Scopri il mondo Touring

Visita alla miniera di salgemma di Realmonte e al paese di Sciascia- Racalmuto

Fabio Rocca
Venerdì, 30 Dicembre, 2016

A pochi giorni dalla fine dell'anno, a conclusione della attività del 2016, il TCI DI Palermo ha effettuato una visita alla miniera di Realmonte ed al paese di Racalmuto. In pullman, da Palermo, i circa 30 partecipanti del gruppo del TCI hanno raggiunto la splendida e, purtroppo, poco conosciuta miniera di salgemma di Realmonte, in provincia di Agrigento. Il pullman sotto la sorveglianza del responsabile della miniera Sig. Angelo Iannello, si e' addentrato nei profondi meandri della miniera per scendere fino a 160 metri sotto il livello del mare. Una discesa lieve e sinuosa fino ad una enorme sala sotterranea, detta cattedrale, capace di contenere fino a 1800 persone in occasione delle funzioni religiose che vengono officiate in alcune circostanze, davanti l'altare scolpito nel sale ed ai bassorilievi delle pareti. Tra il luccichio dei cristalli di sale, il gruppo dei visitatori ha ammirato affascinato il prodotto del lavoro di sconosciuti artisti nel contesto di questo ambiente surreale. Proseguendo il viaggio nel cuore della miniera, si è giunti in uno spazio, davanti ad una parete sulla quale la natura ha disegnato un enorme rosone formato da stratificazioni di minerali dai differenti vividi colori, quasi una meravigliosa creazione di un improbabile stilista.
Conclusa la visita alla miniera, dopo una sosta per un pranzo semplice, ma gustoso, ci si è incamminati per una passeggiata nel paese di Racalmuto guidati da due efficaci anfitrioni, l'assessore alla cultura Salvatore Picone e il noto giornalista Felice Cavallaro, cittadino di Racalmuto ed appassionato conoscitore della cittadina. Sulle orme di
Sciascia, il gruppo ha visitato il Circolo Unione, luogo di incontro dei notabili della cittadina, la via Garibaldi e la Fondazione Sciascia, preziosa raccolta di ricordi ed opere dello scrittore. Ancora, il Teatro Regina Margherita deliziosa "bomboniera" realizzata dall'architetto Dionisio Sciaccia allievo di Filippo Basile al quale si deve il Teatro Massimo di Palermo. Continuando si sono ammirate, anche, le opere di Pietro D'Asaro all'interno della chiesa Madre. Infine all'imbrunire dopo l'intensa e interessante giornata il gruppo ha fatto ritorno a Palermo.