Scopri il mondo Touring

Non è stato raggiunto il quorum al referendum. Occasione persa?

Fallimento per Courmayeur-Mont-Blanc

di 
Piero Carlesi
3 Giugno 2014
Il referendum sul cambio del nome di Courmayeur (la proposta era di modificarlo in Courmayeur-Mont-Blanc) non è andato in porto come auspicato dai promotori non perché la maggioranza dei cittadini non abbia voluto il cambio, ma perché non è stato raggiunto il quorum richiesto. Infatti occorre superare la soglia del 50 per cento perché un referendum sia valido; in questo caso la percentuale dei votanti si è fermata al 39,46 per cento.Non dovremo quindi rifare carte e atlanti e nemmeno correggere le guide Tci; tutto resta come prima.
 
Ma a questo punto ci si domanda: è stata persa un'occasione? I pareri sono discordi, come ha riportato a caldo anche il quotidiano La Repubblica, intervistando i cittadini all'uscita dal seggio. I tradizionalisti sono troppo legati al nome classico e non vogliono sentir parlare di modifiche. I nazionalisti non hanno gradito la forma francese Mont Blanc e avrebbero preferito Monte Bianco.
 
La maggior parte di coloro che hanno attività commerciali e turistiche avrebbero invece gradito il cambio del nome perché all'estero Courmayeur può dire poco, mentre Mont Blanc dà subito l'idea che siamo in montagna, nei presi della vetta più alta delle Alpi. E nel momento in cui si fa una scelta per un soggiorno alpino questo può fare la differenza, come peraltro dimostra la scelta, anni fa, di Chamonix, località "gemella" sul versante francese che allungando il nome in Chamonix-Mont-Blanc ha visto crescere le presenze turistiche.
 
La questione del cambio del toponimo per dare alla località un migliore appeal turistico è aperta. Per il momento Courmayeur resta al palo, ma altri nomi di luogo potrebbero tentare di imboccare questa strada. Pensiamo a Ostia-porto di Roma, Stresa-Lago Maggiore, Abano-Terme di Venezia, Macugnaga-Monte Rosa ecc.
 

Partecipa al nostro sondaggio!

Voi che ne pensate?