Scopri il mondo Touring

La realizzazione in vetro più ardita del mondo

Pronti per un passo nel vuoto?

di 
Stefano Brambilla
4 Marzo 2014

Le immagini dicono tutto (...guardate la gallery cliccando sopra a destra). Mettereste mai piede nella struttura di vetro che a ragione è stata definita la più ardita del mondo?

C'è veramente da provare qualche brivido. E non soltanto perché siamo a 3842 metri di quota, sulla spettacolare Aiguille du Midi, una delle vette più panoramiche delle Alpi e del mondo intero. La spettacolare struttura, da poco inaugurata, è infatti letteralmente sospesa nel vuoto! 

Si tratta di un box di vetro trasparente su cinque lati (tre lati, pavimento e soffitto) di 2,45 metri d'altezza e 2 metri d'altezza che si protende dalla vetta del massiccio del Bianco e che è stato voluto dal gestore del sito, la Compagnie du Mont Blanc. Tutti i visitatori, che giungono comodamente in funivia da Chamonix per ammirare il fantastico panorama,  possono entrare... sempre che abbiano il coraggio di vedere sotto i propri piedi 1000 metri di vuoto! Come dire... la vertigine è assicurata!

CAPOLAVORO DELLA TECNICA. Ci sono voluti due anni per realizzare Le pas dans le vide (Il passo nel vuoto), così come è stata chiamata l'opera. Calcoli, studi, prove tecniche sulle resistenze degli assemblaggi vetro/metallo, test ripetuti centinaia di volte... Le aziende incaricate hanno dovuto affrontare una sfida mai tentata prima. Anche perché il clima sulla Aiguille du Midi non è certo quello di un posto "normale": i venti possono soffiare per decine di chilometri all'ora (l'opera è stata testata per resistere a raffiche di oltre 220 km/h) e l'escursione termica tra giorno e notte può variare di decine di gradi. Anche per i vetri si è ricorsi a materiali speciali: l'azienda specializzata Pilkington ha scelto un vetro extrachiaro a basso contenuto di ferro (chiamato Optiwhite), che nonostante l'assemblaggio in tri-strato rimane di una trasparenza totale. 

 

Il Touring Club Italiano sostiene i borghi dell’entroterra

SCOPRILI TUTTI

IMPATTO QUASI NULLO. Qualche ambientalista avrà forse qualcosa da dire sull'ennesima opera realizzata ad alta quota, ma dobbiamo dire che in questo caso l'impatto ambientale è davvero nullo. A qualcuno forse verrà in mente la spettacolare struttura costruita sul North Rim del Grand Canyon, ma a differenza di quel ponte qui la gabbia di vetro è totalmente sospesa a degli alberi metallici.

E voi, sareste pronti a sentirvi sospesi nel vuoto?

Informazioni utili: www.compagniedumontblanc.fr; www.chamonix.com

 

Aiutaci a valorizzare i piccoli borghi italiani e a promuovere un turismo sostenibile 

DIVENTA SOCIO