Scopri il mondo Touring

Un progetto Ecpat vuole regalare un Natale migliore ai bambini di Brasile e Cambogia. Con l'aiuto di tutti

Solidarietà sotto l'albero

di 
Luca Bonora
9 Dicembre 2012

Estremamente concreta è la campagna  I(n)soliti regali lanciata da Ecpat Italia, onlus che si occupa di tutela e recupero dei minori vittime di sfruttamento sessuale nei Paesi del terzo mondo. Spendendo da 5 a 20 euro è possibile regalare cibo, strumenti per l'igiene personale o ancora libri, quaderni e penne per la scuola ai bambini che vivono in Cambogia e in Brasile, due realtà dove lo sfruttamento e la prostituzione minorili sono tragicamente diffuse e gli italiani sono tra i principali clienti. La campagna si trova qui.  


Noi non restiamo a guardare, invece, è il titolo del libro pubblicato da Medici senza Frontiere con Feltrinelli. Una toccante raccolta di lettere e testimonianze da tutto il mondo di medici, ricercatori, volontari, personaggi famosi – Daria Bignardi, Antonio Scurati, Renata Pisu tra gli altri – e uomini e donne comuni. I Paesi sono quelli in cui Msf opera da quarant'anni: Burundi, Brasile, Afghanistan, Bangladesh, Etiopia, Haiti, India, Myanmar, Libia, Kenya… Parte del ricavato della vendita andrà a sostegno dei progetti di Medici senza Frontiere.


Scrive Dacia Maraini nell'introduzione, a proposito dei volontari: “Le loro lettere sincere, che a volte mostrano, è vero, la stanchezza, il senso di impotenza di fronte ai compiti immani e alle difficoltà che si moltiplicano, non si rivelano però affatto arrese, né scoraggiate né ciniche. Al contrario, sono piene di vita e di pensiero. Comprendere è difficile, ma quasi sempre questi coraggiosi italiani (i migliori di noi, i più generosi e intrepidi), finiscono per comprendere, e nel modo più generoso e sincero."