Scopri il mondo Touring

Nasce un'associazione spontanea per mettere in rete le realtà di volontariato del capoluogo

Quartieri tranquilli: insieme per Milano

7 Maggio 2013

Sono sempre di più le realtà di volontariato che operano a Milano. Vuoi che si parli di cultura, vuoi che si tratti di società o di ambiente, le associazioni che nascono tra i cittadini rispondono a tantissime esigenze della gente. Con qualche problema, però: spesso queste realtà non sono coordinate tra loro. Oppure non sanno come farsi conoscere al grande pubblico.


Ecco allora che è nata una nuova associazione spontanea di gruppi e di persone, con l'obiettivo proprio di connettere e valorizzare le realtà di volontariato che operano in città. O meglio, nei quartieri della città: di qui anche il nome dell'associazione, Quartieri tranquilli (presidente, Lina Sotis). L'idea è quella di valorizzare l'importanza dell'appartenenza al proprio territorio, oltre che del dare e del regalare il proprio tempo. Territorio che non vuole essere inteso come tutta la metropoli, ma come una zona determinata, un quartiere appunto.


Ogni quartiere - si è partiti con Gratosoglio, Barona, Isola, Mac Mahon/Sarpi, Brera - può presentare all'associazione i migliori progetti che ha in corso e si impegna a realizzare e a promuovere nuovi progetti, nell'assistenza e nell'educazione, nell'ecologia e nelle attività di giovani ed anziani, e così via. Quartieri tranquilli si impegna a favorire l'incontro tra i coordinatori dei vari quartieri e a promuoverne le attività sui media. Un tramite importante, dunque, per sostenere e stimolare iniziative volte a favorire benessere individuale e sociale.


Tutte le informazioni saranno pubblicate sul portale www.quartieritranquilli.it. Intanto, per conoscere meglio le attività e gli obiettivi dell'associazione, si può partecipare alla Camminata tranquilla, organizzata domenica 12 maggio con partenza alle 11 da piazza Duomo. Non occorre iscriversi, ci si può aggregare quando si vuole lungo il percorso fino al parco Sempione. 

Ecco, suddivise per classe, le 62 vetture che partecipano all’edizione 2011 del Concorso d’eleganza di Villa d’Este.


 


Classe A – CHIUSE PER IL COMFORT


NO. 02: Rolls-Royce, Phantom II (1933)

Carrozzeria: Brewster, Special Town Car


NO. 04: Delage, D8 105 S (1935)

Carrozzeria: Autobineau, Coupé


NO. 06: Rolls-Royce, Phantom II (1935)

Carrozzeria: Pinin Farina, Berlina


NO. 08: Lincoln, K Series V12 (1935)

Carrozzeria: Le Baron, Coupé


NO. 10: Bugatti, 57 Ventoux (1937)

Carrozzeria: Bugatti, Coach


NO. 12: Delage, D8 120 S (1938)

Carrozzeria: Pourtout, Coupé


NO. 14: Talbot-Lago, T23 (1938)

Carrozzeria: Figoni & Falaschi, Coupé Royal


NO. 16: Alfa Romeo, 6C 2500 SS (1942)

Carrozzeria: Bertone Coupé


 


Classe B – A CIELO APERTO


NO. 18: Rolls-Royce, 20/25 (1932)

Carrozzeria: Graber, Drophead Coupé


NO. 20: Alfa Romeo, 8C 2300 (1932)

Carrozzeria: Pinin Farina, Cabriolet


NO. 22: Delage, D8 S (1933)

Carrozzeria: de Villars, Roadster


NO. 24: Rolls-Royce, Phantom II Continental (1933)

Carrozzeria: Barker, 3-position Drophead Coupé


NO. 26: Alfa Romeo, 8C 2300 (1934)

Carrozzeria: Figoni, Cabriolet


NO. 28: Mercedes-Benz, 380 K W22 (1934)

Carrozzeria: Mercedes-Benz, Cabriolet


NO. 30: Hispano-Suiza, K6 (1936)

Carrozzeria: Saoutchik, Roadster


NO. 32: SS Cars, SS 100 Jaguar (1938)

Carrozzeria: SS Cars, Roadster


 


Classe C - L'ELEGANZA ANNI CINQUANTA


NO. 34: Alfa Romeo, 6C 2500 SS (1946)

Carrozzeria: Touring, Coupé


NO. 36: Talbot-Lago, T26 GS (1948)

Carrozzeria: Saoutchik, Coupé


NO. 38: Ferrari, 212 Export (1951)

Carrozzeria: Vignale, Berlinetta


NO. 40: Talbot-Lago, T26 (1951)

Carrozzeria: Stabilimenti Farina, Grand Sport Cabriolet


NO. 42: Ferrari, 375 America (1953)

Carrozzeria: Pinin Farina, Coupé


NO. 44: Lancia, Aurelia B24 S 'America' (1955)

