoni di Nina Simone e Gil Scott-Heron, dai libri di James Baldwin e Toni Morrison e dalle dichiarazioni di Muhammad Ali e Kareem Abdul-Jabbar. Sono tutti musicisti, scrittori e sportivi statunitensi…gli Stati Uniti sono in effetti un territorio strategico per studiare le dinamiche del popolo nero, territorio che però sostanzialmente manca dalle perlustrazioni visive della mostra, votata a privilegiare regioni del mondo meno battute, considerate spesso periferiche, ma che di certo risultano altrettanto cruciali.

Valerio Corzani  (Bagno di Romagna, FC) si è laureato in Estetica con una tesi su “John Cage e il problema multimediale” è autore, giornalista, conduttore radiofonico, musicista, fotografo e scrittore. Si occupa di musica, cultura giovanile, nuovi media e viaggi.

Ha pubblicato foto e reportage fotografici per XLRepubblica, Il Manifesto, Alias, Diario, Jack, Slow Food, Il Giornale della Musica, Muz, Il Turismo Culturale, Mondomix, World Music Magazine, oltre che per il sito di Radio3Rai e per la piattaforma online internazionale Afropop Worldwide.

Dal 2017 cura una sua rubrica di ritratti fotografici, “Corzani Airlines”, sul magazine Blogfoolk e dal Dicembre 2018 collabora con il magazine della Lonely Planet pubblicando reportage fotografici e articoli.

Le sue foto sono diventate copertine degli album de Gli Ex, degli Interiors e dei Caracas.
Alcuni suoi scatti sono inseriti nei cataloghi online di Getty Images e Eyeem

Presenta programmi radiofonici per la seconda rete della Radio Svizzera Italiana ed è conduttore, autore e regista di Radio3 Rai. Con RadioRai collabora dal 1986 e ha firmato per le tre reti dei canali radiofonici nazionali centinaia di programmi e cicli, sia nelle vesti di conduttore che in quelle di autore, di consulente musicale e di regista.

Attualmente collabora con Il Manifesto, Alias, Lonely Planet Italia, Il Giornale della Musica e Blogfoolk mentre è stato la firma di riviste e magazine come XL e D di Repubblica, Slowfood, Velvet, World Music Magazine, Suono, Muz, Il Turismo Culturale, Fahrenheit 451, Jack, Diario, Fare Musica, Piano Time, Blu Jazz, Movie, Studio Report, Rockstar, ha collaborato con i canali satellitari Rai Sat Show e Match Music, nonché con la pagina spettacoli dei quotidiani Il messaggero, Il Giorno, Liberazione. 

Un suo “atlante personale” dedicato ai viaggi e agli incontri del periodo Mau Mau/Mazapegul è stato pubblicato nella collana Orme della Edt col titolo “Se è giovedì siamo in Olanda”, mentre suoi saggi sono usciti nella collana di Studi Filosofici Millepiani, nei Quaderni Perugini di Musica Contemporanea e nei volumi collettivi “L’ombra di Dioniso sulle Discoteche” (Silb Edizioni), “Indypendenti d’Italia” (Zona), “Musica 90  - vent’anni di suoni e ritmi dal mondo”, “Carlo Brighi” (Pazzini), “Re: Sound” (Unisalento Press). Nel 2009 ha scritto l’introduzione all’”Autobiografia di Miriam Makeba” edita da Gorée.

Come musicista è stato il bassista delle prime gloriose stagioni dei Mau Mau (“Sauta Rabel” e “Bass Paradis” gli album nei quali ha suonato oltre ad aver condiviso con il gruppo decine di tour in tutta Europa), il co-leader dei Mazapegul (“Controdanza”, “Bacio di Cane Bacio di Gatto” con Dodi Moscati, “Piccolo canto Nomade”) e de Gli Ex (“Canzoni della Penombra”, “Primavera Autunno Inverno”), il produttore e l'autore testi dei Daunbailò (“Daunbailò”). 

A partire dalla primavera 2015 Teresa De Sio gli ha chiesto di creare gli ambienti sonori e di suonare live nello spettacolo “L’attentissima”, reading tratto dal libro omonimo dell’artista campana uscito per Einaudi.

Oggi porta in giro il progetto elettronico Interiors, insieme ad Erica Scherl (“Liquid” è il titolo del loro album d’esordio uscito per Minus Habens, “Plugged” quello del secondo album uscito nel Dicembre 2016 per Brutture Moderne, mentre nel 2018 hanno composto e realizzato la colonna sonora del film “Vicini” della regista Federica Biondi e hanno confezionato un brano, "El Pedagogo", per il secondo volume de "Istituto Italiano di Cumbia").
Al fianco del polistrumentista Stefano Saletti guida il combo world-reggae Caracas, un’avventura musicale di cui è uscito un album omonimo nel Maggio 2015 per la Materiali Sonori. Il secondo album dei Caracas intitolato “Ghost Tracks” (sempre per Materiali Sonori) è uscito nel Dicembre 2017. 

Altra fertile “creatura” musicale è il trio Shuttle con Erica Scherl e il polistrumentista Gianfranco De Franco. Un progetto che ha debuttato alla Festa della musica di Palmi nel Giugno del 2018.

A partire dalla primavera 2015 Teresa De Sio gli ha chiesto di creare gli ambienti sonori e di suonare live nello spettacolo “L’attentissima”, reading tratto dal libro omonimo dell’artista campana uscito per Einaudi. 

Nel 2018 si è strutturata una fertile collaborazione con il musicista Luigi Cinque col quale ha condiviso omaggi musicali alla figura di Antonio Infantino e reading poetico-musicali (“Arianna” con Nanni Balestrini, Ilaria Drago e Fabrizio Bosso)

Sito web: valeriocorzani.wixsite.com/opos  
Instagram: @valerio_corzani  
Eyeem: @valeriocorzani


Bagno d’Arte è promosso dal Comune di Bagno di Romagna, realizzato con la direzione artistica e organizzativa di Alessandro Casetti dell’associazione  Arts Factory e con il contributo di Soggetel.

Il vernissage della mostra si svolgerà domenica 19 Maggio 2019 alle ore 17.30. La mostra rimarrà nei locali di Palazzo del Capitano di Bagno di Romagna (via Fiorentina 38) fino al 29 settembre 2019.