Scopri il mondo Touring

Sabato 17 e domenica 18 due eventi eccezionali a Genova e Arenzano

In Liguria tra aquile e pesto

di 
Stefano Brambilla
15 Marzo 2012

Per questo weekend quasi primaverile vi proponiamo due idee a Genova e dintorni: anche se a una prima occhiata possono sembrare adatte solo a golosi e naturalisti, in realtà riservano sorprese per tutti.



Giorno 1

Che cosa c'è di più ligure del pesto? Sabato 17 è la giornata per eccellenza di una delle eccellenze italiane più conosciute nel mondo: a Genova, niente meno che nel Salone del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale, si tiene il quarto Campionato mondiale di pesto genovese al mortaio. Chi sarà il re del pesto 2012?




Il bello è che la gara è aperta a tutti, professionisti e non. Cuochi, massaie, appassionati provenienti dai quattro angoli del globo: tutti si sfideranno a colpi di mortaio per poi essere giudicati da un'apposita commissione (che non mancherà di leccarsi i baffi). Due le manche: la mattina si svolgeranno le eliminatorie, che permetteranno ai 10 pesti migliori di sfidarsi in finale, nel pomeriggio. Alle 16 la premiazione.




Per chi arriva in visita sono previste numerosissime attività collaterali: il Campionato dei Bambini (gara non competitiva che andrà in scena dalle 9 alle 10.30); i percorsi narrativi nel centro città (alle 11.45 e 16.45); la mostra con gli antichi mortai delle famiglie liguri (nella sala del Minore Consiglio a palazzo Ducale).




In questa edizione, un ulteriore aspetto internazionale è dato dal concorso umoristico internazionale di vignette “Palatifini Cartoons” che ha ricevuto da tutto il mondo opere di grande originalità e interesse artistico (Palatifini è l'associazione gastronomica che organizza l'evento): la premiazione è prevista per le 14, mentre tutti lavori pervenuti sono esposti nel loggiato superiore di Palazzo Ducale.




E per gustare davvero basilico e pinoli? Nessun problema: grazie alla “Settimana del pesto dei ristoratori liguri”, molti ristoranti di Genova e della Liguria propongono menu speciali a base del condimento verde. Sul sito del campionato tutti gli indirizzi. A noi è già venuta l'acquolina in bocca...


 


Giorno 2

Domenica 18 consigliamo di spostarsi da Genova nel parco regionale del Beigua, soltanto a qualche chilometro di distanza. L'area protetta, sulle alture di Arenzano, tutela di per se un ambiente straordinario, con alture ancora integre che si affacciano sul mare, ma in questa stagione regala agli appassionati di natura uno spettacolo speciale.




Sono infatti decine e decine gli uccelli che scelgono queste montagne come snodo focale della loro migrazione; e tra loro, i più belli e rari sono senz'altro i bianconi, piccole aquile specializzate nella cattura di serpenti. Provenienti da Gibilterra e dalla Francia (hanno passato l'inverno in Africa), centinaia di bianconi convergono sul Beigua per poi raggiungere le aree di nidificazione sulle Alpi e sugli Appennini.




E' quindi un momento eccezionale per i birdwatcher, che da alcuni anni si danno appuntamento per ammirare il passaggio e contare le specie migratrici: il giorno prescelto, quest'anno appunto il 18 marzo, è chiamato Biancone Day e prende le forme di un vero e proprio evento, organizzato dal parco con la Lipu, Ebn Italia e Rol.




I bianconi si osservano principalmente dall'area picnic del Curlo (è prevista una navetta gratuita dalla sede del parco in via Marconi ad Arenzano), ma per tutti vale la pena di visitare anche il centro ornitologico e di educazione ambientale in località Vaccà, appena alle spalle della cittadina ligure; qui si potranno chiedere consigli per mettersi in marcia (quanto a trekking e passeggiate c'è solo l'imbarazzo della scelta) e per scoprire le altre attrattive dell'area.


 


Info

Tutte le news per Pesto championship sul sito www.pestochampionship.it (anche tel. 010.2476926).


 


Arenzano, punto di partenza per scoprire il Beigua, è a 30 chilometri a ovest di Genova. Per dormire e mangiare nell'area protetta (tel. 010.8590300; www.parcobeigua.it) il consiglio è quello di scegliere una delle strutture certificate recentemente dal parco. Si tratta di 21 alberghi, b&b, rifugi, aziende agrituristiche e ristoranti che operano nell'area protetta e negli immediati dintorni: tutti hanno aderito al marchio "Esercizi Consigliati" dall'ente parco, rispondendo a precisi protocolli disciplinari. Ecco il link: http://www.parks.it/parco.beigua/sog_ecoregole.php?id=7&id_lingua=it


 


Altre informazioni su Genova in un nostro precedente weekend all'indirizzo http://www.touringclub.it/news/dettaglio/766/Ritornare-a-Genova.-Oggi-soprattutto.