Carrozzeria: Pinin Farina, Spider


NO. 46: Jaguar, XKSS (1955)

Carrozzeria: Jaguar, Sports


 


Classe D - PICCOLE AUTO, GRANDI PRESTAZIONI


NO. 48: Abarth, 205 Monza (1950)

Carrozzeria: Vignale, Berlinetta


NO. 50: Porsche, 356 (1951)

Carrozzeria: Reutter, Coupé


NO. 52: Fiat, 8V (1953)

Carrozzeria: Rapi, Berlinetta


NO. 54: Siata, 400 F (1953)

Carrozzeria: Balbo, Berlinetta


NO. 56: Siata, 208 S (1953)

Carrozzeria: Motto, Spider


NO. 58: Alfa Romeo, 1900C Super Sprint (1955)

Carrozzeria: Zagato, Berlinetta


 


Classe E - LO STILE DEGLI SWINGING SIXTIES


NO. 60: Mercedes-Benz, 300 SL (1962)

Carrozzeria: Mercedes-Benz, Roadster


NO. 62: Maserati, 3500 GT (1962)

Carrozzeria: Touring, Coupé


NO. 64: Ferrari, 250 GT SWB California (1963)

Carrozzeria: Scaglietti, Spider


NO. 66: Aston Martin, DB5 (1965)

Carrozzeria: Touring, Convertible


NO. 68: Rolls-Royce, Silver Cloud III (1965)

Carrozzeria: Mulliner Park Ward, Drophead Coupé


NO. 70: Lamborghini, 400 GT (1966 )

Carrozzeria: Touring, Coupé


NO. 72: Ferrari, 365 GTS (1969)

Carrozzeria: Pininfarina, Spider


 


Classe F - LA NASCITA DELLE SUPERCAR


NO. 74: Jaguar, E-Type (1961)

Carrozzeria: Jaguar, Coupé


NO. 76: Ferrari, 250 GT SWB (1962)

Carrozzeria: Scaglietti, Berlinetta


NO. 78: Aston Martin, DB4 GT (1963 )

Carrozzeria: Zagato, Berlinetta


NO. 80: Alfa Romeo, 33 Stradale (1968)

Carrozzeria: Scaglione, Berlinetta


NO. 82: Ferrari, 275 GTB/4 (1968)

Carrozzeria: Pininfarina, Berlinetta


NO. 84: Lamborghini, Miura S (1970)

Carrozzeria: Bertone, Berlinetta


 


Classe G - CREATIVITÀ SORPRENDENTE


NO. 86: Alfa Romeo, 2000 Praho (1960)

Carrozzeria: Touring, Coupé


NO. 88: BMW, 2000 CS (1966)

Carrozzeria: Karmann, Coupé


NO. 90: Glas, 3000 V8 (1967)

Carrozzeria: Frua, Coupé


NO. 92: DAF, 55 Siluro (1968)

Carrozzeria: Michelotti, Coupé


NO. 94: Citroën, SM Opera (1972)

Carrozzeria: Chapron, Limousine


 


Classe H - I MITI DELLE CORSE DEL SECONDO DOPOGUERRA


NO. 96: Ferrari, 375 MM (1953)

Carrozzeria: Pinin Farina, Spider


NO. 98: Maserati, 63 (1961)

Carrozzeria: Fiandri, Sport


NO. 100: Jaguar, E-Type Lightweight (1963)

Carrozzeria: Jaguar, Low Drag Coupé


NO. 102: Alfa Romeo, TZ2 (1965)

Carrozzeria: Zagato, Berlinetta


NO. 104: Ford, GT40 MkII (1965)

Carrozzeria: FAV, Coupé


NO. 106: Abarth, 1300 OT (1966)

Carrozzeria: Colucci, Berlinetta


NO. 108: Alfa Romeo, 33/2 (1968)

Carrozzeria: Autodelta, Spider


 


CONCEPT CARS & PROTOTIPI


NO. C02: Ferrari, Super America 45 (2011)

12 cilindri / 6000 ccm

Body: Convertible


NO. C04: Audi, Audi Quattro Concept (2010)

5 cilindri / 2500 ccm

Body: Fastback Coupé


NO. C06: Mercedes-Benz, Concept Shooting Brake (2010)

6 cilindri / 3500 ccm

Body: Shooting Brake


NO. C08: Infiniti, Etherea (2011)

4 cilindri / 2500 ccm

Body: Coupé


NO. C10: Italdesign Giugiaro, GO! (2011)

Electric

Body: Coupé


NO. C12: Rinspeed, BamBoo (2011)

Electric

Body: Open


NO. C14: Renault, DeZir (2010)

Electric

Body: Coupé


NO. C16: Scuderia Cameron Glickenhaus, P4/5 (2011)

8 cilindri / 3996 ccm

Body: Coupé