Scopri il mondo Touring

Da San Teodoro a Villasimius, passando per Orosei e Arbatax

Spiagge della Sardegna dell'est: quali sono le più belle

di 
Stefano Brambilla
21 Maggio 2015

Complicato parlare di spiagge di Sardegna, visto che tutti gli oltre 1.800 chilometri di costa sarda potrebbero entrare in classifica! Diciamo allora subito che il nostro criterio di scelta è totalmente opinabile - questa volta siamo andati per gusti personali. Poche le variabili da tenere in considerazione, forse confessato il fatto che tra una spiaggia dove si fa lo slalom tra ombrelloni e bambini urlanti, e un’altra dove magari la sabbia non è così fine ma il vicino di asciugamano è qualche metro più in là, preferiamo la seconda.

Seconda puntata: le spiagge dell'est della Sardegna, da San Teodoro fino a Villasimius, attraverso leste magnifiche coste di Orosei, Cala Gonone, Arbatax. Un oriente sardo che dopo le spiagge del Nord diventa tutt’a un tratto dirupato, sorprendentemente nascosto dietro macchie di verde intenso, dove barche, barchette e gommoni hanno la rivincita sugli yacht. Ecco le 11 spiagge più belle dell'est della Sardegna, secondo noi. Ma ovviamente siamo aperti ai suggerimenti: li aspettiamo, scriveteci quale spiaggia preferite nell'est dell'isola!
 
Prima puntata, le spiagge del nord della Sardegna, sulla news dedicata.
Terza puntata, le spiagge del sud della Sardegna, sulla news dedicata.
Quarta puntata, le spiagge dell'ovest della Sardegna, sulla news dedicata.

1. BERCHIDA
Anche nei mesi più frequentati, la spiaggia a sud di capo Comino (accesso dalla statale) rimane magnifica: litorale lunghissimo di sabbia chiara, ginepri piegati dal vento, profumo di macchia mediterranea. Ideale per passeggiare. 



2. CALA LIBEROTTO 
Dopo Berchida, da segnalare senz’altro la stupenda oasi di Bidderosa, a numero chiuso (prenotare alla pro loco di Orosei, tel. 0784.998367). Poi cala Liberotto, con fichi d’India, trasparenze e sabbia chiara a grani grossi. (foto: www.calaginepro.com)



3. CALA CARTOE
Arrivati a Cala Gonone in auto, se non volete prendere una barca, potete proseguire verso nord: ad aspettarvi cala Cartoe e cala Osalla (quest’ultima raggiungibile anche da Orosei). Mare blu, spiaggia fine, bel contorno. (foto: Roberto Vecchio/Flickr)



4. CALA LUNA
C’è chi dice che sia la baia più bella del Mediterraneo. Certamente è una delle più scenografiche, stretta tra monti coperti di verde, boschetti di oleandri lungo il rivo che le scorre alle spalle e un mare che mostra tutte le gradazioni del blu. La spiaggia è cosparsa di piccole pietre e non fine come sembra, ma non cerchiamo il pelo nell’uovo... Come le tre spiagge suggessive (Sisine, Biriola e Goloritzè) appartiene al Comune di Baunei Santa Maria Navarrese. Ci si arriva in barca da Cala Gonone, da S. Maria Navarrese o a piedi da cala Fuili in due ore e mezzo di cammino. (foto: Stefano Prigione/Flickr)



5. CALA SISINE 
Oltre il Bue Marino e cala Luna, più a sud ecco cala Sisine, a circa 11 chilometri di barca da Cala Gonone (difficile invece arrivarci via terra) e raggiungibile anche da S. Maria Navarrese. Ciottoli bianchissimi rendono l’acqua supertrasparente. E il paesaggio intorno è meraviglioso.



6. CALA BIRIOLA
Un mix di riflessi blu, cobalto, turchese. Un archetto di roccia naturale. Un costone di arenaria da cui si affacciano a strapiombo lecci e ginepri. Cala Biriola (e la vicina cala Mariolu) non tradisce. Ci si arriva soltanto via mare, da Cala Gonone, S. Maria Navarrese o Arbatax.



7. CALA GOLORITZÈ
Forse la più celebre tra le calette del golfo di Orosei, segnata dall’imponente guglia tanto amata dai free climber (e da un arco meno fotografato). Di grande impatto scenografico, anche se sorgenti sottomarine ne rendono l’acqua un po’ fredda.



8. LIDO DI ORRÌ
Tra le spiagge migliori nei dintorni di Arbatax, il lungo lido di Orrì offre sabbia fine e acque limpidissime. Prosegue poi con una serie di calette, conosciute con nomi non scritti: spiaggia dei Milanesi, Foxi ’e Lioni, il Golfetto... (foto: www.arbataxpark.com)



9. TORRE DI BARI
Attrezzata ma non troppo, frequentata ma non dalle masse, la lunga spiaggia divisa in due dalla torre è composta da un lato da sassolini tondi, dall’altro da sabbia a grani grossi come chicchi di riso. L’accesso è semplice, dalla strada costiera.



10. SU SIRBONI
Per niente facile arrivarci: solo a piedi, lasciando l’auto sulla strada oltre il villaggio Sa Perda Pera. Ma ne vale la pena: rocce di porfido rosa, natura selvaggia, contesto davvero sorprendente. Rovina la bellezza solo l’hotel omonimo, da decenni inattivo. (foto: Sardegna Digital Library)



11. CALA MURTAS
Nota anche come spiaggia di Quirra o 2-3-2, è raggiungibile da Villaputzu, poco affollata, orlata da piccole dune, circondata da territorio militare. Nessun servizio. Il fondale del mare blu digrada rapidamente, buono snorkelling allo scoglio al largo. (foto: elionaki/panoramio)