Scopri il mondo Touring

Funghi a tavola, nel trevigiano

di 
Luca Bonora
23 Settembre 2009

Sì è aperta martedì 22 settembre e proseguirà fino alla fine di ottobre, in sette ristoranti della provincia di Treviso, la 33a edizione di Cocofungo, tradizionale kermesse enogastronomica che apre ufficialmente l'autunno trevigiano, in attesa degli eventi dedicati al prodotto simbolo di questa zona, il radicchio.

Il nome CocoFungo, non immediatamente comprensibile oltre i confini veneti, nasce nel 1976 come gioco di parole tra il nome popolare del fungo "coco" e la parola "cuoco" in dialetto. Quest’anno la manifestazione è ricca di novità: al protagonista indiscusso si affiancano infatti i prodotti dei presidi Slow Food, e ogni locale ha scelto un colore che caratterizzerà le portate e gli arredi, e uno spettacolo – musica, danza, cabaret – che completerà il menu della serata.


Un esempio per tutti: venerdì 2 ottobre il ristorante Alla torre di San Zenone degli Ezzelini sarà tinto di viola per l’occasione e la cena accompagnata da un concerto di musica swing. Lunedì 12 ottobre, CocoFungo si sposterà eccezionalmente in Germania, per l’unica tappa fuori dai confini trevigiani, all’osteria Der Katzlmacher di Monaco di Baviera, da tempo impegnata nel promuovere la cucina italiana in terra tedesca. L'edizione 2009 si concluderà al ristorante Gigetto di Miane, con quattro serate (26, 28, 29 e 30 ottobre) sfumate di rosso.

La manifestazione è organizzata come di consueto dall’omonima associazione, dalla Provincia di Treviso e dal Gruppo ristoratori della Marca Trevigiana. Il calendario dettagliato delle serate e l'elenco dei ristoranti, sette storici locali di Treviso e provincia, è consultabile sul sito di CocoFungo.