Scopri il mondo Touring

Palermo, visita al Museo storico dei motori

Guido Fiorito
Domenica, 20 Novembre, 2016

Un viaggio nella storia dei motori, da quelli a vapore ad oggi. Un. gruppo della sezione palermitana del Touring, guidato dal responsabile Fabio Rocca, con la presenza di Domenico Cappellano, console del Tci per la Calabria in visita a Palermo,  ha effettuato il 19 novembre, una visita guidata del Museo storico dei motori e dei meccanismi dell'Università di Palermo, ospitato in un edificio della facoltà di Ingegneria. L'ingegnere Giuseppe Genchi,  che da anni si occupa del museo, ha illustrato i "pezzi" più interessanti, raccontando dell'evoluzione dei motori da quelli enormi a vapore fino a quelli elettrici ed ibridi. 

Nel Museo sono esposti  motori automobilistici, aeronautici e navali. Particolare emozione ha suscitato vedere una turbina a vapore della antica centrale elettrica di via Volta, che ha dato luce  nella case dei nostri bisnonni a Palermo all’inizio del Novecento. 

Genchi ha risposto alle domande dei visitatori, spiegando anche particolari sul recupero al museo di motori abbandonati oppure donati da privati e su come poi vengano restaurati prima di essere esposti. Molto interessante la sala dei modelli didattici (hanno incuriosito le ruote dentate ovali per moti di intensità variabile)  e la sala da poco allestita sui libri antichi di meccanica provenienti dalla biblioteca di Ingegneria. 

Magnifico finale con la visita ravvicinata, dentro la gigantesca teca in parte di vetro che lo contiene, ad un magnifico aereo Fiat G-59, con un motore Rolls-Royce Merlin da 1440 cavalli che permetteva di poter compiere qualsiasi acrobazia. L'ultimo caccia a pistoni costruito nel mondo. Un aereo da addestramento, derivati da quello usato nella Seconda guerra mondiale, in servizio fino al 1965, di cui sono rimasti solo 5 esemplari. Fu progettato dall'ingegnere Giuseppe Gabrielli  nato a Caltanissetta.