Scopri il mondo Touring

Visualizza

  • Viaggi
  • Destinazioni
  • Trieste
  • Localita
  • Civico Museo di Guerra per la Pace «Diego de Henriquez», Trieste, localita, Museo

Civico Museo di Guerra per la Pace «Diego de Henriquez»

localita

via C. Cumano 22 34139 Trieste (TS)
Telefono: 0406754699
L’esposizione ha un carattere essenzialmente archeologico e le collezioni presenti sono varie, secondo la tradizione triestina che vedeva le famiglie abbienti acquisirle per sé e poi donarle alla collettività. Non sorprende, quindi, che qui convivano una sezione egizia con reperti notevoli, tra i quali un bellissimo sarcofago in legno dipinto risalente alla XXI dinastia, e una dedicata ai vasi greci e italioti. I pezzi più originali tuttavia sono quelli della sezione preistorica e protostorica rinvenuti da Carlo Marchesetti, illustre direttore del Museo di Storia naturale, che nel 1886 diede inizio a importanti e fruttuose campagne di scavo in un’area che andava dall’Istria alla valle dell’Isonzo. Sono esposti strumenti lavorati del paleolitico medio, manufatti in selce del mesolitico, reperti in pietra levigata e in osso del neolitico (dal Carso); spade, vasi decorati, corredi di armi di epoca protostorica (dagli scavi di San Canziano del Carso e dal castelliere di Pizzughi in Istria), tra cui spiccano quattro urne cinerarie con decorazione geometrica e naturalistica (sec. VIII a.C.); eleganti pezzi di fattura celtica (sec. II-I a.C., dalla necropoli di San Canziano) e importanti materiali dei secoli VII-IV a.C., tra cui pugnali con fodero, sculture, vasi, ceramiche (dalla necropoli di Santa Lucia d’Isonzo, oggi Most na Soci, in Slovenia, il maggiore sito archeologico della civilta di Hallstatt a sud delle Alpi). Il museo si apre sul Giardino del Capitano, dal nome del 'capitano cesareo', il grand'ufficiale austriaco che governava la città per conto dell'imperatore e risiedeva nell'attiguo castello di S. Giusto: il giardino conserva lapidi, epigrafi e sculture di epoca medievale e moderna. Annesso al Civico Museo di Storia e Arte, l'Orto Lapidario è stato inaugurato nel 1843 sulle terrazze della dismessa area sepolcrale di S. Giusto e propone, attraverso un percorso didascalico molto ben leggibile, statue, frammenti e iscrizioni di epoca romana. L’esposizione è divisa per aree di provenienza dei reperti: zona triestina, Aquileia e zona istriana. Sulla quarta terrazza, il tempietto neoclassico (1847) che ospita il cenotafio a Winckelmann, monumento dedicato all’archeologo tedesco fondatore della storia dell’arte antica e promotore del gusto neoclassico, assassinato a Trieste nel 1768.
Informazioni
 Apertura: lunedì, mercoledì-venerdì 10-17, sabato e domenica 10-19

Scrivi la tua recensione