Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Eventi
  • Tramonti (SA): i suoi borghi

Tramonti (SA): i suoi borghi

Dove

Indirizzo evento: 
Gete -Tramonti (SA)
Tramonti (SA)

Quando

Sabato 15 Settembre 2018
dalle ore 10 alle ore 13

Ritrovo

Come arrivare: 

- ore 10.00: ritrovo dei partecipanti (mezzi propri) nella frazione di Gete -Tramonti (SA).

Ora di ritrovo: 
ore 10

Contatti

Organizzatore: 
Tci Club di Territorio di Salerno
Indirizzo mail: 
salerno@volontaritouring.it
Recapito di emergenza: 
348.0134049 (Secondo Squizzato)
Console accompagnatore: 
Secondo Squizzato, console del Touring
Presenza guida: 
Guida dell'evento: 
locale

Tramonti, il paese polmone verde della Costiera Amalfitana, ubicato in una delle meravigliose valli interne dei monti Lattari, ove scorre il fiume Satrono, circondato da colline ricche di boschi, nei quali echeggiano i brusii delle sorgenti dalle acque limpidissime. Una visita in esclusiva per i soci e gli amici del Tci. 
Tecnicamente si tratta di un comune sparso, cioè di un comune con nominativo diverso da quello della frazione ove è ubicata la sede comunale.
Manifestazione realizzata in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Tramonti.
Punti di interesse:
- Parrocchia di San Giovanni Battista: al suo interno l’organo “Carlo Rossi” del 1729 di recente ristrutturato;
- Giardino segreto dell’Anima: disposto su 8 terrazze, comprende un piccolo agrumeto con 22 varietà diverse, un roseto con circa 300 varietà, un settore di piante aromatiche e officinali con circa 40 varietà e tanti altri “segreti”;
- Cantina Tagliafierro: nata di recente, questa cantina proporrà l’assaggio di calici di vino prodotti da uve autoctone come il Tintore”, abbinato ad assaggi di salumi e formaggi locali.
Tramonti: Il nome di Tramonti deriva dalla sua posizione geografica, terra tra i monti, da cui “Intra Montes”. Sorge infatti sui monti Lattari e rappresenta la sede principale della Comunità montana penisola Amalfitana. Il borgo comprende tredici frazioni: Pucara, Novella, Paterno Sant’Elia, Paterno Sant’Arcangelo, Figlino, Pietre, Capitignano, Corsano, Campinola, Polvica, centro amministrativo del territorio, Gete, Ponte Cesarano.
Il primo nucleo abitato sarebbe stato creato dai picentini, antico popolo italico, che si rifugiarono verso i monti in fuga dai romani ed edificarono i primi casali da cui poi nacque il borgo di Tramonti. Era una delle otto Terre che appartenevano alla Repubblica: i marinai di questo borgo erano chiamati indistintamente con la generica denominazione di “Marinai Amalfitani”.
Tra le otto terre che appartenevano alla repubblica Amalfitana, con la caduta di questa ad opera dei Normanni, cominciò il periodo buio di Amalfi e di Tramonti.
Il borgo seguì le vicende del ducato di Amalfi passando sotto il dominio degli Svevi, degli Angioini e degli Aragonesi. Fu proprio nel conflitto tra Aragonesi e Angioini che le sorti dei due borghi si divisero: mentre Amalfi si schierò con gli Angioini, Tramonti decise di sostenere Ferdinando I d’Aragona ottenendo molti privilegi e il titolo di nobili per tutti i cittadini del borgo.
I beni architettonici presenti nel borgo di Tramonti raccontano un passato di incontri tra popoli diversi, ma anche di estrema ricchezza. Il Castello di Santa Maria la Nova venne fondato nel 1457 da Raimondo Orsini allora Principe di Salerno. Si trattava di una struttura fortificata, con dieci torri e sette bastioni, che comprendeva numerosi appartamenti, scuderie, la chiesa di Santa Maria la Nova. Attualmente rimangono solo i resti, in particolare della cinta muraria.
Tra le chiese degne di nota troviamo quella di S. Pietro Apostolo, nella frazione di Figline; la Chiesa di S. Elia, sita nell’omonima frazione, dove possiamo ammirare il portale scolpito in pietra lavica e un’antica fonte battesimale risalente al 1458 recante lo stemma di Tramonti.
Nella frazione di Gete è possibile visitare una Cappella Rupestre inserita in una cavità rocciosa. La chiesetta risale al XIII secolo e nella cavità rocciosa si possono ammirare le numerose tombe ricavate nella roccia.
Da visitare il Conservatorio dei SS. Giuseppe e Teresa in Purcara, costruito nel ‘700 come luogo di formazione per le figlie dei nobili partenopei. In seguito divenne convento delle suore di S. Giuseppe e S. Teresa.
Uno dei fiori all’occhiello dei prodotti tradizionali di Tramonti è il limoncello, liquore dalle origini antiche e dalla preparazione casalinga dai semplici ingredienti: acqua, alcool, zucchero e scorze di limone.
Tra gli altri liquori prodotti, i più rinomati sono: lo Sfusatello, le Gocce di Sfusato, il Mandarino, il Mirto, il Finocchietto, il Concerto.
Borgo ricco di vigneti, attualmente Tramonti ha ottenuto la certificazione D.O.C per il vino prodotto dagli uvaggi locali.
Prodotti tipici utilizzati nelle ricette tradizionali sono il farro e l’olio extravergine D.O.P “Colline Salernitane”. Tra i formaggi ricopre un ruolo di prestigio il “Fior di Latte”: Tramonti è infatti considerata come la patria del Fior di Latte.
Tra le eccellenze culinarie troviamo infine la pizza, prodotta a Tramonti fin dal medioevo, che nel 2010 ha ottenuto la De.C.O. (Denominazione Comunale d’Origine).

