Scopri il mondo Touring
  • Home
  • News Touring
  • >
  • Milano - Destinazione 2015. Quattro appuntamenti sul futuro del turismo

Tra marzo e maggio, Touring e Camera di Commercio organizzano insieme un ciclo di incontri sul tema

Milano - Destinazione 2015. Quattro appuntamenti sul futuro del turismo

di 
Stefano Brambilla
17 Marzo 2014

Si intitola "Milano - Destinazione 2015" il ciclo di incontri milanesi promosso da Touring Club Italiano e Camera di Commercio di Milano tra marzo e maggio 2014. Quattro appuntamenti, preceduti da una breve introduzione a cura del Centro Studi Tci, in cui operatori e amministratori si confronteranno sul futuro del turismo milanese e italiano

Il tema è quanto mai d'attualità. Dal primo maggio 2015 l’Italia tornerà dopo qualche anno al centro dell’attenzione internazionale ospitando per sei mesi un evento globale come EXPO. E' successo per il Grande Giubileo del 2000 e più recentemente in occasione delle Olimpiadi invernali di Torino 2006. Il raggio di copertura dei media, tradizionali e nuovi, rende oggi questi appuntamenti particolarmente delicati per chi li ospita: grandi opportunità per chi sa pensare e mettere in pratica dei racconti di sé, ma anche grandi rischi per chi non si fa trovare pronto. Pure la capacità di accogliere con qualità i visitatori gioca una parte importante nella percezione del Paese: per questo si è pensato di organizzare un ciclo di incontri per far dialogare i soggetti che a vario titolo sono coinvolti nella definizione di strategie e pratiche relative al turismo. Uno sguardo su Milano, sull’Italia e sul futuro del nostro Paese.

Si inizia venerdì 21 marzo 2014, alle ore 16.30, con l'incontro "Il turismo a Milano e in Italia dopo EXPO 2015". EXPO rappresenterà un evento fondamentale per il turismo milanese, e più in generale italiano; costituirà anche un interessante laboratorio a partire dal quale sperimentare e promuovere in tutto il Paese un nuovo modello di destinazione accogliente per mettere in connessione la comunità ospitante con quella dei viaggiatori, portatrice di valori, idee e culture a volte molto diversi da quelli radicati localmente. Ecco il programma. 

Saluti istituzionali e apertura dei lavori da parte di CCIAA di Milano

·         Franco D’Alfonso – Assessore Turismo e Marketing territoriale Comune di Milano
·         Josep Ejarque – Direttore generale Explora
·         Franco Iseppi – Presidente Touring Club Italiano
·         Sergio Enrico Rossi, Dirigente Area Sviluppo del Territorio e del Mercato CCIAA di Milano
 
Modera Manuela De Carlo, Università IULM. 

Sala Parlamentino - Palazzo Giureconsulti, Piazza Mercanti 2, Milano
Ingresso libero. Vista la limitata disponibilità di posti, è gradita la prenotazione.
Per informazioni e prenotazioni:
Touring Club Italiano
Tel. 02.8526925 – e-mail: destinazione2015@touringclub.it


I prossimi appuntamenti

Mercoledì 2 aprile 2014, ore 10, sala Parlamentino - Palazzo Giureconsulti, Piazza Mercanti 2, Milano
I mercati emergenti, una sfida da vincere
I mutati equilibri su scala mondiale hanno determinato un progressivo cambiamento nella composizione dei mercati incoming del turismo italiano, soprattutto a livello extraeuropeo. Si impone urgente, dunque, una riflessione sulle politiche di accoglienza del nostro Paese per non perdere un’occasione importante di posizionamento.
 
Venerdì 9 maggio 2014, ore 10, sala Parlamentino - Palazzo Giureconsulti, Piazza Mercanti 2, Milano
L’immagine delle destinazioni: dalle guide turistiche al passaparola digitale
L’informazione è un aspetto essenziale del turismo contemporaneo sul quale si gioca la competitività di imprese e destinazioni, sotto la spinta di un’innovazione tecnologica e dei media sempre più capace di soddisfare le esigenze del viaggiatore.
 
Mercoledì 21 maggio 2014, ore 10, sala Parlamentino - Palazzo Giureconsulti, Piazza Mercanti 2, Milano
Cultura e made in Italy, ovvero quello che il mondo ci invidia
L’Italia è tuttora una delle destinazioni più visitate al mondo non solo per la rilevanza delle sue risorse culturali e paesaggistiche ma perché permette di sperimentare creatività, saper fare e prodotti del made in Italy, ossia l’altro “patrimonio” che può garantire un futuro anche al nostro turismo.