Scopri il mondo Touring

Un'immersione nella splendida Amp di Portofino

Alessandro Arado
Venerdì, 1 Aprile, 2011

Il piccolo borgo di San Fruttuoso fa parte del Parco regionale di Portofino e dell'omonima Area marina protetta. Ospita la famosa statua del Cristo degli Abissi posizionata a 18 metri di profondità. Alta 2,5 metri è stata voluta dal padre della subacquea Duilio Marcante in ricordo dell'amico sub Dario Gonzatti perito durante un'immersione. Realizzata in bronzo (raccolto fondendo menete, campane, eliche, attrezzature di bordo) dallo scultore Guido Galletti, è stata posata nel 1954, con l'aiuto della Marina militare. La storia racconta che ogni subacqueo (come i musulmani alla Mecca) almeno una volta nella vita (da sub) deve fare questa immersione e fermarsi davanti al Cristo in raccoglimento. Un'occasione per visitare anche la Baia di S. Fruttuoso e l' Abbazia (di proprietà del Fai) eretta (almeno il primo cenacolo) da monaci greci anche se la maggior parte dell'edificio risale alla fine del X e inizio XI da parte di Adelaide di Borgogna, vedova di Ottone I di Sassonia, imperatore del Sacro romano impero. Nel secolo XI venne affidata ai monaci Benedettini che ins eguito la elevarono di un piano. Abbandonata dai monaci divenne dimora di pescatori e covo di pirati, fino all'acquisizione della grande famiglia genovese dei Doria resa fanosa da Andrea, vincitore della battaglia di Lepanto contro i turchi. I suoi eredi fecero costruire una grande torre di avvistamento, ancora oggi presente sul lato destro, guardando la baia dal mare, in cui è visibile lo stemma di famiglia con l'aquila reale. A lui si deve anche la ricostruzione della facciata a mare con un splendido loggiato.

Le immersioni nell'Area marina protetta non sono troppo impegnative a parte alcune come l'Isuela. Però sono tutte molto belle perché i fondali sono colorati e ricchi di flora e fauna sottomarina. I periodi migliori sono prima e dopo l'estate poiché nel periodo estivo c'è molto "traffico", sopra e sotto la superficie. La visibilità di solito è molto buona, le correnti scarse, e la temperatura dell'acqua è quella tipica dei mari temperati. Sono tutte in parete ad esclusione dell'Isuela che è una secca e si trova al largo di Punta Chiappa. E' una delle immersione più belle di tutto il Mediterraneo perché la presenza di corrente (a volte forte) favorisce la presenza di una grande quantità di pesce, anche di grossa taglia e dove si trovano facilmente grossi branchi di barracuda.