Scopri il mondo Touring
  • Home
  • News Touring
  • Un giorno per bene, l'iniziativa Touring per prendersi cura dell'Italia

Un finesettimana per rendere più accogliente la propria città

Un giorno per bene, l'iniziativa Touring per prendersi cura dell'Italia

25 Marzo 2019
Dona
Coinvolgere soci e cittadini in azioni di volontariato sui beni comuni, nello spirito di quel “prendersi cura del Paese” che permea le attività del Tci. È l’obiettivo del progetto Un giorno per bene che vuole puntare i riflettori su luoghi d’arte, parchi, spiagge, piste ciclabili, monumenti, sentieri e percorsi pedonali di 26 città d’Italia. 
 
Sabato 21 e domenica 22 settembre Un giorno per bene permetterà dunque a soci e cittadini “di buona volontà” di operare fianco a fianco con consoli Tci, Club di territorio e volontari Touring per rendere più accogliente la propria città. Vi aspettiamo in moltissimi luoghi in tutta Italia, venite a trovarci!

Intanto, un grande grazie a tutti coloro che si sono proposti come Volontari: stiamo contattando tutti coloro che hanno compilato correttamente il questionario. Se ci sono ancora persone che vogliono mettersi a disposizione, per alcune città c'è ancora qualche posto: basta compilare il modulo di adesione per diventare volontari. Il vostro contributo, come sempre, è fondamentale: solo grazie alla passione di tanti cittadini possiamo prenderci cura dell'Italia!
 
LE CITTÀ PARTECIPANTI 
Come dicevamo, sono 26 le città italiane in cui si svolgerà Un giorno per bene. Per ognuna, sono stati individuati vari beni comuni: ecco l'elenco definitivo. Per ogni città sono pubblicati i dettagli delle giornate, con orari e programmi.
 
- Torino (il programma): Parco Europa; Giardini Reali, porzione superiore; Chiesa di Santa Maria di Piazza di Bernardo Vittone
- Aosta (il programma): Chiesa di Santo Stefano; Palazzo Vescovile; Museo della Cattedrale
- Milano (il programma): Velodromo Vigorelli; Museo Messina; Cascina Linterno - Casa Petrarca
- Brescia (il programma): Palazzo Martinengo Cesaresco; Ciclovia del Mella
- Rovereto (Tn) (il programma): via Santa Maria e vari palazzi e chiese del centro storico
- Bolzano (il programma): Parco della Stazione
- Verona (il programma): Bastione delle Maddalene; Batteria di Scarpa San Zeno in Monte; Provianda di Santa Marta
- Venezia (il programma): Osservatorio Cavanis; Orto di Marco Cè; Chiesa di San Beneto; Chiesa di Sant'Antonino
- Udine (il programma): Cappella Manin
- Genova (il programma): Lanterna di Genova
- Piacenza (il programma): Oratorio di San Cristoforo; Chiesa di Santa Maria in Cortina; Sotterranei ristrutturati della Cittadella Viscontea
- Siena (il programma): Fonte delle Monache; Mura
- Pistoia (il programma): Complesso agostiniano di San Lorenzo; Complesso benedettino di San Bartolomeo; Complesso monumentale di San Domenico; Complesso monumentale di San Francesco; ex-orto conventuale di S. Maria del Carmine
- Ancona (il programma): Palazzo Ferretti; Scavi archeologici presso la sede della Corte d'Appello
- Orvieto (il programma): Chiesa di San Bernardo in Platea Populi; Orto Medievale di San Giovenale
- Roma (il programma): Villa dei Sette Bassi; Parco del Forte Ardeatino
- Pescara (il programma): Pineta Dannunziana
- Termoli (Cb) (il programma): Termoli sotterranea e altri luoghi della città
- Salerno - Pontecagnano Faiano (Sa) (il programma): Pista ciclabile litoranea Salerno-Paestum
- Barletta (il programma): Spiaggia di Ariscianne
- Brindisi (il programma): Cripta annessa al Monumento al Marinaio d’Italia; Monumento al Marinaio d’Italia
- Matera (il programma): Pista ciclabile all’interno del Parco Regionale della Murgia Materana; Parco Regionale della Murgia Materana; Parco urbano di Serra Venerdì
- Reggio Calabria (il programma): Chiesa di Sant’Antonio Abate in località Archi
- Palermo (il programma): Città dei ragazzi
- Cagliari - Quartu Sant'Elena (Ca) (il programma): Collezione Luigi Piloni a Cagliari; Villa romana di S. Andrea a Quartu Sant'Elena 
- Oristano (il programma): Chiostro del Monastero del Carmine
 
Un giorno per bene è un’iniziativa realizzata grazie al progetto CAPARBI, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (Avviso 1/2017).
Dona