Scopri il mondo Touring

CASTEL NUOVO E LA STANZA DI VETRO - Sabato 27 settembre

Marianna D'Orsi Pisani
Mercoledì, 27 Agosto, 2014

Il Museo ha sede nella struttura monumentale di Castel Nuovo. Il Castello fu edificato per volere di Carlo I d’Angiò, a partire dal 1279, su progetto dell’architetto Pierre de Chaule. Nel 1442, con la conquista del Regno da parte di Alfonso d’Aragona, detto il Magnanimo, il monumento venne gradualmente ricostruito, secondo le esigenze difensive della metà del XV secolo, con l’intervento dell’architetto maiorchino Guillem Sagrera.

Il Castello dal 1990 ospita il Museo Civico ordinato secondo un itinerario cronologico dal Trecento al Novecento.

L’itinerario di visita si articola tra la Cappella Palatina, il primo e il secondo piano della cortina meridionale. La Cappella Palatina è l’unica testimonianza di età angioina, il cui interno, era in origine affrescato da Giotto e dalla sua bottega.

Tra le opere del Rinascimento napoletano sono da segnalare il tabernacolo di Domenico Gagini, quello di Jacopo della Pila e la Madonna con Bambino di Francesco Laurana, originariamente ubicata nel portale della cappella. Nell’itinerario di visita si possono altresì ammirare gli ambienti storici del castello tra cui la Sala dei Baroni, la Torre del Beverello, l’area porticale con testimonianze archeologiche, i cammini di ronda e le terrazze panoramiche.

 

In particolare visita alla sala dove, attraverso un pavimento di vetro, è possibile vedere gli scheletri e i reperti archeologici che sono stati ritrovati.

 

Collezioni I piano. Sono esposte opere (dipinti, sculture e arredi liturgici), prevalentemente di committenza religiosa che abbracciano i secoli XV, XVI , XVII, XVIII. Tra queste si nota la tavola con l'Adorazione dei Magi (1519 circa), un tempo ubicata sull'altare maggiore della Cappella Palatina, opera giovanile dell'artista calabrese Marco Cardisco, le tele di Luca Giordano e Mattia Preti e uno dei pochi dipinti di carattere profano, la Natura morta con pesci, di Giuseppe Recco. Collezioni II piano Al secondo piano sono esposte opere che vanno dal XVIII al XX secolo. Nella prima sala si notano i cinque ovali del pittore Jacopo Cestaro, in cui viene recuperata la grande tradizione artistica dell'ultimo Solimena. Nelle sale successive è esposta una pregevole raccolta della pittura dell'Ottocento napoletano con la presenza di qualche dipinto dei primi anni del nostro secolo (L. Crisconio - E. Curcio). Le opere sono pervenute al Comune di Napoli in un arco di tempo che va dai primi anni dell'Unità d'Italia agli anni tra le due guerre. L'esposizione è stata ordinata per temi: episodi storici, paesaggi, vedute della città di Napoli, ritratti di donne ed episodi di genere. Citiamo i dipinti di Gioacchino Toma, Vincenzo Caprile, e le sculture di Vincenzo Gemito.

 

PROGRAMMA DI MASSIMA

L’appuntamento è fissato alle ore 10,00 PRECISE presso l’ingresso del Museo – Maschio Angioino – Piazza Municipio – Napoli.

 La visita inizierà inderogabilmente cinque minuti dopo l’orario previsto in programma.

Trasporti                                             mezzi propri

Guide                                                           dott.ssa Rosa Romano, storica dell’arte

Volontario Tci accompagnatore          Silvana De Luca

Quote                                                           € 6,00 per i soci

                                                           € 2,00 per i soci junior e giovani

Supplemento non soci                        € 4,00

 

La quota comprende:  la visita guidata come da programma, assistenza del console, assicurazioni per la responsabilità civile, il compenso per la guida.

 

La quota non comprende: gli eventuali ingressi, le mance, le spese di carattere personale  e tutto quanto non specificato.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi, orario 10,00 – 18,00 dal lunedì al venerdì,  al Punto Touring di Napoli ai numeri suindicati, o inviare un e-mail al seguente indirizzo: tcinapoli@gmail.com

 

Le prenotazioni sono aperte e scadono automaticamente sette giorni dopo la loro effettuazione, anche telefonica, se non confermate dal versamento della quota. Il Corpo Consolare si riserva in diritto di accettare o meno la prenotazione. Le quote non sono rimborsabili in caso di disdetta (vedi regolamento).

 

Per comunicazioni urgenti riguardanti la manifestazione è possibile contattare l’accompagnatore nella giornata della manifestazione telefonando al 338 6165971 (cellulare personale dell’accompagnatore da utilizzare solo in caso di emergenza)

 

Manifestazione organizzata esclusivamente per i soci TCI e soggetta al regolamento della Commissione Regionale Consoli della Campania. Sono ammessi in via eccezionale i non soci perchè possano constatare la qualità e l'interesse delle nostre manifestazioni, e quindi associarsi.

 

Minimo partecipanti 30, massimo partecipanti 40.

 

La realizzazione del depliant contenente tutti i programmi proposti dal Corpo Consolare della Campania è stata resa possibile grazie al contributo della Banca di Credito Popolare di Torre del Greco, che ringraziamo vivamente.

 

 

 

Edizione 4 luglio 2014 

 

Riferimenti bibliografici: Guida rossa o verde del TCI.