Scopri il mondo Touring

A Casa di Giotto, in Mugello

Gianluca Chelucci
Domenica, 18 Giugno, 2017

Sabato 24 giugno il Corpo consolare toscano del Touring Club Italiano, in collaborazione con l’associazione nazionale Case della Memoria, organizza una visita alla “Madonna di San Giorgio alla Costa” di Giotto, eccezionalmente esposta al Museo d’arte sacra di Vicchio, e alla Casa di Giotto di Vespignano di Vicchio. L’iniziativa si inserisce nel calendario di incontri che da maggio a ottobre guideranno alla scoperta delle dimore e delle storie di sei grandi personaggi della cultura, in Toscana e Emilia Romagna,

L’appuntamento del 24 giugno, in occasione del 750° anniversario della nascita, sarà dedicato alla figura di Giotto di Bondone (1266-1336), uno dei grandi innovatori della pittura italiana. Attivo a Firenze, a Roma, ad Assisi ed a Padova, di lui rimangono splendide opere fra le quali alcune delle più notevoli sono gli affreschi della Chiesa Superiore di San Francesco ad Assisi e quelli della Cappella degli Scrovegni a Padova. Fu ammirato dai suoi contemporanei e ricordato sia da Dante sia da Boccaccio, che ne riconobbero la grande modernità e ne ammirarono il profondo realismo.

La Madonna di San Giorgio alla Costa 
L'opera, databile intorno al 1295, circa 70 anni dopo la morte del Santo, è considerata da alcuni critici come la più antica tavola dipinta dall’artista. Era custodita presso il Museo Diocesano di Santo Stefano al Ponte a Firenze, quando fu danneggiata profondamente nell’attentato dei Georgofili, avvenuto la notte tra il 26 e il 27 maggio del 1993. Un lungo restauro affidato a Paola Bracco dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, è riuscito a risanare l’opera e ad eliminare anche tutti i deleteri interventi con cui lo strato pittorico originale era stato coperto nei secoli. In questo modo il restauro ha permesso la riscoperta e l’approfondimento di alcuni particolari opacizzati della pittura giottesca, che interpreta in modo forte e chiaro la poetica di fede, di vita e la sensibilità di Francesco.

La Casa di Giotto
Nel comune di Vicchio del Mugello sorge quella che, secondo la comune tradizione, è ritenuta la sua casa. In origine era probabilmente un'appendice di una più vasta casa padronale. L’edificio fu restaurato nel 1840 e ha subito nel corso dell'Ottocento e del Novecento notevoli trasformazioni.  Nel 1975 l’immobile fu acquistato dal Comune ed adibito a museo. Recentemente la sistemazione museale è stata rinnovata con un percorso virtuale attraverso l'opera del grande pittore. Il museo è stato concepito in chiave contemporanea, puntando sulle opportunità della tecnologia multimediale. L’allestimento è molto curato sia sotto l’aspetto visivo che scientifico. Schermi grandi e convessi fanno scorrere immagini che quasi avvolgono lo spettatore. I video sono incentrati sul ruolo del paesaggio nell’arte di Giotto. Le stesse immagini prendono vita all’esterno del museo, dove grandi cornici metalliche incastonano frammenti di paesaggio. Sempre nel museo ha sede un laboratorio didattico sull'arte dell'affresco.

Programma:
- ore 16,30 Vicchio, Museo di Arte Sacra e Religiosità Popolare, visita de “La Madonna di San Giorgio alla Costa” di Giotto.

- ore 17,15  Vicchio, località Vespignano, visita alla Casa di Giotto.

Per prenotazioni:
Associazione Dalle Terre di Giotto e dell’Angelico (tel. 055 844782 - 328 5990920).

 

_______________________________________________

Le Case della Memoria, in Toscana e Emilia Romagna
Per il secondo anno, da maggio a ottobre, l'associazione nazionale Case della Memoria in collaborazione con il Corpo consolare del Touring Club Italiano di Toscana ed Emilia Romagna organizza una serie di incontri, a cadenza mensile, per raccontare le storie di sei grandi personaggi: Agnolo Firenzuola, Giotto, Giorgio Morandi, Loris Jacopo Bononi, Giuseppe Verdi e Giosuè Carducci.

Per saperne di più:
http://www.touringclub.it/notizie-di-viaggio/alla-scoperta-di-personaggi...