Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Notizie di viaggio
  • Le cene di Emmaus di Caravaggio e Rembrandt esposte insieme per la prima volta

Alla Pinacoteca di Brera di Milano il "Dialogo" tra due capolavori del Seicento

Le cene di Emmaus di Caravaggio e Rembrandt esposte insieme per la prima volta

di 
Fabrizio Milanesi
6 Febbraio 2019
Dona
Uno accanto all’altro, tra rimandi estetici e simbolici in un gioco di luci ed ombre ammaliante. La Cena in Emmaus di Caravaggio e La Cena dei pellegrini di Emmaus di Rembrandt sono le opere scelte dalla Pinacoteca di Brera di Milano per l’ottavo di una serie di “Dialoghi” tra capolavori dell’arte moderna. Dal 5 febbraio al 24 febbraio li possiamo vedere per la prima volta uno accanto all’altro, approfittando anche della completa ristrutturazione delle sale della Pinacoteca. 

Lo straordinario dipinto del maestro olandese proviene dal Musée Jacquemart-André di Parigi, mentre quello di Caravaggio è "residente a Brera". In realtà, La cena in Emmaus torna a Milano dopo essere stata esposta alla mostra di Parigi "Caravage à Rome. Amis et ennemis", del Musée Jacquemart-André dal 21 settembre 2018 al 28 gennaio 2019. Lo scambio tra le due cene, frutto di un accordo tra le due istituzioni, aveva visto il quadro di Rembrandt prendere temporaneamente il posto di Caravaggio.


La cena in Emmaus di Caravaggio - Pinacoteca di Brera

L’operazione è andata decisamente a buon fine e ora possiamo goderci il confronto tra quadri di identica ispirazione nelle esecuzioni di due maestri della luce. “Questo dialogo è un perfetto esempio del perché i musei dovrebbero prestare i loro capolavori in circostanze eccezionali – dichiara James Bradburne, direttore della Pinacoteca di Brera e della Biblioteca Braidense -. Per tre settimane, Milano avrà l'opportunità di vedere due maestri di luce uno accanto all'altro, interpreti dello stesso tema in modi diversi”.
 
L'allestimento alla Pinacoteca di Brera 

Sia il capolavoro di Brera sia l’opera di Rembrandt raccontano una scena raccontata nei Vangeli, scelta spesso dagli artisti per illustrare concetti come il dubbio, la caducità, l’umanità di Cristo e la rivelazione inattesa resa possibile dalla fede. Due “cene” che sono accomunate dai critici d’arte dal coraggio di innovare il modo di rappresentare la vicenda, di utilizzare luce e ombra per costruire un’immagine che sembra anticipare uno scatto fotografico. 
 
Per entrambi gli artisti di una sorta di ribellione, di irriverenza verso i maestri che prima di loro si erano cimentati con l’interpretazione del Cristo pellegrino di Tiziano a Veronese, Tintoretto e Rubens, ispirati dall’affascinante iconografia di un Cristo pellegrino e straniero, tema che rimanda alle drammatiche migrazioni dei nostri tempi.


La cena dei pellegrini di Emmaus di Rembrandt​

INFORMAZIONI
Attorno alla Cena in Emmaus, Caravaggio incontra Rembrandt
Milano, Pinacoteca di Brera, dal 5 al 24 febbraio 2019
Da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.15; ogni terzo giovedì del mese dalle 8.30 alle 22.15 
 
Per biglietti e contatti vai al sito della Pinacoteca di Brera.
 
Dona