Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Bagno di Romagna: la scena del benessere al Teatro delle Terme

Bagno di Romagna: la scena del benessere al Teatro delle Terme

Dove

Indirizzo evento: 
Padiglione delle Fonti
Bagno di Romagna

Quando

Da Lunedì 15 Luglio 2019 a Venerdì 9 Agosto 2019
ore 21:30

Contatti

Telefono di riferimento: 
379 1425201 (info e prenotazioni anche via SMS)
Indirizzo mail: 
info@bagnodiromagnaturismo.it

NATA Teatro, compagnia che si nutre di tutti i generi teatrali, propone anche quest'anno un ricco cartellone, in collaborazione con: Associazione Esploramontagne, A.S.D. Bagno di Romagna Calcio, Pro Loco Bagno di Romagna, Le Tre Terme, Associazione Bellappennino Savio Tevere.

Tutti gli spettacoli si svolgeranno presso il Padiglione delle Fonti di Bagno di Romagna alle ore 21.30 con il seguente programma estivo 2019:
 

Lunedì 15 luglio - ore 21:30 
DIVINA COMMEDIA AL BAR 
Produzione NATA
Di Livio Valenti 
con Livio Valenti e Lorenzo Bachini
Durata: 1h e 10 minuti
GENERE: Teatro e musica
Ingresso: 10,00 €
Fascia d'età: per tutti

 

Uno spettacolo a ritroso nel tempo per assaporare il capolavoro di Dante Alighieri in tutta la sua attualità, per traghettare la Divina Commedia nel presente, fuori dalle convenzioni e…davanti al bancone di un bar! Uno viaggio nell’Inferno dantesco, partendo dal primo canto fino ad arrivare al quinto con l’amore impossibile di Paolo e Francesca, per avvicinare i giovani al poema con leggerezza e passione. Raccontato, non solo con le parole di Dante, ma anche attraverso suggestioni, emozioni e musica profana, porta lo spettatore sulla scia di quel vento che come un sospiro, fa volare l’anima.

 

Giovedì 18 luglio - ore 21:30

GOAL 1986

L’ultima stagione da esordiente
Produzione PROSCENIO TEATRO
Scritto diretto e interpretato da Stefano Tosoni
Musiche originali eseguite live da Lucio Matricardi
Spettacolo vincitore del contest romano Teatrando in Volo
Durata: 1h e 10 minuti
GENERE: Teatro e SPORT - comico
Ingresso: 10,00 €
Fascia d'età: per tutti

 

"….il calcio è favola, è racconto epico, è poesia…è il piccolo Davide che abbatte il gigante Golia, è un incantesimo che a volte sfiora chi ha il coraggio di credere ai propri sogni…”

E’ un monologo, questo, che ci parla del “calcio”. Non è però il calcio patinato dei grandi campioni, degli sponsor, delle televisioni, del doping, delle scommesse, dei contratti miliardari…no, è un calcio primitivo, sporco, vero, puro! E’ il calcio che giocavamo a tredici anni nel campetto dei preti dietro la chiesa, oppure ai giardinetti, per strada, nei parcheggi, allo stadio del paese con gli spogliatoi di due metri per due e il custode a viver lì dalla notte dei tempi….E’ un microcosmo, quello dei campionati giovanili, costellato di figure e personaggi tanto epici quanto comici, uno spaccato di quella provincia italiana che ha sempre qualche storia poetica da raccontare, che sa come affascinarci, divertirci, commuoverci. E’ in questi campetti di provincia, disseminati ovunque nel nostro Paese, che è possibile riscoprire il gioco più bello del mondo, quello in cui non è detto che il più forte debba vincere, perché spesso il cuore e il gruppo possono contare più del talento e dei mezzi a disposizione. E’ in questi borghi, disseminati tra l’appenino e la costa adriatica, che riscopriamo tutto il sapore della provincia italiana, che nella sua umiltà a tratti diventa epica, che nasconde le sue piccole e grandi storie, le sue sconfitte, le sue vittorie, i suoi protagonisti grotteschi, comici, malinconici, a volte eroici…e per assurdo, è forse proprio in questi piccoli universi disseminati ovunque nel nostro paese che qualcuno ha ancora la forza di inseguire i suoi sogni, piccoli o grandi che siano, è in questi luoghi che la magia ancora esiste…che “due più due, a volte, può anche fare cinque”!
Un viaggio narrato a due voci, una umana (Stefano Tosoni) e una strumentale, composta, improvvisata ed eseguita live da Lucio Matricardi….due menestrelli moderni che a modo loro ci raccontano una favola dei nostri tempi.

