Scopri il mondo Touring
  • Home
  • News Touring
  • >
  • Cambiamento climatico: le priorità di intervento

Il Tci e altre cinque associazioni ambientaliste insieme per la messa in sicurezza del territorio italiano

Cambiamento climatico: le priorità di intervento

di 
Renato Scialpi
14 Dicembre 2012

L’Italia fragile dei precari equilibri idrogeologici, sottoposta ai fenomeni meteorologici estremi provocati o amplificati dai cambiamenti climatici ha bisogno di atti concreti che dimostrino nei fatti un cambiamento di rotta. Club Alpino Italiano, Fondo per l’Ambiente Italiano, Italia Nostra, Legambiente, Touring Club Italiano e Wwf, chiedono che il governo in carica, che si dice attento agli impegni e agli scenari internazionali, nella riunione pre-Cipe di martedì 18 dicembre, in preparazione della riunione del comitato del 21 dicembre, faccia propria la proposta del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio di approvazione di una delibera in cui venga assunto l’impegno di dotare l’Italia di una strategia nazionale per l’adattamento ai cambiamenti climatici, già adottata da 13 Paesi membri dell’unione Europea su 27, basata su precise priorità di intervento.



Dopo l’esito deludente dei negoziati di Doha, è importante che l’Italia proceda al più presto alla definizione di una sua strategia di adattamento ai cambiamenti climatici, che secondo le sei maggiori associazioni ambientaliste italiane, che hanno inviato oggi le loro osservazioni al Governo sulla bozza di delibera Cipe, dovrà:



a) mettere in campo un'efficace politica di gestione del territorio per la mitigazione del rischio idrogeologico, procedendo al più presto all’aggiornamento  delle mappe di pericolosità e del rischio alluvioni e  dei Piani di assetto Idrogeologico e all'applicazione delle direttive europee su acque (2000/60) e alluvioni (2007/60), a partire dalla costituzione delle autorita' di distretto;



b) lanciare un chiaro segnale di stop a nuovo consumo di suolo e all’edificazione nelle aree a maggiore vulnerabilità e anche delocalizzazioni nelle situazioni a maggior rischio (come già previsto dai decreti legge “Sarno” del 1998 e “Soverato” del 2000);



c) privilegiare gli interventi di rinaturalizzazione e riqualificazione fluviale e dei versanti, in un quadro più ampio di tutela della biodiversità e di riconoscimento del valore dei servizi garantiti dagli ecosistemi.