Scopri il mondo Touring
  • Viaggi
  • Notizie di viaggio
  • >
  • Sicurezza in viaggio: l'aggiornamento sui Paesi a rischio deve essere costante

Il consiglio più importante: consultare sempre il sito del ministero degli esteri prima di partire

Sicurezza in viaggio: l'aggiornamento sui Paesi a rischio deve essere costante

di 
Barbara Gallucci
19 Agosto 2015

Dopo l'attentato a Bangkok anche la Thailandia sembra essere entrata nel mirino dei terroristi, anche se, in questo caso, mancano al momento rivendicazioni. Nel 2002 un grosso attentato mise in ginocchio l'economia turistica di Bali e ora si spera che lo stesso non accada con un Paese finora tranquillo, relativamente sicuro e molto amato dai viaggiatori di tutto il mondo. Il ministero degli esteri, sul sito di viaggiaresicuri.it, invita a evitare la zona nei pressi del tempio di Erawan dove è scoppiata la bomba ribadendo che le autorità locali hanno intensificato i controlli di sicurezza nella capitale thailandese. Il timore per tutti è che il Paese orientale vada ad allungare la lista della Farnesina delle destinazioni passate da un invito alla prudenza per chi le sceglie come mete a uno sconsiglio vero e proprio.

 

UNA LISTA IN EVOLUZIONE

Tunisia, Egitto e Marocco, per esempio, sono nell'elenco dei Paesi per i quali si consiglia massima allerta, ma non si possono certo paragonare alle situazioni di Libia, Siria e Yemen dove sono state chiuse anche le ambasciate e quindi chi ci vuole per forza andare lo fa a proprio rischio e pericolo. In Siria la situazione è talmente grave che ogni giorno le notizie che arrivano sono sempre più agghiaccianti. Ultima quella dell'esecuzione di Khaled Asaad, il responsabile delle antichità di Palmira, città patrimonio Unesco conquistata dai jihadisti delle Stato islamico. Una tragedia che sembra non avere fine.

 

 

OLTRE IL MEDIO ORIENTE

Le crisi si estendono dalla Turchia, con suggerimenti di cautela della Farnesina (visti i recenti attentati), fino a tutto il nord Africa, ma non mancano anche consigli di particolare prudenza per il Kenya, per l'area si Tianjin, in Cina, in seguito alle esplosioni nell'area portuale, per l'Arabia Saudita. In ogni caso il consiglio valido per tutti è consultare sempre, prima di partire. il sito del ministero degli esteri e di segnalare i propri spostamenti nelle pagine Dove siamo nel mondo. Conoscere e sapere la situazione politica del Paese che si vuole visitare è un buon modo sia per imparare qualcosa in più sia per “leggere” meglio alcune situazioni. Il viaggio consapevole è sempre quello giusto.

 

Info: www.viaggiaresicuri.it; www.dovesiamonelmondo.it