Scopri il mondo Touring
  • Home
  • News Touring
  • Vacanze attive sulla neve? Ecco dieci località per viverle al meglio

Dal Piemonte alla Calabria, nei borghi dove eccellenza e ospitalità sono garantite

Vacanze attive sulla neve? Ecco dieci località per viverle al meglio

16 Dicembre 2019
 
Da Natale in poi è tempo di neve e di vacanze in montagna! Ecco dieci località Bandiera Arancione, da Nord a Sud, perfette per praticare sport invernali e immergersi in contesti paesaggistici davvero suggestivi. Mete alternative ai grandi circuiti turistici, ricche di fascino, dove scoprire tesori artistici e assaggiare prodotti gastronomici di qualità.
 
Da anni il Touring Club Italiano certifica con il marchio di Bandiera arancione le piccole località dell'entroterra che si distinguono per le loro qualità turistiche e ambientali. Sono borghi, in poche parole, dove il turista trova tutti i servizi per la visita, dall'ufficio turistico alla segnaletica; e dove il patrimonio culturale e artistico è ben valorizzato e tutelato. Borghi accoglienti, per dirlo con un solo aggettivo, tutti da scoprire. Tutto l'elenco dei 247 Comuni Bandiere arancioni sul sito www.bandierearancioni.it, dove sono presenti anche le schede dei paesi con i suggerimenti sulle attrazioni da non perdere. Buona esplorazione! 

1. ETROUBLES (AO)
Il borgo: situato nello splendido contesto alpino della vallata del Gran San Bernardo, vanta un centro storico medievale che si snoda tra antiche abitazioni in pietra locale, vicoli acciottolati e fontanili; la passeggiata è resa ancor più piacevole dalle sculture e dagli affreschi di artisti contemporanei.
La neve: lo sci di fondo, innanzitutto, con un’articolata pista di fondo lunga 18 km, altri anelli di varia difficoltà, un circuito notturno di 2 chilometri. Poi, le cisapole, con il Parcours nature di 5 km immerso nel bosco di Menouve. Poco lontano,  Crévacol offre 20 km di piste per lo sci alpino; al suo interno, il parco giochi di Flassin, con piste riservate ai gommoni per lo snowtubing, biciclette da neve, bob e slittino, oltre a vari salti e percorsi, mentre nei pressi la pista di La Rosière, dove guidare sul ghiaccio a bordo della propria auto o di una noleggiata munita di chiodati. 

Informazioni: scheda borgo sul sito Bandiere arancioni; sito di Crévacol

Crevacol, foto crevacol.it

2. USSEGLIO (TO)
Il borgo: recente Bandiera Arancione, abitato solo da 200 abitanti, sorge a 1200 metri nella Valle di Viù ai confini alpini con la Francia, in un ampio pianoro sovrastato da boschi di faggio e contornato dai monti, molti dei quali superano i 3000 metri. Merita una visita l’antico complesso parrocchiale, con una chiesa di origine medievale. 
La neve: Usseglio è dominio invernale dello sci alpino, ma anche meta ideale per fare sport e divertirsi immersi nella natura: ciaspolate e cascate di ghiaccio, sci nordico, pattinaggio sul ghiaccio e hockey. 

Informazioni: scheda borgo sul sito Bandiere arancioni; sito di Usseglio
 
3. ENTRACQUE (CN)
Il borgo: piccolo Comune del'alta valle Gesso all’interno del Parco naturale delle Alpi Marittime, vanta un piccolo centro storico caratterizzato dalle tipiche case montane in legno e pietra e dalle numerose fontane, a testimonianza di uno speciale legame della località con l’acqua.
La neve: tante le attività sportive da praticare in inverno: sci alpinismo, sci alpino, sci nordico, snow walking ( tra le ultime tendenze tra gli sport invernali: si tratta della versione invernale del nordic walking). E ancora snow-bike (mountain bike sulla neve) e racchette da neve.

Informazioni: scheda borgo sul sito Bandiere arancioni; sito Turismo Entracque
Entracque, foto turismoentracque.it
 
4. GROMO (BG)
Il borgo: situato sulla riva destra del fiume Serio, mantiene nella parte alta dell’abitato il compatto tessuto medievale, con case in grossi blocchi di pietra, aperte da logge e balconate. Numerose le strutture di pregio, quasi tutte raccolte nella piazza centrale dominata da un’elegante fontana del XVI secolo.
La neve: Gromo è ideale per gli amanti dello scialpinismo, con numerosi percorsi che raggiungono il Monte Timogno (2099 m) e il Colle Vaccarizza (1718 m); tra l'altro la località ospita la Timogno Ski Raid, una gara individuale a tecnica classica su circa 18 km per un dislivello di 1800 metri circa. Dalla zona di Spiazzi, frazione alta del borgo, partono invece gli impianti di risalita del comprensorio sciistico Spiazzi di Gromo; presenti anche tre anelli per lo sci di fondo da 7,5 km.
 
