Scopri il mondo Touring

Le Dolomiti del Brenta e dell'Ortles Cevedale, i boschi dello Stelvio in val di Pejo e Rabbi, il trenino dei Castelli e le mele Dop

Camminare in val di Sole, quando la montagna è dolce e per tutti

di 
Fabrizio Milanesi
4 Luglio 2017

Tantissime piante, disposte in filari a perdita d’occhio. Sono viti? Nemmeno per sogno. Qui non c’è nemmeno l’ombra di un graspo d’uva… Siamo confusi. Sarà la musica cadenzata della band che è salita sul treno della Val di Sole (il Trento-Malè-Mezzana), il calice di Trento doc, lo snack di mele essiccate, e il clima di festa che ci godiamo su quello che ogni sabato tra il 29 luglio e il 16 settembre diventa un’occasione per scoprire le valli attraversate dal fiume Noce: il trenino dei Castelli.
 
A dissipare i dubbi è la voce della nostra guida aggrappata ai sedili, e le insegne che spuntano dai campi: “Golden”, “Renetta” “Fuji”. Immaginiamo allora centinaia di migliaia di pois gialli, verdi, rosso pastello che spunteranno tra i filari. Ritroviamo le coordinate del nostro viaggio montano. Sono le mele del consorzio Melinda (4500 soci e 450 milioni di chili prodotti nel 2016) censite, numerate, selezionate a regola d’arte. Siamo in Trentino e fiancheggiamo gli altipiani della Val di Non per raggiungere in un’ora scarsa la nostra meta, la val di Sole.
 
 
I meleti della val di Non dal treno Trento-Malè-Mezzana 

LA MONTAGNA DOLCE DELLA VAL DI SOLE
Verdissima, ampia e protetta da giganti che superano i 3000 metri d’altezza. Sono le cime delle Dolomiti di Brenta, Patrimonio mondiale dell’Umanità-Unesco, con la Cima Brenta (3150 m) e la Cima Tosa (3173 m) a svettare sulle altre montagne; e quelle del Gruppo dell’Adamello-Presanella (la cima Presanella si innalza a 3558 m) e dell’Ortles Cevedale (con il monte Cevedale a toccare i 3769 m).
 
I motivi per trascorrere in val di Sole uno spicchio d’estate (ma è fortemente consigliato andare oltre la porzione singola) sono tanti e tutti validi, dallo sport agli eventi. Noi ve ne diamo qualcuno che avvicina alla montagna anche i principianti e gli amanti della natura senza velleità da scalatori. Una montagna dolce.
 

 
UN TREKKING FACILE IN VAL DI PEJO, TRA I BOSCHI DELLO STELVIO
Per esempio nella val di Pejo, una valle laterale della val di Sole. Ci si può avvicinare alla val di Pejo senza nessuna difficoltà, in inverno come in estate grazie agli impianti di risalita che portano sino a 3000 metri. L’austera toponomastica vorrebbe che la valle si chiamasse Peio, ma che la consuetudine e il marketing hanno ormai allungato la i in J per le insegne dell’acqua minerale che qui sgorga e viene imbottigliata e distribuita ovunque.
 
Per una fresca passeggiata estiva si può prendere la telecabina “Tarlenta” a Pejo Fonti e in pochi minuti si dimentica il dislivello di 600 metri per trovarsi tra gli alpeggi della localiltà Tarlenta. Allungando lo sguardo sul gruppo montuoso dell’Ortles-Cevedale si intravedono tra le rocce nude le sparute macchie bianche dei ghiacciai. Quella è un’altra escursione (quella con molte E… per esperti). Per godersi senza particolari allenamenti, né attrezzature, l’atmosfera incantata della montagna della val di Pejo si imbocca invece uno dei sentieri che si addentrano nel parco nazionale dello Stelvio, tra prati di montagna, boschi fittissimi e corsi d’acqua che scrosciano sui pendii.
 
Camminando in val di Pejo /foto Chiara Rame

Volendo conoscere i segreti del bosco consigliamo una guida (basta una guida di media montagna) che vi accompagni tra pini, abeti, larici, e vi presenti uno ad uno gli abitanti che popolano l’area faunistica di Pejo, dove con molta discrezione e un po’ di fortuna si possono incontrare cervi e caprioli (in piena estate gli animali cercano il fresco in altura, quindi gli incontri si diradano, purtroppo).
 
Il percorso che abbiamo fatto e che vi proponiamo dall’arrivo della funivia a Pejo 2000 è una passeggiata nel bosco fino laghetto-biotopo di Covel. Dopo una breve sosta alla Malga Covel, che ospita l’alpeggio estivo di pecore e capre, abbiamo ripreso il cammino in un paesaggio più aperto e panoramico, camminando prima su un pianoro verdissimo (dove si pratica anche l’arrampicata in falesia) e un secondo tratto un po' più ripido che calca la pista da sci.
 
Prima di riprendere la funivia per Pejo fonti, non perdetevi un pasto al rifugio Scoiattolo. Una terrazza panoramica sulla valle, dove districarsi tra speck e casolet, canederli e selvaggina. Onnipresenti la polenta e il Trento doc, lo spumante metodo classico del Trentino (e guai a chi ordina Prosecco, ndr).
 
