Scopri il mondo Touring

Presentata a Milano l'indagine Doxametrics

Ospitalità e grandi hotel: cosa vogliono gli italiani?

di 
Barbara Gallucci
27 Settembre 2013

“Gli italiani come prima cosa a un albergo chiedono... di sentirsi a casa!”, Celso de Scrilli, presidente di Best Western Italia non ha dubbi e i dati confermano. Secondo una recente ricerca, realizzata da Doxametrics su un campione di circa duemila persone intervistate online, la prima parola che viene in mente agli italiani quando gli si chiede che cosa cercano in un hotel è proprio casa. Coinvolti nell'indagine sia viaggiatori per piacere sia per lavoro, accomunati anche da un'altra parola chiave: pulizia. Poi si passa all'ampiezza delle stanze, alla temperatura in camera, alla cortesia, alla connessione a internet gratuita... Gli italiani che viaggiano in Italia sono esigenti e, se possono, puntano ad alberghi di qualità di cui riconoscano il nome. Best Western è il secondo più riconosciuto dietro a Hilton, anche se, in questo caso, la celebre Paris, nipote del fondatore e regina dei gossip, aiuta non poco nel riconoscere il marchio.


“Il numero di prenotazioni è cresciuto del quattro per cento nonostante la crisi”, conferma de Scrilli e prosegue: “Il fatturato è rimasto invariato, ma i riconoscimenti non ci mancano. Gli intervistati confermano che i nostri punti di forza sono la cortesia, la qualità dell'accoglienza, la diffusione su tutto il territorio nazionale, persino la facilità nella prenotazione grazie a un sito generale e tanti siti ad hoc per ogni struttura”. In effetti, pur essendo una catena, Best Western può garantire una totale diversificazione nel genere di ospitalità. Gli hotel, spesso nati a conduzione familiare, entrano a far parte della catena che tutela sugli standard, ma mantengono una propria personalità e identità. L'anonimato dei grandi alberghi tutti uguali è quanto di meno vicino al senso di casa ci possa essere quindi non c'è da stupirsi dell'apprezzamento e dei buoni risultati. Lo confermano le 7 milioni di presenze all'anno nei quattromila hotel in tutto il mondo di cui 180 in Italia con 13mila camere a disposizione. Grandi numeri per un pubblico alla ricerca di un comfort discreto e intimo. Come quello del salotto di casa.