Scopri il mondo Touring

Da Ponente a Levante, ecco dieci gioielli della costa ligure

Liguria: i più bei borghi sul mare

di 
Stefano Brambilla
13 Marzo 2020
 
Case color pastello, passeggiate lungomare, profumi di focaccia e di olive: quando sarà finita l'emergenza, potreste aver voglia di un weekend in Liguria...? Vi consigliamo quelli che secondo noi sono i dieci borghi più belli sul mare, procedendo da Ponente a Levante, dall'Imperiese allo Spezzino. Certo, ce ne sarebbero anche altri, alcuni anche più famosi (per esempio le Cinque Terre, che hanno fatto la fortuna della Liguria nel mondo)... fateci sapere come integrereste le nostre scelte! 

1. TAGGIA E ARMA DI TAGGIA (IM) 
Che cosa vi fa venire in mente Taggia? Probabilmente la varietà di olive che dal paese a 10 chilometri da Sanremo prende il nome: appunto le olive taggiasche, le più famose della Liguria. Ma Taggia è anche un incantevole paese, diviso in due parti: Arma di Taggia, paradiso per le vacanze balneari, e Taggia, che per impianto urbano, monumenti e ambiente è uno dei centri più interessanti di tutto il Ponente. Da visitare molti monumenti: il complesso di San Domenico, con il suo chiostro armonioso; le piazze dell'abitato, tra cui piazza Gastaldi, triangolare e porticata; e il grandioso ponte medievale, che scavalca il torrente Argentina con 16 arcate. E poi da gustare altre specialità: i canestrelli, biscotti al finocchio, e la cosiddetta figassa, una focaccia spessa condita con pomodori pelati, filetti d'acciuga, olive e aglio.



2. CERVO (IM)
A 11 chilometri da Imperia, Cervo è un bellissimo borgo medievale raccolto su uno sperone che declina verso il mare. E' un paese magico, racchiuso dalle mura medievali e custode di un gioiello unico, il castello di Clavesana. Affascinante camminare per il labirinto di vicoli stretti che scendono verso la costa. E visitare la Chiesa di San Giovanni Battista, vero gioiello del barocco ligure, detta "dei Corallini" perché edificata a cavallo tra i secoli XVII e XVIII con i proventi delle compagnie di pescatori che pescavano il corallo nei mari di Corsica e Sardegna. 


 
3. LAIGUEGLIA (SV)
Anche a Laigugeglia, così come a Cervo, furono i pescatori di corallo a portare ricchezza all'abitato: è merito loro se ancora oggi è possibile ammirare la parrocchiale di S. Matteo, che custodisce altari e tele provenienti da conventi e chiese genovesi di ordini sorprressi. Laigueglia è un po' il borgo marinaro per antonomasia: troverete le piazzette sulla spiaggia, la torre sul mare, il molo, la rimessa delle barche dove i pescatori aggiustano le reti... Ma è anche un luogo perfetto per la camminata nordica, sia per principianti sia per esperti: qui è stato creato il Nordic Walking Park, percorso composto da sei itinerari di varia difficoltà. Anche chi va in mountain bike trova pane per i suoi denti.



4. VARIGOTTI (SV)
È il miglior porto naturale del Ponente ligure questo borgo di pescatori, di orgine medievale, che si svolge attorno a via del Capo, attraversata da viuzze e conclusa da due piccole piazze. A rendere unico Varigotti sono le case colorate con i tetti piani a terrazzo, affaciate sulla spiaggia dove sono ormeggiati i vecchi gozzi (le tipiche barche da pesca). E poi i portoni, i gerani e le buganvillee, i localini dove prendere l'apertivo... Dalla vecchia Aurelia divergono due percorsi pedonali: a destra si va al castello, a sinistra alla chiesa di San Lorenzo Vecchio, tra pini d'Aleppo e ulivi, che sorge su uno sperone a strapiombo sul mare.



