Scopri il mondo Touring

Dopo tre anni di chiusura, il museo è più grande e più bello

A San Francisco apre il nuovo Moma

di 
Barbara Gallucci
12 Maggio 2016

Apre sabato 14 aprile il nuovo SfMoma, il San Francisco Museum of Art completamente trasformato, ingrandito e rinnovato. Ci sono voluti tre anni, ma finalmente la città californiana torna ad aprire le porte del suo museo più importante. L'edificio originale, progettato da Mario Botta, si espande con una struttura adiacente alta dieci piani disegnata dal collettivo di architetti e designer Snøhetta che, da Oslo, sono pronti a conquistare il loro posto nel mondo delle archistar. Loro anche un progetto in via di realizzazione in Italia; realizzeranno a Bolzano la nuova funivia del Virgolo, una struttura avveniristica ed elegante che dovrebbe essere inaugurata nel 2018.
 
 
CONTENITORE E CONTENUTO
In occasione dell'inaugurazione di nuovi musei spesso si tende a dare più importanza alla bellezza del contenitore rispetto alla qualità delle collezioni o mostre che deve ospitare. È successo lo scorso anno con l'apertura del nuovo Whitney Museum a New York, opera affascinante di Renzo Piano, che però quasi ha offuscato l'importanza delle esposizioni che ospita il museo. Per scongiurare questo rischio al SfMoma hanno fatto le cose in grande organizzando 19 mostre speciali per l'inaugurazione.

D'altronde lo spazio non manca e la collezione è talmente imponente da non correre il rischio di deludere. Si tratta di circa 33mila opere di architettura e design, videoarte, pittura, fotografia, scultura... Per ora ne sono esposte 260 che includono capolavori di Roy Lichtenstein e Andy Warhol, ma anche Sigmar Polke e Gerhard Richter, Alexander Calder, Tony Cragg e Richard Long, per citarne alcuni.
 
 
DENTRO E FUORI
Le collezioni del SfMoma sono frutto di donazioni private che arrivano attraverso cessioni di opere o denaro. Il risultato è quel 33mila lavori di cui sopra. All'interno del nuovo museo fondamentale il ruolo della fotografia. Contenstualmente all'inaugurazione si apre anche il Pritzker Center for Photography che propone la più grande mostra e il più grande spazio di studio della fotografia di tutti gli Stati Uniti.

Vale quindi la pena spendere i 25 dollari che costa l'ingresso al museo (come il Moma di New York peraltro) per godere dell'immensità della bellezza creativa in tutte le sue forme. E se proprio si vuole risparmiare o si ha poco tempo, l'ingresso alle mostre allestite al piano terra è gratuito. Ma un volta agganciati all'amo è difficile resistere...
 
 
Info: sfmoma.org