 
5. CADERZONE TERME (TN)
Il borgo: Alle pendici delle Dolomiti di Brenta e dei ghiacciai dell'Adamello-Presanella, un borgo di ripide stradine lastricate in acciottolato di fiume, piazze con le caratteristiche fontane di pietra, portali in granito, balconi in legno. Da non perdere il Palazzo Lodron-Bertelli, cui è ospitato il Museo della Malga. E poi il centro termale, completo di albergo e ristorante.
La neve: a Caderzone Terme l'inverno è magico: il paese si trasforma fino ad assomigliare a un presepe. Una passeggiata fra i campi, a piedi o con le racchette da neve, un'escursione con gli sci da fondo o con quelli d'alpinismo...
 
Informazioni: scheda borgo sul sito Bandiere arancioni; sito di Caderzone Terme e sito delle Terme
 
6. ROCCA PIETORE (BL)
Il borgo: nel cuore delle Dolomiti, in val Pettorina, Rocca Pietore è incastonata tra alcune tra le più imponenti vette dolomitiche, come la Marmolada e il Civetta.  Da non perdere Sottoguda, piccola frazione caratterizzata dalla presenza dei tabièi, fienili in legno simboli di un territorio e di una antichissima tradizione, e dalla chiesetta costruita nel 1486.
La neve: molte le attività sportive, dallo sci all’ice climbing passando per l’alpinismo e le ciaspolate. La Ski Area 06 Arabba-Marmolada è il comprensorio sciistico più panoramico delle Dolomiti: si può sciare per più di 1800 metri di dislivello in 12 km di pista. “La Bellunese” è infatti la pista più lunga delle Dolomiti e una tra le più belle di tutto l'arco alpino.
 

Rocca Pietore, foto S. Dell'Antone
 
7. ABETONE CUTIGLIANO (PT)
Il borgo: immerso tra i folti boschi dell’Appennino pistoiese, è un centro medievale, le cui origini risalgono all'epoca romana. Tra i suoi tesori il Palazzo dei Capitani della Montagna, con la facciata adornata da 96 stemmi ed insegne araldiche. 
La neve: è la maggiore stazione invernale dell’Appennino settentrionale: lo sci qui vanta 90 anni di storia, fin dai tempi in cui era una delle poche località italiane dotate di impianti di risalita (non a caso è la patria di Zeno Colò, Celina Seghi e Paride Milianti). Numerose le piste di sci che si trovano presso il paese, nel versante emiliano del Comune e nella Val di Luce, servite da moderni impianti di risalita.
 

Abetone-Cutigliano, foto weloveabetone.it  
 
8. SARNANO (MC)
Il borgo: al centro di un’incantevole valle ai piedi dei monti Sibillini, Sarnano è immersa nel verde delle montagne e dei boschi circostanti. Il centro storico (colpito dal terremoto del 2016 ma ben conservato) è di origini medievali e conserva la sua struttura urbanistica di città murata, tra antiche vie, scalinate e scorci mozzafiato; da non perdere anche le terme, che dopo il terremoto sono state trasferite in un nuovo stabilimento posto su un colle con vista panoramica sul centro storico di Sarnano e sulle montagne circostanti.
 
La neve: il comprensorio sciistico si estende tra il Monte Sassotetto e il valico di Santa Maria Maddalena, a circa 15 km dal centro abitato. Nelle giornate limpide si vede il mare! La stazione sciistica conta 15 km di piste e diversi impianti di risalita; un campo scuola con manovia e tapis roulant, 4 skilift, una seggiovia biposto e una triposto. Inoltre, è presente uno snowpark raggiungibile da entrambe le seggiovie.
 
 

Sarnano, foto Comune
 
9. SCANNO (AQ)
Il borgo: su uno sperone che sbarra la valle, è uno dei centri più noti della montagna abruzzese, di antiche e nobili origini, nell’incantevole contesto naturale del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. Da non perdere il centro storico, con gli inconfondibili scorci, le case a schiera, le scalinate e gli archi.
La neve: il comprensorio sciistico è quello del Monte Rotondo e del Passo Godi (1630 metri di quota), due belle stazioni sciistiche che si trovano nella Valle del Sagittario. Il primo si raggiunge con una moderna seggiovia; da qui lo sguardo spazia dal Gran Sasso alla Maiella, dai Monti di Roccaraso al Marsicano. Per il fondo a valle ci sono 3 anelli, ma non mancano anche snowtubing, noleggio motoslitte, campi per lo slittino e il bob, percorsi per l'escursionismo, l'alpinismo e il telemark. 
 
Informazioni: scheda borgo sul sito Bandiere arancioni; sito sciare a Scanno
 

Scanno, foto GettyImages
 
10. TAVERNA (CZ)
Il borgo: ai piedi della Sila Piccola, nel parco nazionale omonimo, e immersa nel verde incontaminato delle colline, Taverna è un bel borgo il cui artista simbolo è Mattia Preti, le cui opere sono conservate sia nel museo locale sia nella Cattedrale. 
La neve: notevole il patrimonio ambientale del Comune, con i rinomati Villaggi montani incastonati tra gli alberi di lussureggianti boschi, da cui partire per escursioni o dove praticare sport invernali e gustare i prodotti tipici della zona.
 
Informazioni: scheda borgo sul sito Bandiere arancioni; sito di Taverna.
 
La Sila presso Taverna, foto Comune