Nel bosco del Parco nazionale dello Stelvio, in val di Pejo /foto Chiara Rame 

UNA ESCURSIONE IN VAL DI RABBI, SUI SENTIERI DELLE ACQUE
Come la val di Pejo, la val di Rabbi è un raggio verdissimo che parte dalla val di Sole per inoltrarsi nel cuore del parco nazionale dello Stelvio. Ma la sensazione mentre si risale la vallata è diversa. Il verde lussureggiante e profumato, l’assenza di montagne imponenti che svettano all’orizzonte, la mancanza di impianti di risalita. La val di Rabbi invita alla contemplazione, quasi al silenzio tanto è intimo il suo paesaggio. 
 
Per goderne le atmosfere ci sono moltissime escursioni possibili. Complice una giornata di maltempo, abbiamo scelto di accordarci al clima e seguire una parte del "Percorso dell’acqua" con l’aiuto di una guida di Media montagna della valle. Il torrente che scroscia in valle si chiama Rabbies, aggettivo dialettale che si traduce in arrabbiato. E in effetti l’acqua del Rabbies scorre veloce, a tratti impetuosa e si concede anche qualche salto funambolico.
 
Una facile passeggiata conduce proprio alla veduta spettacolare delle cascate del Saent. Si parte e si ritorna a Malga Stabiasolo (l’auto si lascia al parcheggio Coler, e si arriva in navetta o con una passeggiata di 20 minuti). Un percorso facile e senza dislivelli importanti conduce in mezz’ora di cammino al primo dei due salti del Saent. Le foto sono di rito, anche perché c’è una terrazza panoramica che invita a godere del fresco, degli spruzzi e a farsi qualche selfie.
 
Altri 45 minuti conducono al secondo salto, e il ritorno in malga e tanto agevole quanto desiderato, visto che si gustano i veri sapori del territorio: dai canederlotti, al casolet, la selvaggina e la polenta: tutto a chilometro “zerissimo” (tutti i sabati estivi fino al 3 settembre c’è anche una guida alla produzione artigianale di latte e formaggi in malga: 8 euro degustazione compresa).
 
La cascata del Saent, in val di Rabbi /foto Chiara Rame

I BRIVIDI SUL PONTE SOSPESO E IL PERCORSO KNEIPP 
Il pomeriggio si può allargare l'anello portandosi nei pressi del campeggio del “Plan” lungo il torrente Rabbies, per salire verso la cascata del Ragaiolo e raggiungere l’imbocco del ponte sospeso. Sul ponte sospeso della val di Rabbi si cammina per più di 100 metri sospesi nel vuoto a un’altezza che raggiunge i 57 metri. L’esperienza è da provare e le emozioni sono concesse a tutti, montanari barbuti, ragazzi in gita, famiglie con bambini.
 
Per chiudere in salute, in località Valors, vicino alla località San Bernardo, si può godere di un’area parco di 500 metri quadri. E tra aiuole e aree relax si può approfittare di un vero e proprio percorso Kneipp, che sfrutta le acque del rio Valorz. 
 
Il ponte sospeso in val di Rabbi
 
È la seconda volta che veniamo accolti dalla val di Sole. Il debutto era legato a un imponente evento sportivo, i mondiali di MTB. Ma in questa occasione abbiamo assaporato i caratteri di una valle che non rispetta i pregiudizi legati alla montagna. Nessuna chiusura, anzi. Gentilezza a piene mani, servizi efficenti, ristoratori senza presunzione e una sensazione palpabile che la Val di Sole stia lavorando molto per aprirsi a un pubblico sempre più trasversale, allungando le stagioni con tantissimi eventi, soprattutto seguendo due strade maestre del "nuovo" turismo: la sostenibilità (il treno Trento-Malè-Mezzana è più di un'occasione) e l'approccio slow, dalla bicicletta per tutti alla montagna per famiglie e soprattutto adatta ai bambini.
 
INFORMAZIONI PRATICHE
- Idee, suggerimenti, agenda eventi e contatti sono sul sito sul sito ufficiale della Val di Sole.
- Novità dell’estate 2017 è l’interessante offerta della Trentino Guest Card Opportunity, che dal 10 giugno al 24 settembre 2017 consente vantaggi su servizi ed acquisti in tutto il comprensorio. Per i dettagli vai alla pagina dedicata all'offerta.
 
Un panorama bucolico della val di Sole /foto Chiara Rame
 
DORMIRE E MANGIARE
- Noi abbiamo trovato una buonissima accoglienza all’Hotel Salvadori, a Mezzana, con una sala colazioni splendida in legno e vetro, e una Spa dove il vero plus è una piscina che inizia nella spa e continua all'esterno, dove godere del panorama montano. Per il cibo e soprattutto i vini sarete seguiti in ogni curiosità. L'albergo prenotabile sul sito del nostro partner Booking.com.
- Casolet, grappe, selvaggine e tutte le specialità del territorio con un panorama sulla valle a 2000 mt di quota si trovano al Rifugio Scoiattolo, nella val di Pejo, punto di riferimento per esperienze ed escursioni nella valle dolomitica. Info: www.rifugioscoiattolo.com.
- Punto di riferimento gastronomico e per le escursioni in val di Rabbi è la Malga Stablasolo.
- Ecco le nostre schede dedicate con molti altri consigli su dove dormire e dove mangiare in Val di Sole! 
 
Tipicità solandre a tavola /foto Chiara Rame
 
LA GUIDA TCI
- Tutte le informazioni sulla regione nella nostra Guida Verde Trentino Alto Adige, da comprare online a prezzi scontati!
 
Una band del festival Arcadia sul Treno dei Castelli /foto Chiara Rame