Scopri il mondo Touring

Visualizza

Mudec: i depositi

localita

via Tortona, 56 20144 Milano

Aperta al pubblico dall’ottobre 2015, la collezione permanente del Mudec, propone ai visitatori una accurata selezione dell’esteso patrimonio museale, formato da più di 7.000 oggetti che coprono un arco cronologico che va dal 1.200 a.C. al XX secolo.
Il percorso espositivo rappresenta un vero e proprio viaggio nel tempo e nello spazio compiuto attraverso l’incontro/scontro con l’«altro da sé», a partire dal XVII secolo fino ai giorni nostri, e mette in mostra nelle quattro sale al primo piano del MUDEC oltre 200 tra opere d’arte, oggetti e documenti selezionati come testimonianza del sempre diverso atteggiamento con il quale la nostra società ha guardato verso orizzonti culturali sconosciuti.
La maggior parte delle opere si trova quindi conservata nei depositi del Mudec, strutturati invece seguendo un criterio di natura geografica e cronologica. Situati al piano terra del museo, i depositi presentano le opere divise per contesti di provenienza: Africa occidentale e centrale, medio ed estremo Oriente, America meridionale e centrale, sud‐est asiatico e infine Oceania.
Dal Giappone provengono più di 1500 manufatti che vanno dal periodo Momoyama (1573‐ 1615) al periodo Meiji (1868‐1912). Porcellana, tessuti e bronzi, corredi di armi, lacche, avori e oggetti strettamente legati alla tradizione giapponese permettono di documentare la storia delle arti e della cultura di questo paese.
Le centinaia di opere cinesi sono per la maggior parte in terracotta e porcellana: si può tracciare la storia dell’uso di questi materiali dal periodo Tang (618‐906 d.C.) fino al periodo Ming (1368‐1644) per arrivare alle manifatture del Settecento. Altro nucleo molto cospicuo è quello della raccolta preispanica e amerindiana: le terrecotte, i tessuti e i manufatti nei più diversi materiali (piume, semi, avori, legni, metalli preziosi) testimoniano le diverse produzioni del continente, dai reperti archeologici di area mesoamericana e andina a quelli moderni dell’Amazzonia. Le opere africane, il cui nucleo fondamentale è composto dalle sculture in legno provenienti dall’Africa sub sahariana del XIX e XX secolo, comprendono anche un cospicuo numero di oggetti d’uso raccolti sul campo dai viaggiatori ottocenteschi e alcune piccole statue in terracotta variamente databili dal IX al XVI secolo. Le sezioni del Vicino Oriente e del Sudest Asiatico, si distinguono per i tessuti, i reperti ceramici e i manufatti metallici ottomani e persiani. Molto rilevante è la collezione dei tappeti, databili tra il XVI e il XIX secolo. La collezione del Sud Est Asiatico presenta una grande varietà di tipologie di opere e di materiali: comprende armi ottocentesche, tessuti, abiti di fattura indiana e oggetti ornamentali provenienti dalle Isole Salomone. Completa la collezione un nucleo significativo di strumenti musicali provenienti da tutti i paesi del mondo.

Le visite tematiche ai depositi del Mudec vengono offerte in collaborazione con gli addetti all’accoglienza del Comune di Milano – Unità Organizzazione e sicurezza sedi, ogni ultimo sabato del mese alle ore 10, 11, 15 e 16.

Prenotazione obbligatoria a Pronto Touring 02/8526266

Scrivi la tua recensione