Scopri il mondo Touring
  • Home
  • Viaggiare
  • In Riviera romagnola c'è un presepe di sabbia gigante

Realizzato a Bellaria-Igea Marina un presepe di sabbia scultoreo fra i più grandi d'Italia

In Riviera romagnola c'è un presepe di sabbia gigante

di 
Pierluigi Savina
10 Dicembre 2020
 
Domenica 6 dicembre Bellaria-Igea Marina, rinomata località di villeggiatura sulla riviera romagnola, ha inaugurato i presepi allestiti per il Natale 2020. Oltre a quello in stile marinaro lungo la banchina del porto canale, la fiabesca Snow Globe di piazza Matteotti e l’Albero dei desideri in piazzale Gramsci, Bellaria quest’anno ha fatto le cose decisamente in grande, realizzando due giganteschi presepi scultorei, uno tutto di sabbia e l’altro interamente in ghiaccio.
 


Il presepe di sabbia, allestito in viale Ennio, è al momento l’unico presepe di sabbia che si potrà vedere dal vivo in tutto il territorio nazionale. Con le sue centoventi tonnellate di sabbia, e grazie a un nutrito staff di scultori (tra cui Michela Ciappini, Gianni Schiumarini, Andrea Gaspari, Susanne Paucker, Franco Daga), è ubicato all’interno di una struttura costruita con le “americane” (le strutture dei palcoscenici) alla quale sono agganciate delle teste mobili (le classiche luci degli spettacoli teatrali). Inoltre, un maxischermo permette di cambiare lo sfondo della Natività rendendo ancora più spettacolare l’allestimento.
 


Il presepe di ghiaccio è addirittura il più grande a livello nazionale. Composto da 2.520 chili di ghiaccio con statue alte fino a due metri, è stato realizzato dalla campionessa italiana di scultura su ghiaccio Michela Ciappini, e rappresenta in chiave moderna quattro scene della quotidianità: la vitalità, la diversità, la cura e l’abbraccio. Per permettere l’accesso in totale sicurezza, ed evitare assembramenti, è stato creato un percorso che intrattiene le persone rallentandone l’afflusso.

Il claim di questa edizione è ‘Il Natale con noi. Così lontani, così vicini’. Una città, Bellaria-Igea Marina, che guarda con ottimismo ma anche senso di responsabilità all’evolversi della situazione sanitaria e a un eventuale allentamento delle misure anti contagio. «In un anno particolare, abbiamo fortemente voluto dare un segnale di presenza, di vicinanza, di speranza. In primis verso i nostri concittadini, ma anche con la volontà di presentare, laddove ve ne siano le condizioni, una città bella, accogliente e attrattiva agli occhi dei visitatori delle località limitrofe o anche ospiti provenienti da fuori», è la riflessione del sindaco Filippo Giorgetti e dell’Assessore al Turismo Bruno Galli.