Scopri il mondo Touring

Il riconoscimento assegnato al capoluogo emiliano

Parma è Capitale italiana della cultura 2020

16 Febbraio 2018
 
Parma è la Capitale italiana della cultura 2020. Lo ha comunicato oggi il presidente della giuria Stefano Baia Curioni al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini.

Le città in corsa per il titolo di Capitale italiana della cultura, oltre a Parma, erano nove: Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro, Piacenza, Reggio Emilia, Treviso.

Come ha detto spesso Baia Curioni durante varie presentazioni, il riconoscimento di Capitale italiana della cultura è un riconoscimento alla capacità di progetto, non alla città più bella o ricca di storia. "I progetti hanno fatto bene a noi, che li abbiamo ascoltati. Hanno dato un'immagine diversa da quella che siamo abiutati ad ascoltare: ci hanno raccontato resilienza, capacità di risalire, tenuta civile, desiderio di riscatto" ha detto Baia Curioni oggi, durante la premiazione. "Abbiamo riscontrato anche capacità di alleanza e capacità di fare squadra, a livello regionale e tra pubblico e privato, tra lingue e culture diverse. E poi, abbiamo riscontrato creatività della produzione culturale e volontà di cambiare: un tratto comune, quest'ultimo, una capacità non ideologica, orientata al fare". 

LE MOTIVAZIONI DI PARMA
“Esempio virtuoso – così recita la motivazione - e di elevata qualità nella progettazione territoriale a base culturale. I suoi punti di forza sono rappresentati in particolare dalla capacità di attivare e coordinare un sistema estremamente complesso di soggetti, allargato su base territoriale estesa. Il progetto, infatti, enfatizza un forte, attivo, coinvolgimento dei privati e delle imprese del territorio, una stretta relazione con il mondo dell’università e della ricerca, con il mondo della cultura e del welfare; dalla presenza di un rapporto consapevole tra rivitalizzazione urbana, integrazione sociale e produzioni cultuali con riferimento esplicito all’attivazione di distretti; da un sistema di offerta culturale di ottimo livello realizzato con una esplicita attenzione ai giovani,  all’integrazione tra discipline artistiche, con particolare riferimento alla tradizione musicale”.


 
IL PROGETTO PARMA 2020
Ecco in sintesi il progetto di #Parma2020. "Sette distretti socio-culturali, dislocati in diverse aree della città, che diventano spazi di creatività, riflessione, rigenerazione e innovazione. Una Parma nuova che sta nascendo offre alla Parma storica e ai suoi palinsesti temporali l’occasione di vivere dentro l’oggi, in una città multiculturale che costruisce giorno per giorno la sua contemporaneità. Trentadue progetti stretti attorno al claim della candidatura – La cultura batte tempo – e ad un ambizioso progetto pilota. Trentadue sfide divise in produzioni, cantieri, esposizioni e rassegne, costruite insieme a tutte le istituzioni, le associazioni e le forze nazionali e europee di Parma e del territorio che la circonda, in una sinergia virtuosa tra pubblico e privato resa stabile a partire da questa candidatura. Trasformare lo spazio significa rigenerare il tempo che quello spazio produce, significa mettere in gioco una visione di città trasversale ai vari ambiti: dalla cultura all’urbanistica, dal sociale al turismo, dall’ambiente agli educativi e alle pari opportunità. Parma 2020 è una città intera, capace di fare impresa e di presentare un modello culturale a più voci e al contempo unitario, che dovrà guidarla da subito e negli anni a venire".

 
L'INIZIATIVA
La Capitale italiana della cultura è una novità introdotta con il Decreto Legge 31 maggio 2014, n. 83, contenente nuove misure in materia di tutela del patrimonio culturale, sviluppo della cultura e rilancio del turismo (convertito in legge e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 175 del 30 luglio 2014). In particolare, il provvedimento conteneva le misure ArtBonus, atte a favorire il mecenatismo culturale attraverso un credito di imposta al 65% per gli anni 2014 e 2015 e al 50% per il 2016.

Nel 2015 il titolo è andato a cinque città (Lecce, Siena, Cagliari, Perugia-Assisi e Ravenna), che erano le "sconfitte" al titolo di Capitale europea della cultura 2019, andato a Matera
Per la Capitale italiana della cultura 2016 è stata invece scelta Mantova; per il 2017 Pistoia; per il 2018 Palermo.  
 

Il Touring Club Italiano apre le porte di 74 luoghi d’arte

SCOPRILI TUTTI

La prescelta di oggi è dunque la quarta ad avere il ruolo di capitale da sola per un anno intero e a ottenere un milione di euro dal Ministero dei Beni Culturali per la realizzazione del suo progetto. Novità di quest'anno: Enel ha firmato con il Mibact un progetto di sviluppo ecosostenibile per le città che diventeranno Capitali della Cultura.
 



 

Dai un aiuto concreto per valorizzare i tesori d’Italia 

DIVENTA SOCIO