Scopri il mondo Touring

Tutti i consigli utili per ammirare una delle fioriture più spettacolari del mondo

Dove vedere i tulipani in Olanda

di 
Stefano Brambilla
13 Gennaio 2017

Dici tulipani e pensi all'Olanda, o dici Olanda e pensi ai tulipani. I Paesi Bassi e i delicati fiori dalle mille sfumature sono un binomio inscindibile da secoli. Ma non da sempre: i bulbi arrivarono sul Mare del Nord soltanto nella seconda metà del Cinquecento, venivano dalla Turchia, terra d'origine della specie selvatica. E subito fecero furore: tutti volevano i tulipani, i fiori diventarono uno status symbol, la gara per le varietà più rare si fece talmente serrata che in pochissimo tempo i prezzi salirono alle stelle. Troppo alle stelle. Ci fu gente che per i tulipani si indebitò, perse casa e averi, fu ridotta sul lastrico. Gli storici la chiamano "la bolla dei tulipani": la prima bolla speculativa documentata della storia del capitalismo.

A metà Seicento i prezzi tornarono normali, ma la coltivazione di tulipani continuò, anzi, accrebbe i suoi volumi. D'altronde, il fiore si trovava bene nelle fertili terre rubate al mare: gli umidi polder olandesi cominciarono a riempirsi di fiori rossi, gialli, viola. Oggi i Paesi Bassi sono più che mai legati al bulbo, che nel tempo è diventato fonte irrinunciabile per l'economia (la floricoltura olandese genera 250mila posti di lavoro full-time in tutto il mondo) e attrazione turistica per milioni di persone provenienti da ogni dove: d'altronde, che cosa c'è di più bello di riempirsi gli occhi di colori di fiori appena sbocciati? Bene, se vi abbiamo fatto venir voglia di programmare un viaggio in Olanda per vedere i tulipani, ecco qualche suggerimento utile prima di partire.
 
 
IL PERIODO DELLA FIORITURA
La stagione dei tulipani va da marzo a maggio, in particolare dalla metà/fine di marzo alla fine di maggio. Come consigliano gli amici dell'ente turistico olandese, il periodo mediano (ovvero la metà di aprile) è quello in assoluto in cui sbocciano più varietà, ma anche prima e dopo lo spettacolo è assicurato - anche perché nei polder fioriscono anche giacinti, crocus, gladioli e via dicendo. 


DOVE VEDERE I TULIPANI
Le zone dei Paesi Bassi dov'è coltivato il maggior numero di tulipani sono tre.

La prima è appena a nord di Amsterdam: si tratta della penisola chiamata "Kop van Noord-Holland”, che termina nella punta dove è situata la cittadina di Den Helder (punto d'imbarco delle navi per l'isola di Texel). Intorno a Den Helder, Petten, Nieuwe Niedorp e Wieringerwerf sono moltissimi i campi coltivati che si colorano in primavera; tra l'altro, la regione è bellissima anche per il litorale costellato di dune. La si raggiunge in poco tempo dalla capitale, anche in treno e con i mezzi pubblici.

La seconda zona dove fioriscono i bulbi è chiamata "Noordoostpolder", ovvero polder nordorientale, ed è nella provincia del Flevoland, intorno alla città di Emmeloord. Come ovunque in Olanda, qui si può girare anche in bicicletta tra i 2000 ettari di campi fioriti, abbinando magari la visita a Schokland, il primo sito olandese Patrimonio dell'umanità, e partecipando al Festival dei tulipani, che nel 2017 va dal 14 aprile all'8 maggio. È una zona meno nota rispetto alla prima e alla terza che citiamo in quest'articolo e quindi i flussi turistici sono minori: se avete una macchina, ritirate l'opuscolo gratuito all'ufficio del turismo locale e percorrete l'itinerario di 100 chilometri che si snoda tra fattorie, giardini, ville e parchi. 
 
La terza zona dove troverete milioni di tulipani è quella intorno a Lisse, tra Haarlem e Leida, ovvero poco a ovest di Amsterdam. È anche la zona più famosa, dove si reca la maggior parte dei turisti in cerca di tulipani: qui c'è il parco di Keukenhof (vedi sotto), in assoluto il luogo più noto per ammirare le fioriture. Ma anche intorno al parco (che è un'attrazione a pagamento) basta inforcare una bicicletta per scoprire (gratuitamente) decine di campi colorati: il consiglio è quello di percorrere la ciclabile che da Haarlem, città del bellissimo Frans Hals Museum, passa per Lisse e Leida e arriva a Naaldwijk, dove ha sede la borsa del tulipano più grande del mondo, accanto a quella di Aalsmer. Spettacolo garantito.


IL PARCO DI KEUKENHOF
Qualche numero per capire di che cosa stiamo parlando: nei 32 ettari di Keukenhof sono piantati ogni anno 7 milioni di bulbi, che in otto settimane sono ammirati da oltre un milione di persone. C'è di che perdere la testa! Pure i meno appassionati di botanica dovranno ricredersi, anche perché nel parco si visitano oltre venti esposizioni dedicate a fiori e piante, tutte di altissima qualità - questo è il luogo dove i produttori competono tra loro a chi crea la varietà più bella, colorata, profumata, delicata, resistente. Nel Padiglione Beatrix da anni c'è la più bella mostra di orchidee d'Europa, nel Padiglione Willem-Alexander ad attendere i visitatori sono 15mila gigli...

Quest'anno Keukenhof - che apre le porte per la 68esima volta - ha come tema il design olandese: all'entrata ci sarà un grande mosaico raffigurante un dipinto di Mondrian, ovviamente realizzato con tulipani, muscari e crocus. Altra novità è il nuovo ingresso, che faciliterà l'afflusso dei visitatori. E poi via tra le aiuole e i padiglioni, dove non solo si ammira ma si impara anche: per esempio da dove viene il tulipano e come il fiore si è trasformato in una icona contemporanea. Ci sono anche giochi per i bambini: per loro è stata preparata una vera e propria caccia al tesoro tra i luoghi più belli del parco. Un'esperienza olandese imperdibile, insomma: anche se circondati dalla folla, è da fare almeno una volta nella vita.
 
 
INFO UTILI
- Il sito dell'Ente del turismo olandese dove trovare maggiori informazioni: www.holland.com
- Il sito di Keukenhof, che nel 2017 apre il 23 marzo e chiude il 21 maggio: www.keukenhof.nl
- La nuova Guida Verde Touring dedicata all'Olanda, acquistabile nei Punti Touring e anche online, dove è scontata per tutti e specialmente per i soci Tci!
- Il nostro partner Girolibero, esperto di vacanze in bicicletta, ha in catalogo due "tour dei tulipani" in bici più barca: li trovate sul sito dedicato.