Scopri il mondo Touring

Visualizza

Genova

localita

Genova (GE)
Periferia di imperi e centro di traffici, luogo di conflitti e laboratorio di convivenza, splendente tra i suoi palazzi e ombrosa sotto le tettoie dei carruggi. Genova celebrata dai pittori, cantata dai poeti, disegnata dagli architetti e sporcata dalle industrie, sfigurata dal cemento. Quando si arriva sembra stia resistendo a qualcosa, tesa nello sforzo di rimanere aggrappata ai colli e alle montagne che la sovrastano con ascensori, cremagliere, fortezze e funicolari. Genova è una città di intrecci. Come i nodi delle reti da pesca e le braccia dei “camalli”, come i rami del basilico sui davanzali, o il labirinto dei carruggi che ha protetto i genovesi dagli assalti dei pirati e nascosto gli emarginati dal giudizio dei benpensanti. Ora la città rinasce dal suo passato. Il Porto Antico è aperto alla gente, alla musica, alle feste, vive un presente di tecnologia e cultura. La città è già proiettata nel futuro, è di nuovo la porta d’Europa sul Mediterraneo. Ma a quella porta il passato è tornato a bussare, e con insistenza. Una storia di cinquecento anni fa racconta di un genovese che scopriva un mondo nuovo, ora quel mondo si affanna per un posto sotto la Lanterna. Giovani sudamericani, africani, asiatici si affannano come i vecchi di Zena, tanti, attaccati alle ringhiere delle Creuze. Un simbolo della Superba è il Giano bifronte, uno sguardo ai monti e l’altro a perdersi nel mare. Due elementi che abbracciano la città e le regalano sole, brezza, i fiori più belli del mondo e una terra che offre alle tavole sapori e odori da far girare la testa. Bisogna venire a Genova, vederla e poi tornarci, e tornarci ancora, perché Genova vive di contraddizioni e non si riesce ad afferrarla, in fondo ha un’espressione un po’ così...

Scrivi la tua recensione