Scopri il mondo Touring
  • Home
  • Viaggiare
  • Rio Pusteria, un'estate da cartolina fra i monti dell'Alto Adige

Vacanze a contatto con la natura

Rio Pusteria, un'estate da cartolina fra i monti dell'Alto Adige

di 
Clelia Arduini
22 Giugno 2020
Tutto è pronto a Rio Pusteria per accogliere in sicurezza gli amanti delle montagne per eccellenza, le Dolomiti. Siamo in Alto Adige e questo territorio compreso tra la Valle Isarco e la Val Pusteria, punteggiato da oltre 30 malghe, si prepara per un’estate scacciapensieri a base di sport, visite guidate, corsi e momenti gourmet per ogni gusto ed età.
 
Per i più atletici, le vette diventano una palestra naturale per l’escursionismo, la bike, l’arrampicata, il parapendio.
Da non perdere le escursioni classiche che permettono di ammirare, fotografare o per i più esperti raggiungere la cima dei cosiddetti Big Five: il Picco della Croce (3.132 m), Cima Cadini (2.888 m), Cima Seefeldspitze (2.715 m), Cima Gaisjoch (2.641 m) e Astjoch (2.194 m). D’obbligo una sosta a Malga Fane, un villaggio alpino unico nel suo genere a 1.739 m sopra il paese di Valles.
 
 
Tra i sentieri tematici, invece, adatti anche ai più piccoli, non mancano percorsi dedicati a figure leggendarie e magiche, attraversando cascate, boschi incantati e ruscelli che invitano alla scoperta della flora e della fauna come il “sentiero degli Elfi” e o il “sentiero di Ywein”, da percorrere anche in passeggino.
 
E con Almencard Plus la mobilità è gratis e sostenibile: fornita senza alcuna spesa extra dagli alberghi aderenti all’iniziativa, permette di usufruire gratuitamente delle cabinovie Gitschberg e Jochtal e del collegamento con l’Alpe di Rodengo-Luson oltre che la funivia Maranza, i viaggi in treno all’interno della regione, i bus cittadini e le altre funivie.