Scopri il mondo Touring

LA MIA TERRA DI PUGLIA di Maria Antonietta Cocco D'Onofrio

Vincenzo D\'Onofrio
Sabato, 20 Novembre, 2010

 

LA MIA TERRA DI PUGLIA

 

La mia terra di Puglia

è un gigante

con gli occhi d’ocra arsi

e il mantello splendente

delle spighe di grano

e negli angoli nascosti

siepi e muschi odorosi

La mia terra

è un bambino che ha le orecchie di ciliegie

e la bocca di fragole fiorite

che s’inerpica sulle ardite colline

e sciaborda nei ruscelli rotolanti a valle

e continua il cammino

per grotte luminescenti

d’antiche memorie

ove il respiro viene

delle genti trascorse

e dei messaggi graffiti

La mia terra

balla la ballata

sugli argini dei fiumi

al suono di tamburi ardenti

e gonne che si arrotolano

gonfiandosi sulle svelte caviglie

e fiaccole di luce

La mia terra di Puglia

assetata

nelle bocche dei rovi incendiati

come una vecchia scalza

pellegrina da sempre

che compie litanie

di rosari scuri appesi alla cintola

e raccoglie i suoi figli

sotto apici di silenzio

perché il silenzio austero

raccolto nelle braccia conserte

nelle fronti dimesse

nelle bocche chiuse

invoca il cielo le speranze migliori

La mia terra

che mi fa salire in cielo

con la spirale dell’aereo in volo

perché  è un fazzoletto di limone

arido e spremuto

che ho nel cuore

Maria Antonietta Cocco D’Onofrio

agli Amici del Touring Club Italiano

* 2° premio “Puglia Viva”, Foggia 1987

* Tratta da “SAPORI DI PUGLIA” opera prima classificata al gran Premio di poesia e 

  narrativa Città di Pompei 1991