 

Mercoledì 24 luglio - ore 21:30
RAVANELLINA  -  prima nazionale

Produzione NATA
Regia: Giorgio Castagna 
Con: Eleonora Angioletti
Durata: 70 minuti
GENERE: Teatro Ragazzi
Ingresso: 6,00 €

 

Lunedì 29 luglio - ore 21:30
COME FAR LA FRANCA

Produzione NATA
Di Franca Valeri
con Mirco Sassoli
Musiche: Lorenzo Bachini
Durata: 70 minuti
GENERE: Teatro d’attore – Comico
Ingresso: 10,00 €

 

Un palco e un solo attore in scena che dà vita a dieci personaggi, quelli più famosi creati da un autentico mito vivente: Franca Valeri. E’ “Come farla Franca” spettacolo di e con Mirco Sassoli. Una serie di storie incorniciate in un solo momento, in un tempo in cui ogni personaggio sembra masochisticamente difendere l’immagine che ha creato di sé, per non sentire il vuoto che realmente lo circonda.

Un elogio dei valori non convenzionali, d’altronde è stata la stessa Valeri a dire: “Lo snobismo è imperituro. Purtroppo di veri snob ce ne sono sempre meno. Vivono nascosti e vanno ricercati tra gli intellettuali più puri. Una volta erano le persone moderne, ma oggi la mondanità è un ricettacolo di volgarità, una pagliacciata“.
Uno spettacolo controcorrente che non mancherà di strappare un sorriso velato, leggero e mai banale.

 

Mercoledì 31 luglio - ore 21:30
LA LEGGENDA DEL PALLAVOLISTA VOLANTE

Produzione TEATRI D’IMBARCO
Testo e regia: Nicola Zavagli
Con: Andrea Zorzi e Beatrice Visibelli
Movimenti coreografici Giulia Staccioli
Luci: Orso Casprini
Costumi Cristian Garbo
Durata: 70 minuti
GENERE: Teatro e sport
Ingresso: 10,00 €

 

La leggenda del pallavolista volante è uno spettacolo in cui lo sport incontra il teatro e si fa metafora della vita: Andrea Zorzi detto “Zorro” – il pallavolista due volte campione del mondo e tre volte campione europeo con l’indimenticabile Nazionale di Julio Velasco – sale per la prima volta sul palcoscenico e, grazie alla penna e alla regia di Nicola Zavagli, ci racconta la sua grande avventura. Attorno a lui, la verve esplosiva dell’attrice Beatrice Visibelli disegna un paesaggio narrativo carico di ironica allegria, dando vita alla moltitudine di personaggi che hanno accompagnato la vita e la carriera di questo autentico mito dello sport italiano.

Un affresco teatrale dove la vicenda personale s’intreccia alla storia e al costume, dove la luminosa carriera di uno sportivo viaggia attraverso la cronaca e la storia di un Paese. Con questo spettacolo la Compagnia Teatri d’Imbarco, conferma il suo impegno sul fronte del teatro popolare di ricerca: un teatro che, grazie a un’indagine drammaturgica sempre in divenire e un dialogo sempre aperto con il suo pubblico, sia capace di coniugare memoria storica e poesia, riflessione civile e emozione, pensiero e gioco scenico. Attraverso la biografia di un grande campione, riscopriamo in leggerezza la filosofia e il potenziale umano dello sport, al di là degli imperativi tecnici, economici e mediatici, con l’idea che nella vita, come nella pallavolo, senza una squadra non si possa arrivare da nessuna parte. 
Lo spettacolo dei record!!! Oltre 100 repliche realizzate in tutta Italia. Lo spettacolo, nato in occasione di Firenze Città Europea dello Sport 2012 con il sostegno del Comune di Firenze, è diventato un vero e proprio successo nazionale. È stato ospite nei cartelloni e per eventi speciali in alcuni tra i più prestigiosi teatri italiani, ha riempito palazzetti dello sport, auditorium e piazze. Uno straordinario consenso di pubblico e critica. 

 

Venerdì 9 Agosto - ore 21:30
ABBRACCIO

 

Produzione NATA – Universo Danza
Testo e regia: Livio Valenti
Coreografie: Laura Gorini
Con: Livio Valenti, Laura Gorini
Luci: Emilio Bucci
Oggetti di scena Andrea Vitali
Durata: 70 minuti
GENERE: Teatro e Danza
Ingresso: 10,00 €

 

Parole e corpi che raccontano....tre storie di amore, solitudine, incontro....tre storie di sassi, forbici, carta.Dall’incontro tra l’attore Livio Valenti e la ballerina Laura Gorini, nasce questo spettacolo dove la danza e la prosa creano l’equilibrio perfetto, ispirato ai racconti di David Grossman, Herman Melville e Gino e Michele.

Emozione e poesia conducono o spettatore alla scoperta di quei sentimenti ormai nascosti nel profondo della nostra anima.