Scopri il mondo Touring

Gita a Venezia del 12 marzo 2016

Antonio Fumarola
Giovedì, 17 Marzo, 2016

Sabato 12 marzo si è svolta la prevista gita a Venezia che ha visto la partecipazione di 22 persone tra soci e simpatizzanti del TCI, accompagnati dalla sottoscritta e dalla nostra preziosa guida, il Signor Claudio Biagi, studioso e profondo conoscitore della storia veneziana, insieme abbiamo visitato la “scuola dalmata” con il pregevole ciclo di “teleri” del Carpaccio e il Palazzo Grimani a Santa Maria Formosa.

Dopo il percorso in treno il nostro viaggio è proseguito a bordo del vaporetto n. 1, che ci ha portato lungo il Canal Grande fino alla fermata di San Zaccaria, dopo Piazza San Marco. La nostra prima visita è stata infatti presso la scuola dalmata dei Ss Giorgio e Trifone, dove la nostra guida ci ha illustrato con dovizia di particolari il ciclo di dipinti eseguiti da Vittore Carpaccio tra il 1502 e il 1507. I dalmati, chiamando il Carpaccio a decorare la loro scuola, scelsero come soggetto narrativo alcuni episodi di santi particolarmente venerati in Dalmazia, quali San Giorgio, San Trifone e San Gerolamo.

Il dipinto più famoso è sicuramente quello di San Giorgio che uccide il drago del 1507, considerato uno dei più alti capolavori del Carpaccio e della pittura veneziana dell’epoca.

La seconda visita è stata molto particolare, infatti siamo stati ospiti nei possedimenti del Sovrano Militare Ordine di Malta, una piccola enclave con regime di extra-territorialità all’interno dello Stato Italiano. Il Cavaliere che ci ha accolti è stato molto esauriente nel raccontarci in sintesi la loro storia e le loro tradizioni, spiegandoci che i terreni che attualmente occupano sono stati loro ceduti nell’anno 1301 dai Cavalieri Templari dopo la soppressione del loro ordine.  Accanto all’edificio conventuale, restaurato nel corso dei secoli, si può visitare la Chiesa di San Giovanni Battista, in precedenza San Giovanni del Tempio, dove si può ammirare l’altare di pregevole fattura e una pala raffigurante il battesimo di Gesù, dipinta nel 1500 dal maestro Giovanni Bellini, cui era stata commissionata dal Gran Priore Sebastiano Michiel che aveva anche curato il restauro della chiesa nella sua attuale delineazione. Attualmente i Cavalieri dell’Ordine di Malta si occupano principalmente di assistenza ai bisognosi e ai malati, attraverso le loro opere sparse in tutti i paesi del mondo, oggi sono circa 13.000 e rispondono direttamente al Santo Padre a Roma.

Nel pomeriggio, dopo una gradevole pausa pranzo, ci siamo recati a Palazzo Grimani, nel Campo di Santa Maria Formosa e qui la nostra guida ci ha portato ad ammirare gli interni di quello che all’epoca era il secondo palazzo più visitato di Venezia, dopo il Palazzo Ducale. Purtroppo gli arredi non ci sono più perché l’ultimo erede della potente famiglia, celibe e senza figli, nell’800 ha venduto tutto e il palazzo che aveva visto tra i suoi proprietari ben 3 dogi e vari alti porporati, nonché il Patriarca di Aquileia, Giovanni, è stato lasciato in stato di abbandono fino a circa 8 anni fa, quando, dopo essere rientrato nel patrimonio statale, è stato riaperto al pubblico perfettamente restaurato. Di notevole effetto sono il soffitto dello scalone di ingresso e i soffitti di alcune stanze, con scene di natura e varie allegorie, dettagliatamente illustrateci dalla nostra guida. La nostra visita si è conclusa nel tardo pomeriggio con una lunga passeggiata lungo tracciati insoliti, ricchi di storia e di curiosità, dopo la quale, con il giusto spirito di viaggiatori Touring, siamo rientrati in treno a Trieste, magari un po’ stanchi ma sicuramente soddisfatti.

Il nostro ringraziamento per la bella giornata va quindi in particolare a Claudio Biagi che non si è risparmiato nel raccontarci episodi storici e aneddoti che hanno mantenuto sempre desta la nostra attenzione.

Alla prossima di nuovo insieme

Maria Mirca Negrini

Console TCI in Trieste