Attenzione

La risorsa che stai cercando non è ancora disponibile.
Ti ricordiamo che il sito è in versione beta ed è in continuo aggiornamento.
Torna a trovarci spesso per scoprire tutte le novità.
Se invece cercavi un contenuto specifico vai su www.touringclub.it per avere la versione completa del nostro sito.

Dal 29 giugno al 14 luglio la città laziale ospita il festival Caffeina

Come è eccitante Viterbo in estate

di 
Luca Bonora
25 Giugno 2012

Da ormai sei anni chi trascorre i primi 15 giorni di luglio a Roma o è in vacanza sul litorale laziale... non dorme. Merito del festival culturale Caffeina di Viterbo, che offre 400 appuntamenti culturali nel cuore medievale della città: soprattutto incontri con scrittori – tra gli altri, Niccolò Ammaniti, Stefano Benni, Dacia Maraini,  Gianni Vattimo e i cinque finalisti del premio Strega 2012 –, ma anche concerti, spettacoli teatrali e proiezioni cinematografiche nell'ambito del Tuscia Film Fest.



Sono 14 le aree e i palchi allestiti  in cortili, piazze, chiostri e palazzi storici, che dal 29 giugno al 14 luglio ospitano una media di 25 eventi giornalieri. Spicca il 6 luglio il primo incontro pubblico del vincitore del premio Strega 2012, il giorno successivo alla sua incoronazione. Passeggiando per le vie del centro storico i visitatori (400mila nella scorsa edizione), hanno la possibilità di scegliere chi e cosa seguire: l’unicità della manifestazione è infatti nella  varietà delle sue proposte, consultabili sul sito web e in continuo aggiornamento, rivolte a un pubblico di ogni età e formazione. Da segnalare infatti Senza caffeina, la sezione rivolta ai bambini e ai ragazzi: una cittadella della cultura e della creatività, dove assistere a spettacoli, giocare, passeggiare, partecipare a laboratori e a numerose attività ludico-didattiche.



L’edizione 2012 ospita inoltre il Tuscia Film Fest, un’arena dedicata al cinema con proiezioni e incontri con registi e attori. Tra gli ospiti, Daniele Vicari regista di Diaz, e Ivan Cotroneo con La kryptonite nella borsa. "La sfida è quella di creare un collegamento sinergico tra intrattenimento e approfondimento. Quest’anno il festival si arricchisce inoltre di contributi speciali tra i quali due cicli di incontri: Il giallo al tempo della crisi a cura di Giancarlo De Cataldo e Conversazioni sulla fine del mondo di Antonio Scurati” annuncia Filippo Rossi, direttore artistico.