Altre informazioni utili: 

Programma di massima
- ore 10.00: ritrovo dei partecipanti (mezzi propri) nella frazione di Gete -Tramonti (SA). Visita alla Cappella Rupestre;
- ore 10.30: trasferimento alla frazione di Campinola - inizio della passeggiata guidata di circa 2,5 km; si consigliano scarpe comode;
- ore 10.40: visita al “Giardino segreto dell’Anima”; 
- ore 11.50: Wine Tour (costo di 10 euro a persona); 
- ore 13.00: ritorno alle auto e trasferimento all’Agriturismo “Il Tintore”;
- ore 13.45: pranzo libero presso l’Agriturismo “il Tintore” con doppia possibilità:
1) pranzo servito - costo 25 € a persona - a base di prodotti tipici locali con il seguente menù: Primo (Pasta e Patate allardate con Provola, oppure Zuppa di Farro e Porcini, oppure Zuppa di Ceci e Castagne), Secondo (Grigliata mista di carni, oppure Filetto di Maiale al Tintore, oppure Pollo ruspante al forno, oppure Coniglio alla cacciatore), Dessert (frutta secca e dolce), acqua minerale, vino e caffè. Prenotazione libera a carico dei singoli partecipanti. Per prenotare occorre telefonare al console Secondo Squizzato 348.0134049. 
2) Pic-nic con prodotti tipici locali (vino - formaggi - salumi - frutta) da 15 a 25 euro. Per le persone che opteranno per il pic-nic, il cestino sarà consegnato direttamente nel luogo consigliato dall’organizzazione (Parco della tranquillità o in vigna), facilmente raggiungibile in auto, cosi da poter pranzare a diretto contatto con la natura.
Scheda della visita - Caratteristiche
La passeggiata sarà lunga circa 2,5 km con una durata di circa 1 ora e 1/2 (dipende dal passo), con poco dislivello sia in salita che in discesa. Percorreremo un piccolo tratto su strada asfaltata e il restante su graziosi sentierini, vecchie vie di collegamento tra i borghi di Tramonti. Si consiglia scarpa tecnica o comunque ginnica e abbigliamento adatto ad una passeggiata in natura.
È necessaria la prenotazione presso il Club di Territorio di Salerno inviando una email a:
salerno@volontaritouring.it
Le prenotazioni sono aperte.
- Trasporti: mezzi propri
- Volontario Tci Accompagnatore: Secondo Squizzato, console del Touring
- Guide: locali
- Numero max partecipanti: 35 persone
Quote: La manifestazione è gratuita per i soci e gli amici del Tci.
Per il Wine Tour 10 euro a persona da pagarsi direttamente sul posto.
Il pranzo è libero con doppia possibilità: servito o cestino per pic-nic.
Prenotazione libera a carico dei singoli partecipanti: telefonare al console Secondo Squizzato: 348.0134049.
I soci e gli amici del Tci regolarmente iscritti alla manifestazione sono coperti da apposita polizza assicurativa per la responsabilità civile.
Per comunicazioni urgenti il giorno della manifestazione è possibile contattare il numero 348.0134049 (Secondo Squizzato).
Il Volontario Touring accompagnatore ha la facoltà di variare l’itinerario.
La manifestazione si effettua anche in caso di pioggia.
Il Club di Territorio di Salerno del Tci si riserva il diritto di accettare o meno la prenotazione.
Manifestazione organizzata per i soci e gli amici del Tci e soggetta al regolamento della Commissione regionale consoli della Campania.
Sono ammessi in via eccezionale i non soci perché possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.

In collaborazione con: