Scopri il mondo Touring

San Gimignano

localita

San Gimignano (SI)
Oggi San Gimignano è considerata dall’Unesco patrimonio dell’Umanità – e dal Touring Club Italiano località turistica Bandiera Arancione – ma tutto nasce dallo zafferano e dal vino Vernaccia, nel medioevo prodotti rinomati e portatori di ottimi guadagni.
Tre crinali su un un poggio, in alto sopra la Valdelsa ma lungo il tracciato della Via Francigena, testimoniano la loro ricchezza medievale grazie a una selva di torri secolari – una specie di Manhattan ante litteram – che nel ’200 erano settantadue, e ancora oggi sono quindici. Lo skyline di San Gimignano è ben visibile anche in lontananza.
Torri e case, mura e porte, strade e piazze si sono conservate praticamente intatte attraverso i secoli. Questo ambiente urbano magico, però, è anche il risultato di una specie di congelamento economico e sociale. Tutto si è conservato perché già dal 1282 una legge locale vietava la demolizione di qualsiasi edificio se non per costruirne uno più bello, ma anche perché negli ultimi sette secoli non è successo niente di straordinario.
Guerre, lotte intestine, carestie e infine la peste del 1348 contribuirono infatti a un precoce e improvviso declino. Nuova arte ha fatto la sua comparsa soltanto in anni recenti, con il progetto ‘Affinità’, che ha dato vita a un ‘percorso’ segnato da installazioni contemporanee di Giulio Paolini (in S. Agostino), Luciano Fabro (dietro il palazzo del Comune), Eliseo Mattiacci (nel giardino della Rocca), Jannis Kounellis (in via Folgore) e Nunzio (in un vicolo di via S. Matteo).

Scrivi la tua recensione