5. NOLI (SV)
Origini antiche e illustri per Noli, poco lontano da Varigotti: il borgo viene già citato da Dante nella Divina Commedia e nel XIII secolo ottiene il titolo di Repubblica Marinara. Pensate: il centro storico arrivò a ospitare ben 72 case-torri all'interno della sua triplice cerchia di mura. Oggi rimangono i resti del castello dei Marchesi del Carretto, con la fortificazione che corre lungo il Monte Ursino, sopravvissuto nella sua forma originale dal 1522; l’antico Palazzo vescovile, oggi albergo, che conserva affreschi, iscrizioni e arredi d’epoca; e la chiesa di San Paragorio, monumento nazionale, uno dei monumenti romanici più belli di Liguria, che conserva il Volto Santo, un espressivo corcifisso ligneo del XII secolo. 
 


6. BOCCADASSE (GE)
Nella parte orientale di Genova, a poca distanza dal centro storico, Boccadasse è il paese di mare per eccellenza, uno dei borghi più belli della Liguria: le case colorate riflettono i loro colori nel mare, che diventano ancora più suggestivi al tramonto. Tutti vi ricorderete "La Gatta" di Gino Paoli: il cantante genovese aveva vissuto molti anni a Boccadasse, in salita Santa Chiara. Assediato dal quartiere moderni, senza stabilimenti balneari e senza auto, il borgo si difende bene e continua a vivere: per sperimentarlo, andate dalla spiaggetta fino al belvedere attraverso una crêuza (il tipico viottolo stretto o mulattiera che taglia, spesso verticalmente, le colline della zona).



7. CAMOGLI (GE)
Oggi la vediamo solo come località turistica, ma bastano pochi numeri per capire quanto profondo sia il legame di Camogli con il mare: 3700 capitani di mare, 2932 bastimenti, oltre 1500 macchinisti. Per buona parte dell'Ottocento, Camogli fu una piccola potenza marittima, patria della Mutua Marittima Camogliese, prima società di assicurazioni al mondo nel suo genere (1852). Magnifico il lungomare, forse il più bello della Liguria (ma qui scateneremmo campanilismi...), con le facciate dipinte con colori pastello dei palazzi. Dove passeggiando non si può non assaggiare la focaccia e le acciughe sotto sale, delicate e buonissime. 



8. SESTRI LEVANTE (GE)
Procedendo verso oriente, Sestri segna l'inizio di un tratto di costa della Liguria dove si susseguono baie, anfratti e rocce a picco sul mare. Sestri Levante di baie ne ha addirittura due: prolungandosi sul mare con un istmo verso il promontorio detto l'Isola, crea a Ponente la Baia delle Favole (così battezzata da uno che di favole se ne intendeva, Hans Christian Andersen); mentre a Levante, opposta e separata da una lingua di terra, l'ancor più sugestiva baia del Silenzio, su cui si specchiano facciate color pastello. Un contesto paesaggistico incantevole, dove rilassarsi camminando sulla passeggiata e proseguendo per il bellissimo sentiero verso il promontorio di Punta Manara. 

Maggiori info nella nostra proposta weekend, dedicata a Sestri Levante e dintorni.



9. TELLARO (SP)
Questo piccolo borgo di pescatori è la frazione più orientale del comune di Lerici (che è altrettanto bello) e si trova arroccato su una scogliera che si affaccia sul Golfo della Spezia. Tra scalette e sottopassi ci si aggira per il nucleo antico di Tellaro: bella la passeggiata che si insinua tra le case girando attorno alla chiesetta, innalzata su uno scoglio a picco sul mare.

Foto: Archivio Agenzia Regionale "In Liguria".
 


10. PORTOVENERE (SP)
Visitare Portovenere in un giorno di sole e cielo blu è un'esperienza che lascia il segno. Il borgo, che deve il suo nome al tempio di Venere che si trovava nel luogo in cui sorge la chiesa di San Pietro, ha molti punti degni di nota: la bellissima palazzata policroma, l'impianto urbano ben conservato, il castello che guarda dall'alto, la chiesa di San Lorenzo e soprattutto la chiesa di S. Pietro, che svetta sul promontorio in posizione eccezionale. Costruita nel XIII secolo, è tutta a fasce bianche e nere, come tipico delle chiese della zona. Ed è un punto perfetto per ammirare il panora sulla costa e sull'isola Palmaria, l'unica abitata della Liguria, riserva naturale attraversata da sentieri nella macchia. 
 

Associati al Touring per avere offerte esclusive e 1100 euro di buoni sconto per le tue vacanze in tutta Italia 

DIVENTA SOCIO