Scopri il mondo Touring

I soci Tci adottano i capolavori della Galleria Sabauda di Torino. Custoditi nel castello di Moncalieri

Giovedì, visita al deposito

di 
Tino Mantarro
4 Settembre 2013

La sorveglianza è affidata direttamente ai carabinieri del battaglione Piemonte. Le oltre 5mila opere d’arte custodite nel deposito allestito ad hoc nella Cavallerizza, in fondo alla corte d’onore del Castello di Moncalieri (To), rappresentano infatti l’essenza stessa della Galleria Sabauda di Torino e, se il restauro della Manica Nuova del Palazzo Reale torinese andrà per il verso giusto, da ottobre 2014 una parte di esse tornerà nelle sale affiancandosi ai 90 capolavori oggi già visibili nella reggia sabauda.



E, dal 5 settembre, ogni giovedì dalle 10 alle 18 i visitatori sono accolti dai volontari Tci per il Patrimonio culturale che, nell'ambito dell'iniziativa Aperti per Voi, danno accesso al deposito in piccoli gruppi (massimo 25 persone). Dipinti, stampe e arazzi sono stati infatti inseriti in un’apposita struttura reticolare scorrevole progettata per permettere la visita della collezione della Galleria Sabauda.



“Il Touring Club Italiano – sottolinea il direttore regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte Mario Turetta - si conferma come una preziosa risorsa nel sostegno alle attività di valorizzazione dei beni culturali del Piemonte, avvicinando i cittadini al patrimonio storico-artistico. Grazie a questa collaborazione, il deposito della Cavallerizza di Moncalieri si apre al pubblico, permettendo a tutti di poter godere della bellezza di queste opere in attesa della loro collocazione definitiva nel complesso del Polo Reale, nella Manica Nuova di Palazzo Reale”.



“L’apertura di un nuovo luogo a Torino – afferma Franco Iseppi, presidente del Touring Club Italiano – è l’occasione per mettere in evidenza, ancora una volta, l’importanza del ruolo che i volontari ricoprono oggi nella società. Il loro impegno è un indicatore del forte radicamento delle persone al territorio di origine, del senso di appartenenza e di responsabilità che le stesse provano nei confronti della propria città. Siamo lieti che da oggi, dopo Palazzo Chiablese e la Chiesa dello Spirito Santo, Aperti per Voi arricchisca il territorio torinese di questo luogo d’arte ricco di fascino e di storia.”



Info: tel. 011.5641729 e 011.5641731; www.apertipervoi.it