Scopri il mondo Touring

Con il patrocinio del Tci, l'evento internazionale racconta il popolo che ha cambiato la storia europea

Parte da Pavia la mostra-evento sui Longobardi

di 
Fabrizio Milanesi
1 Settembre 2017

Quanti e quali segreti sul “popolo dalle lunghe barbe” ancora rimarranno tali dopo questa mostra-evento? A guardare le forze messe in campo sembra pochi. Ma occorre davvero vederla e rivederla questa maxi-esposizione sul popolo longobardo. Le premesse sono infatti “maestose” se contiamo addirittura tre sedi che si passeranno il testimone per comunicare i risultati di 15 anni di ricerche scientifiche.

La mostra prende il via il primo settembre nei Musei Civici del Castello Visconteo di Pavia, che si rimetterà idealmente i panni di capitale del “Regno Longobardorum”. Poi sarà la volta di Napoli (al Mann, dal 15 dicembre) e San Pietroburgo (all’Ermitage, da aprile 2018).

300 OPERE, PERLOPIU’ INEDITE
Da una attività meticolosa di indagine archeologica, epigrafica e storico-politica avvenuta su siti e necropoli datate nell’Alto Medioevo, con l’appoggio e la collaborazione del MIbact, si è arrivati a poter esporre oltre 300 opere. Più di 100 i musei e gli enti prestatori; oltre 50 gli studiosi coinvolti nelle ricerche. 32 i siti e i centri longobardi rappresentati in mostra, 58 i corredi funerari esposti integralmente, 17 i video originali e le installazioni multimediali (touch screen, oleogrammi, ricostruzioni 3D, ecc.); 4 le cripte longobarde pavesi, appartenenti a soggetti diversi, aperte per la prima volta al pubblico in un apposito itinerario; centinaia i materiali dei depositi del MANN vagliati dall’Università Suor Orsola Benincasa, per individuare e studiare per la prima volta i manufatti d’epoca altomedievale conservati nel museo napoletano.
 

 
LONGOBARDI, CONQUISTATORI O ANCHE MEDIATORI?
Il dubbio è ovviamente retorico. Ricostruendo le grandi sfide economiche e sociali affrontate dai  Longobardi e le relazioni del popolo barbaro con le civiltà mediterranee il profilo che si delinea è di una comunità sicuramente conquistatrice e guerriera, che non disdegnava, anzi alimentava la mediazione culturale in secoli di guerre e scontri. Il Ducato di Benevento, rimasto in vita come stato indipendente sin oltre la metà dell’XI secolo, non solo conservò memoria e retaggio del Regno di Pavia abbattuto da Carlo Magno nel 774, ma elaborò un proprio originale ruolo di trait d’union fra le culture mediterranee e l’Europa occidentale.
 
La mostra nasce con l’intento di aprire lo sguardo dalla metà del VI secolo, dalla presenza gotica in Italia alla fine del I millennio), approfondendo l’eredità del popolo longobardo che nel 568, guidato da Alboino, varca le Alpi Giulie e inizia la sua espansione sul suolo italiano: una terra divenuta crocevia strategico tra Occidente e Oriente, un tempo cuore dell'Impero Romano e ora sede della Cristianità, ponte tra Mediterraneo e Nord Europa.
 

Il PATROCINIO E IL CONTRIBUTO DEL TCI
A uno sforzo di ricerca e promozione culturale così intenso il Touring Club Italiano non poteva sottrarsi. Il Tci con passione ha dato il suo patrocinio alla grande mostra e grazie all’impegno del giovane Club di territorio di Pavia aggiungerà all’esposizione proposte ed eventi integrativi. (Ricordiamo che quest’anno la grande novità è l’impegno dei volontari di Aperti per Voi nell’apertura della chiesa pavese di San Pietro in Ciel d’Oro).
 

Il Touring Club Italiano apre le porte di 74 luoghi d’arte

SCOPRILI TUTTI
 
Club di Territorio e i volontari di Aperti per Voi, a partire dal weekend inaugurale della mostra fino all’ultimo weekend in terra pavese, accoglieranno i visitatori alla cripta longobarda della chiesa di S. Giovanni Domnarum. Mentre "è programmata per sabato 14 ottobre una vera e propria mostra alternativa. Si intitola infatti Contempora langobardorum - per fare seguito alle nostre tre precedenti Contempora basilica – sottolinea il console Tci di Pavia Sergio Ferrari -. Questa volta si terrà all'interno delle ultime sale del percorso della mostra principale e, anziché artisti pavesi dilettanti e semi-dilettanti  parteciperanno artisti pavesi di vaglio nazionale e oltre". La mostra nostra si chiuderà il 3 dicembre, contemporaneamente all’evento principale.
 
GUARDA IL VIDEO CHE PRESENTA LA MOSTRA
 
 
INFORMAZIONI E MONDO TOURING
Longobardi. Un popolo che cambia la storia
1 settembre 2017 - 3 dicembre 2017
Pavia, Castello Visconteo
Orari: da martedì a domenica dalle 10 alle 18, lunedì dalle 10 alle 13 (solo per gruppi con visita guidata organizzata dai Musei. Per informazioni è possibile scrivere a museicivici@comune.pv.it). La biglietteria cessa 45 minuti prima dell’orario di chiusura della mostra. Ultimo ingresso per i gruppi prenotati: ore 16.40.
Prenotazioni e informazioni: tel. 03821990037 (Lun-Ven 8.30 - 18 e Sab 9-13) 
Prezzi: intero: 12 euro; ridotto: 8 euro. Il prezzo ridotto viene applicato anche ai soci TCI.
Vai alla pagina Facebook del club di territorio Tci di Pavia
 
 
 

Dai un aiuto concreto per valorizzare i tesori d’Italia 

DIVENTA SOCIO