Scopri il mondo Touring

Tempi di spending review anche in alta quota

Si pagheranno i soccorsi in montagna?

di 
Piero Carlesi
4 Febbraio 2015
C'era una volta una bella favola: a chi andava in montagna a fare alpinismo, ma anche sci alpinismo o semplice escursionismo, si consigliava l'iscrizione al Cai per avere il Soccorso alpino gratuito. Poi arrivò il Servizio sanitario nazionale e chi si infortunava in montagna era comunque soccorso senza alcun costo. Una bella pacchia. Una pacchia che in tempi di crisi economica non è più sopportabile, tanto che alcune regioni come il Veneto, la Valle d'Aosta e il Trentino-Alto Adige ormai hanno deciso di far pagare un ticket: una mossa evidentemente per frenare gli abusi, per responsabilizzare tutti e per punire chi se ne approfitta e chiama l'elicottero senza averne motivo, magari solo perché è stanco. Sia chiaro, in caso di incidente o di caduta si paga solo un ticket, non il costo dell'intervento, ma è comunque un segnale chiaro. Se invece la persona che chiama il soccorso è illesa allora si abbatte la scure della legge e si rischia di pagare il costo totale dell'uscita, compreso il volo dell'elicottero (anche 7.500 euro...).
 
SI PAGHERÀ ANCHE IN LOMBARDIA
Ora, mentre nelle restanti regioni il soccorso in montagna è ancora tutto gratuito, la Lombardia sta pensando di varare una legge simile a quelle delle altre regioni che hanno già legiferato e far pagare chi chiama il soccorso, soprattutto per chi fa chiamate ingiustificate. Non crediamo che ci si debba scandalizzare. Le chiamate senza un serio motivo hanno insegnato a stare più attenti e più severi. Non dimentichiamo che il soccorso gratuito vuole dire che paga l'intera collettività.
 
Siete d'accordo? Così come si paga il ticket al Pronto Soccorso in ospedale il Soccorso alpino non dovrebbe fare eccezione...
 

Il Touring Club Italiano sostiene i borghi dell’entroterra

SCOPRILI TUTTI
 
 
Partecipa al nostro sondaggio!
 
Il Soccorso alpino dovrebbe essere a pagamento?

 

 
 
 

Aiutaci a valorizzare i piccoli borghi italiani e a promuovere un turismo sostenibile 

DIVENTA SOCIO