Scopri il mondo Touring

In mostra alla Gal di Milano le futuristiche creazioni di Joe Colombo

Il designer venuto dal futuro

di 
Isabella Brega
16 Agosto 2022
C’è tempo fino al 4 settembre per ammirare alla Gam di Milano la grande retrospettiva dedicata a uno dei più visionari fra i designer italiani, il milanese Cesare (Joe) Colombo (1930-1971) che, grazie alla sua incontenibile fantasia, ha anticipato tendenze, studiato nuove tecnologie, materiali e soluzioni sui modi di vivere il domani. A questo campione della stile futuribile, caratterizzato da forme insolite e originali, con sistemi d’arredo dinamici e flessibii e dai colori accesi, Milano dedica una retrospettiva che ne ripercorre la breve vita.
In dieci anni infatti Colombo, arrivato al design dopo un diploma all’Accademia di Brera e una adesione al Movimento Nucleare di cui facevano parte anche Enrico Baj, Lucio Fontana e Bruno Munari, brucia le tappe.
 
Nel 1953 arreda il Jazz Club Santa Tecla di Milano con un collage di manifesti e manichini disintegrati che pendono dal soffitto e dalle pareti, l’anno successivo installa alla Triennale di Milano le Edicole Televisive, dove apparecchi Zenit diffondono immagini e trasmissioni informative. 
Nel 1958 la malattia del padre Giuseppe lo porta a entrare nell’azienda di famiglia, dove sperimenta le ultime tecniche di produzione e i nuovi materiali come il PVC, la fibra di vetro e il poletilene, avvicinandosi al mondo del design.
 
 
Dal suo studio usciranno il Sistema Programmabile per Abitare, monoblocchi polifunzionali come la MiniKitchen per Boffi e il Box 1 per La Linea e gli Habitat Futuribili come Visiona 1 per Bayer e il Total Furnishing Unit per il Moma di New York. Molti i premi, dal Compasso d’Oro per la lampada Spider e per il Candyzionatore della Candy o il premio SMAU per il carrello Boby di B-Line.
A soli 41 anni sarà la morte a privare l’uomo che progettava il futuro di averne uno.