Scopri il mondo Touring

Una mostra a Roma per raccontare il re della pop art

10 spunti (e una mostra) per conoscere Andy Warhol

22 Agosto 2014
Per comprendere le opere di Andy Warhol è prima di tutto necessario capire chi è stato Andy Warhol. L’uomo, il suo modo di pensare, le persone di cui si è circondato. Proprio da quest’ultimo aspetto trae ispirazione la mostra Warhol”, a Palazzo Cipolla di Roma fino al 28 settembre. In esposizione oltre 150 opere, tele, fotografie, sculture, raccolte da Peter Brandt, amico intimo di Warhol, con il quale ha condiviso i momenti artisticamente più vivaci in quella New York tra gli anni Sessanta e Settanta.

Ma chi è Andy Warhol?

Su Andy Warhol si è detto di tutto: dalle sue opere che hanno spesso suscitato scalpore e polemiche alla sua celebre frase sui 15 minuti di notorietà, quanto mai profetica nell’epoca di You Tube (anche se c’è chi discute sull’effettiva paternità della frase). E poi le dichiarazioni apparentemente fuori luogo ma assolutamente lucide e sensate, le feste sregolate nella Factory che coinvolgevano gli artisti più talentuosi dell’epoca, fino all’attentato, dal quale esce vivo per miracolo. Ci sarebbe tanto da dire su questo artista, noi abbiamo provato a riassumere la sua storia (e la sua arte) in 10 (s)punti.
 

10 SPUNTI (E UNA CITAZIONE) PER CONOSCERE ANDY WARHOL

1. Andy Warhol è uno degli artisti di punta della pop art, movimento artistico che trae ispirazione dalle immagini della comunicazione di massa e della pubblicità, per esaltare il concetto della riproducibilità dell’opera d’arte nell’epoca industriale.

2. Una delle tecniche usate da Andy Warhol è infatti quella della ripetizione del soggetto, fino a svuotarlo di significato.

3. Secondo Andy Warhol, l’arte va “consumata”, come qualsiasi altro prodotto commerciale.

4. Le opere più famose di Andy Warhol sono le serigrafie che ritraggono Marilyn Monroe (foto in gallery) e la serie dei Barattoli della Campbell’s Soup (foto in gallery).

5. Andy Warhol ha disegnato la banana che campeggia sulla copertina di uno degli album più noti della musica rock:  “The Velvet Underground & Nico” (foto in gallery).

6. Andy Warhol è stato anche autore di lungometraggi sperimentali, in uno di questi si vede un uomo che dorme per 5 ore e 20 minuti, si tratta di “Sleep”, opera del 1963.

7. Andy Warhol ha fondato negli anni ‘60 la Factory, a New York, luogo di incontro di famosi artisti come Bob Dylan, Lou Reed, Jean-Michel Basquiat e Allen Ginsberg.

8. Oltre che per l’arte, la Factory di Warhol era anche famosa per le sue feste all’avanguardia e trasgressive.

9. Nel giugno del 1968 l’artista Valerie Solanas tentò di uccidere Andy Warhol sparandogli tre colpi di pistola. Warhol si salvò a fatica, ma da quel giorno non fu più lo stesso. La notizia fece scalpore, ma due giorni dopo assassinarono Bob Kennedy.

10. L’ultima opera realizzata da Andy Warhol è “Last Soupper” (foto in gallery), ispirata all’Ultima Cena di Leonardo da Vinci.

+

“Se raccogliessero tutte le frasi che ho detto capirebbero che sono un idiota e la smetterebbero di farmi domande”. (Andy Warhol)
 
 
ARTICOLI CORRELATI 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CREDITS FOTO
 
Le foto 3,4,5,6,8 sono tratte dal sito ufficiale della mostra "Warhol" (http://www.warholroma.it)
Foto 9: Robert Mapplethorpe, Andy Warhol, 1986 © Robert Mapplethorpe Foundation